The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   
ARCHIVIO




"Terre degli Svevi" - grande affluenza di pubblico e grande successo per

pubblicato il 29/05/2013 10:18:55 nella sezione "Fiere & eventi"
Terre degli Svevi - grande affluenza di pubblico e grande successo per
Venosa (Pz) - Si è rinnovato domenica 26 maggio l'appuntamento con Cantine
Aperte in tutta Italia. Quasi presa d'assalto la Cantina Terre degli Svevi del
Gruppo Italiano Vini dove si è degustato l'ottimo Aglianico del Vulture Re
Manfredi oltre al profumatissimo bianco e all'eccezionale rosato prodotto
dall'Azienda. Vari prodotti tipici lucani e Catering, insieme ad ottima musica
hanno allietato il pubblico. Vera ciliegina sulla torta il "live" di pittura
col vino realizzato dalla famosa Artista del Vino Arianna Greco. Salentina di
nascita, Ambasciatrice del Museo di Pulcinella di Napoli, Artista scelto dal
Museo Taruffi e con un Curriculum artistico eccellente, Arianna Greco ha
realizzato con i vino presenti in degustazione, un'opera di forte impatto e
significato, la "Donna VITRUVIANA". Il filo conduttore, basato sulla perfezione
della donna e' stato mantenuto dall'Artista che ha incuriosito il pubblico
incredulo, invitandolo ad avvicinarsi per annusare, rendendosi conto che si
trattava effettivamente di Vino! L'ideatrice della tecnica dell'Arte di
dipingere col vino, nota a livello Nazionale e Internazionale, citata finanche
dall'Huffington Post, ha dato un'ulteriore conferma della sua bravura e del suo
ingegno, unico.
Leggi per intero >

Vini Testamatta Protagonisti della Cena nel Nuovo Giardino de "La Beppa Fioraia" a Firenze

pubblicato il 29/05/2013 10:05:59 nella sezione "Fiere & eventi"
Vini Testamatta Protagonisti della Cena nel Nuovo Giardino de La Beppa Fioraia a Firenze
Giovedì 13 giugno - via dell'Erta Canina 6, Firenze




Un luogo incantato quello che ha da poco inaugurato il Ristorante La Beppa Fioraia: si tratta del nuovo giardino circondato dalle antiche mura di Firenze, dove appaiono, nella loro maestosità, Forte Belvedere e l'affascinante chiesa di San Miniato.

Giovedì 13 giugno, dalle ore 20 in poi, si terrà proprio in questo nuovo angolo di verde e pace una cena-buffet in abbinamento con un'intrigante selezione dei vini Testamatta Bibi Graetz di Fiesole, spiegati al pubblico dal giovane team aziendale. I vini in degustazione saranno Bugia Igt Toscana Bianco da uve Ansonica dell'Isola del Giglio, Vermentino Igt Toscana Bianco, Casamatta Rosso Igt 100% Sangiovese e Il Soffocone di Vincigliata Igt Toscana Rosso, 90% Sangiovese e 10% tra Canaiolo e Colorino.







Ogni vino troverà il suo perfetto abbinamento in un menu studiato ad hoc per la serata

15 euro con inclusa la degustazione di tutte le etichette




Menu

cena-buffet fino alle ore 22.30




Insalatina di polpo, patate, taccole e datterini

Vermentino Igt




Crostini con “Polpo patate e pesto”, “Salsa all'aglio, acciuga marinata e cipolla di Tropea”, “Pomodoro San Marzano ed acciuga sotto sale”, “Patate, salmone affumicato e vinagrette”, “Verdure grigliate e mozzarella di bufala”

Bugia Igt o Vermentino Igt




Crostini con “Cipolla in saor e gorgonzola”, “Lardo pecorino e miele”, “Polentine fritte e fegato”

Casamatta Rosso Igt o Il Soffocone di Vincigliata Igt Toscana Rosso




Fusilli lime, avocado, gamberi e pomodorini

Bugia Igt



Cous cous di cinghiale all'arancia

Soffocone di Vincigliata Igt



Spiedino calamari e verdure con maionese agli agrumi

Bugia Igt




Spiedino pollo e verdure con salsa tzatziki

Vermentino Igt




Gradita la prenotazione

Leggi per intero >

Montepulciano:De Chirico In Mostra dall'8 Giugno

pubblicato il 29/05/2013 09:54:26 nella sezione "Arte Wine"
Montepulciano:De Chirico In Mostra dall8 Giugno

Si potrebbe definire un battesimo quello che avverrà il prossimo 8 giugno quando le porte della Fortezza di Montepulciano si apriranno per ospitare migliaia di appassionati attesi per la mostra “Giorgio de Chirico. Il ritratto - Figura e forma”. Il progetto espositivo, a cura di Katherine Robinson, presenterà al visitatore 68 opere del Maestro, provenienti dalla collezione della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma. In programma fino al 30 settembre 2013, la mostra dedicata allo straordinario inventore della pittura metafisica arricchisce il ciclo delle esposizioni estive inaugurato nel 2011 con la collezione dei Macchiaioli e proseguito lo scorso anno con “Il drago e la farfalla. Immagini di Cina a Montepulciano”.



Ad ospitare la mostra, realizzata dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte e dalla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, con il sostegno del Comune di Montepulciano, della Provincia di Siena e del Rotary Club locale, sarà come detto la Fortezza, uno degli edifici più rappresentativi del borgo rinascimentale toscano che con il Vino Nobile ha un forte legame. E non solo perché ormai da anni è sede dell’evento più importante realizzato dal Consorzio, l’Anteprima del Vino Nobile, ma soprattutto perché gran parte del suo restauro è stato possibile grazie al contributo degli stessi produttori.



Un investimento costato in tutto circa 2 milioni e mezzo di euro, per il restauro di un edificio destinato a diventare il punto di riferimento delle attività “enoculturali” di Montepulciano insieme alla sede toscana dell’Università statunitense di Kennesaw (Georgia) e dove, dal 2014, troveranno posto gli uffici del Consorzio del Vino Nobile e una enoliteca consortile (la Casa del Vino Nobile) dove non solo sarà possibile degustare e acquistare le etichette dei soci del Consorzio, ma anche prodotti del territorio. «Fa parte di quello che noi chiamiamo da un po’ di anni il “Sistema Montepulciano” – spiega il coordinatore del Consorzio, Paolo Solini – un chiaro esempio di come unendo le forze si possono creare importanti veicoli promozionali ed economici per l’intero territorio, a partire proprio da uno dei prodotti di punta, il Vino Nobile, che come Consorzio promuoviamo in tutto il mondo insieme alle altre eccellenze di Montepulciano».



Il binomio “arte-vino” sarà ancora più rafforzato da un programma di degustazioni promosse dal Consorzio in collaborazione con i curatori di questo evento artistico unico che offrirà al pubblico italiano e internazionale l’occasione per approfondire i temi classici del ritratto e dell’autoritratto svolti nelle loro molteplici forme dal “Pictor Optimus”. Il percorso che si snoda attraverso 68 opere, 44 dipinti, 7 sculture e 17 lavori su carta, ripercorre cinquant’anni (1925-1976) della produzione artistica di de Chirico e si completa con una sala dedicata alla proiezione di un documentario storico sul Maestro. Tra le opere più significative della sezione dedicata al ritratto classico, si distinguono il celebre Autoritratto nudo del 1945, il grande Bagnanti (con drappo rosso nel paesaggio) anch’esso del 1945, l’Autoritratto nel parco con costume del Seicento (1959) e il Ritratto di Isa, vestito rosa e nero (1934). Nella sezione della Neometafisica troviamo i più famosi soggetti dechirichiani: i manichini, rappresentati da Ettore e Andromaca (1970), il celebre tema della Piazza d’Italia, con Piazza d’Italia con statua di Cavour (1974) e l’Archeologo con Il Pensatore (1973) e il sorprendente Meditatore (1971). La mostra si completa idealmente al Museo Civico con tre preziose opere provenienti dalla Collezione Casa Siviero messe a disposizione dalla Regione Toscane e cioè il Ritratto della madre (inizio anni ’20), il Ritratto di Elide (1923) e il Ritratto di Raissa come bagnante seduta del 1930. Il sito ufficiale della mostra è
www.dechiricomontepulciano.it.

Leggi per intero >

Anna Fendi 'griffa' anche vini
lazio (roma) roma

pubblicato il 27/05/2013 10:54:30 nella sezione "News Wine"
Anna Fendi griffa anche vini
Debutta collezione Aeffev di Anna Fendi

L'alta moda abbraccia il mondo del vino e della cucina. A creare questo corto circuito tra eccellenze del Made in Italy e' la stilista Anna Fendi che in settimana debuttera' nell'inedito ruolo di selezionatrice di vini e grappe. Per la Selezione Aeffev Anna Fendi Vini, la stilista e patronne d'hotellerie non diventera' produttrice ma scegliera' vini da 21 piccole realta' produttive italiane, artigiani del Barolo, Soave, Prosecco Superiore, grappa, e via dicendo.

Ad ogni cantina e distilleria e' stato chiesto di dedicare ad Anna Fendi una linea esclusiva, a volte un filare, o una barrique, oppure un'annata. Non piu' di 600 bottiglie per varieta', una partita in esclusiva che verra' 'griffata' per creare la collezione Aeffev dando voce a 21 terroir italiani. A caratterizzare questo nuovo brand vinicolo le etichette che richiamano la moda e l'alta sartoria, da Lame' a Spina di pesce.

Al debutto del vino di casa Fendi si affianca la novita' di alta cucina: lascia Viterbo lo chef stellato del Ristorante Enoteca la Torre Danilo Ciavattini per approdare all'hotel boutique superlusso Villa Laetitia a Roma, altra nuova attivita' della Fendi.
Leggi per intero >

VIII Concorso Nazionale "Valtenesi Garda Classico" : Tutti i Premiati

pubblicato il 27/05/2013 10:35:55 nella sezione "News Wine"
VIII Concorso Nazionale Valtenesi Garda Classico : Tutti i Premiati
Ecco tutti gli "eccellenti" premiati a
Polpenazze

1 premio
Soc. Agr. Pietta S.S.- Muscoline Garda Garda Classico Bianco
Az. Agr. La Basia di Parona E. – Puegnago Valtenesi Chiaretto
Avanzi Agricola srl – Manerba del Garda Garda Classico Chiaretto
Divino Rosso Soc. Agricola s.s. – Soiano del Lago Garda Classico Chiaretto
Az. Agr. L’Ulifi di Silvano Delai – Polpenazze del Garda Garda Classico Chiaretto
Az. Agr. Fioralba di Vezzola Adriano Polpenazze del Garda Valtènesi 2011
Bioagricola Podere dei Folli di Eligio Folli e Figli – Polpenazze del Garda Valtènesi 2011


2 premi
Soc. Agr. Bergognini F.lli di Bergognini Aurelio e C.- Polpenazze del Garda Garda Garda Classico Bianco
Garda Bresciano Chiaretto

Az. Agr. Bottarelli Franco e Valerio – Polpenazze del Garda Garda classico Groppello 2011 - Rosso sup. garda classico annata 2011

Soc. Agr. Delai di Delai Sergio e C. – Puegnago - Garda Bresciano Chiaretto - Garda Bresciano Groppello 2011

Cantine Scolari s.r.l. – Puegnago Garda Classico chiaretto - Valtènesi 2011

Civielle Cantine della Valtenesi e della Lugana – Moniga de Garda -Valtènesi “Pergola” 2011 - Valtènesi “Eusebio” 2011

3 premi

Az. Agr. Turina F.lli Società Agricola S.S. – Moniga del Garda Valtenesi Chiaretto - Garda Classico Groppello 2012 - Valtènesi 2011

4 premi

Az. Agr. Provenza W. Contato s.s. – Desenzano de Garda Garda classico Groppello “Joel”2011
Garda classico rosso“Fabio Contato” annata 2009 – garda classico rosso “ Negresco “annata 2009- Garda Classico chiaretto

Cantina Franzosi di Franzosi Bruno e figli sas – Puegnago rosso sup. garda classico annata 2011 – rosso superiore “ Privilegio” annata 2009 - Garda Classico chiaretto - garda classico rosso Parco Alto” annata 2012


Palio Valtènesi CHIARETTO:
Az. Agr. La Basia di Parona E. – Puegnago

Palio Valtènesi
Cantine Scolari s.r.l. – Puegnago


20° GRAN PREMIO DEL SALAME DOC


1° classificato TALAMAZZI CARLO Manerba del Garda
2° classificato BRUNORI RUGGERO Polpenazze del Garda
3° classificato BODEI MARCELLO Polpenazze del Garda
Leggi per intero >

Polpenazze: ecco gli "Eccellenti" dell'Edizione 2013

pubblicato il 27/05/2013 10:29:46 nella sezione "Fiere & eventi"
Polpenazze: ecco gli Eccellenti dellEdizione 2013
La 64esima edizione della Fiera di Polpenazze è stata inaugurata ufficialmente questa mattina, con la consueta cerimonia della domenica alla presenza di una vasta rappresentanza di autorità: a 28 etichette la qualifica di “Eccellente” conferita dall’ottavo concorso enologico nazionale Doc Valtènesi-Garda Classico.



Si avvia a conclusione la 64esima edizione dalla Fiera del Vino Garda Classico Doc di Polpenazze (Bs): questa mattina, domenica 26, si è svolta la tradizionale cerimonia di inaugurazione ufficiale, che ha tenuto banco in Castello di fronte a numerose autorità, ospiti del sindaco e presidente della Fiera Andrea Dal Prete. Erano presenti tra gli altri l’assessore al turismo della Provincia di Brescia, Silvia Razzi, il presidente del Consorzio Valtènesi, Sante Bonomo, il presidente dell’Unione Comuni della Valtènesi e sindaco di Manerba Paolo Simoni, oltre ad a sindaci ed altri esponenti dei comuni del territorio. DomaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani, lunedì 27, l’ultima giornata di apertura: la manifestazione si potrà visitare a partire dalle 18 fino a mezzanotte per l’ultima tornata di degustazioni dei vini delle 18 aziende presenti, accompagnate dal classico spiedo e da altre tipicità del territorio.

Nel corso della giornata sono stati resi noti i nomi delle etichette vincitrici del concorso enologico nazionale Doc Valtènesi-Garda Classico, istituito dal Ministero per le Politiche Agricole: gli “Eccellenti” di questa edizione, cioè i vini arrivati ad un punteggio minimo di 85/100, sono 28 su 60 campioni totali. A due aziende di Puegnago, La Basia e Scolari, è andato il premio speciale istituito quest’anno per la prima volta dall’amministrazione comunale rispettivamente per le tipologie Valtènesi Chiaretto e rosso che hanno ottenuto il punteggio più alto. Assegnati anche i riconoscimenti del Palio del Salame. E’ stata inoltre presentata in anteprima la tesi sul “Vitigno Groppello nell’elaborazione del Chiaretto della Valtènesi” che il giovane Marco Coccoli, dell’azienda Due Pini di Polpenazze, presenterà nei prossimi giorni all’Università di Scienze e Tecnologie viticole ed enologiche di Verona.

Scoprite tutti i
premiati




Leggi per intero >

Grappa del Trentino: Al Via Tour Internazionale

pubblicato il 27/05/2013 10:09:30 nella sezione "Fiere & eventi"
Grappa del Trentino: Al Via Tour Internazionale
Aprire al mercato del Nord Europa. E’ uno degli obiettivi principali della “settimana svizzera” della Grappa del Trentino. Promosso dall’Istituto di Tutela della Grappa del Trentino, in collaborazione con il Consorzio di Tutela dei Vini del Trentino, l’evento si snoderà in diverse serate, a partire dal 27 maggio fino al 1 giugno prossimi. Ristoranti quotati di Zurigo ospiteranno cene durante le quali saranno in mostra i prodotti trentini, a partire dalle materie prime, passando per i vini, per concludere con le grappe a marchio tridente.



«Una iniziativa che abbiamo pensato per rafforzare un mercato già ricettivo come quello svizzero – spiega il presidente dell’Istituto, Beppe Bertagnolli – e che al contempo deve servire per stimolare buyer ed operatori del settore che operano anche in altri mercati di nostro interesse, quali quelli tedesco e nord europeo dove il nostro prodotto è già conosciuto, ma dove le potenzialità sono ancora molto importanti».



Nel frattempo, dal 23 fino al 27 maggio, l’Istituto sarà presente con una propria area degustazione alla Mostra dei Vini del Trentino, il grande evento che si svolgerà come di consueto a Trento, nella splendida cornice di Palazzo Roccabruna. Oltre a conoscere da vicino l’arte della distillazione in Trentino, con la possibilità di degustazioni guidate sui vari prodotti in assaggio, saranno presenti oltre 40 diverse etichette tra cui circa 30 grappe cosiddette “giovani”, comprese quelle realizzate con monovitigni autoctoni (Teroldego, Nosiola, Marzemino), il vero vanto della grappa del Trentino. Inoltre oltre 10 grappe che hanno fatto un passaggio in legno. «In questa edizione della Mostra – commenta Bertagnolli – torniamo a dare maggiore visibilità alle grappe monovitigno che sono poi quelle che rappresentano bene il nostro territorio e che fanno la forza del nostro prodotto». A Palazzo Roccabruna gli appassionati avranno un modo facile e diretto per incontrare i produttori nel loro territorio e la possibilità di degustare, ma anche di scoprire le distillerie stesse con la possibilità di poter fissare delle visite in azienda.



La produzione annua di grappa del Trentino rappresenta circa il 10% di quella nazionale, vale a dire circa 4 milioni di bottiglie equivalenti (da 70 centilitri). La produzione media annua di grappa in Trentino è di circa 10 mila ettanidri di grappa distillando, sempre in media annua,16 mila tonnellate di vinaccia. Tre le tipologie principali di grappa prodotta: quella da uve aromatiche (40% del totale), quella destinata all’invecchiamento (circa il 35%) e quella da vinacce miste (circa il 25% della produzione). Il fatturato medio annuo che la grappa genera in Trentino è calcolato intorno ai 15 milioni di euro per l’imbottigliato e 2 milioni di euro per quanto riguarda la materia prima. La quota export rappresenta circa il 20 per cento del totale.



L’Istituto di Tutela della Grappa del Trentino è nato nel 1960 con l’obiettivo di tutelare e promuovere il prodotto. OggiAggiungi un appuntamento per oggi conta 29 soci dei quali 21 sono distillatori e rappresentano la quasi totalità della produzione trentina ed ha il compito di valorizzare la produzione tipica della Grappa ottenuta esclusivamente da vinacce prodotte in Trentino e di qualificarla con un apposito marchio d’origine e qualità: il tridente con la scritta “Trentino Grappa”.



Trento, 23 maggio 2013, C.s. 02


Leggi per intero >

La Qualità Peroni Sale sul Podio

pubblicato il 23/05/2013 10:26:42 nella sezione "Non solo vino"
La Qualità Peroni Sale sul Podio
Il marchio Peroni, sempre più sinonimo di qualità ed eccellenza, continua a segnare il suo percorso unico nel panorama delle birre italiane.

Dopo aver vinto a settembre il prestigioso premio "Sapore dell'Anno 2013", riconoscimento internazionale di qualità enogastronomica attribuito dai consumatori attraverso accurate analisi sensoriali sui prodotti, nell’anno in corso Peroni ha partecipato con la sua vasta gamma di birre ad altri due prestigiosi concorsi: New York International Beer Competition 2013 e Monde Selection 2013. L'eccellenza italiana di Peroni è stata premiata in entrambe le competizioni.

Al New York International Beer Competition i premi conquistati da Peroni sono stati tre: Medaglia “Silver” con Peroni Rossa nella categoria Vienna Style Lager; Medaglia “Bronze” con Peroncino nella categoria International Lager e Medaglia “Italy Brewery of the Year” in qualità di birreria d’eccellenza del “Bel Paese”. Successo importante quello newyorkese, indice di come la qualità tutta italiana dei prodotti Peroni sia apprezzata fin oltre oceano. Anche al Monde Selection di Bruxelles, Peroni si è aggiudicata importanti riconoscimenti: sono ben quattro infatti le medaglie d’oro portate a casa dal marchio italiano assegnate a tutti i prodotti presentati; sul gradino più altro del podio sono arrivate Peroni, Peroni Rossa, Peroni Gran Riserva e Peroncino. Il New York International Beer Competition è un concorso internazionale, inserito all’interno del New York International Beverage Competition, fondato da Adam Levy nel 2012. La competizione è unica nel suo genere grazie alla speciale composizione della giuria che aggiudica i premi: questa è infatti formata da distributori, importatori e ristoratori che si riuniscono per stabilire le future inclinazioni del settore. Il NYIBC, anche se è giunto solo alla seconda edizione, è considerato un concorso molto importante, poiché una delle sue peculiarità è quella di premiare meno del 25 per cento dei prodotti presentati.

Il Monde Selection è un concorso fondato nel 1961 a Bruxelles ed il comitato per le procedure di valutazione conta più di 70 tra scienziati, esperti, consulenti nutrizionali, sommelier e chef di ristoranti prestigiosi. La procedura di valutazione per questo concorso si basa principalmente su prove organolettiche per misurare la qualità sensoriale. Per garantire imparzialità ogni giurato deve compilare singolarmente e indipendentemente una scheda di giudizio che contiene fino a venti diversi parametri di analisi. Ogni giuria è composta da almeno otto esperti e leader di giuria con molti anni di esperienza al Monde Selection. Per garantire obiettività nella valutazione della qualità del prodotto, il risultato finale viene calcolato sulla base dei punteggi medi dati dai vari membri della giuria e Peroni è riuscita a salire sul podio più alto con tutta la gamma dei suoi prodotti. Con la nuova campagna di comunicazione “La passione è per noi”, Peroni sottolinea il suo sostegno a tutte le persone che mettono passione in quello che fanno, dando così il meglio di sé. Proprio come Peroni, prodotta con passione dal 1846 e pensata da Giovanni Peroni per offrire agli italiani una birra di alta qualità, dal gusto rotondo e bilanciato, con un equilibrio perfetto tra dolce ed amaro. Con questi risultati di grande prestigio Peroni continua ad essere la birra preferita dagli italiani.



Fonte
ANSA
Leggi per intero >

Cantine Aperte: Vino Arte Musica, Solidarietà e Ambiente

pubblicato il 23/05/2013 10:23:04 nella sezione "Fiere & eventi"
Cantine Aperte: Vino Arte Musica Solidarietà e Ambiente
Si avvicina l’appuntamento con Cantine Aperte del Movimento Turismo Vino: domenica 26 maggio il vino va di scena nelle mille aziende Mtv in tutto il territorio italiano, declinato con proposte originali a tema ‘amicizia’ - dall’arte alla solidarietà, dalla musica all’ambiente – per festeggiare la 21/na edizione del principale appuntamento del Movimento che ogni anno riunisce oltre un milione di enoappassionati, pronti a scoprire i segreti e le curiosità del nettare di Bacco direttamente nei suoi territori di produzione.

Si va dai wine safari in jeep in provincia di Perugia alla sciabolata nella più alta cantina spumantistica d’Europa in provincia di Bolzano; dal carpooling in Puglia al tour delle Vespe a Trento, fino al raduno di Ferrari d’epoca in provincia di Udine.

E per celebrare l’amicizia tra terre diverse, a Montefusco in provincia di Avellino sfilerà un suggestivo corteo di auto, quello del registro Fiat Auto Storiche della regione Puglia, tra le vigne. Sul fronte della solidarietà, ‘Unico, speciale e…naturalmente biologico’ è il progetto che in provincia di Venezia (Veneto) coinvolgerà ragazzi diversamente abili, impegnati nella produzione di Cabernet senza solfiti aggiunti, dalla raccolta dell’uva fino all’imbottigliamento.

A sostegno dell’Africa c’è invece la Sardegna che devolverà parte del ricavato delle vendite dei bicchieri all’associazione Africadegna. Mentre in Umbria conNovità di quest'anno l'"Enometro": sarà possibile accedere a 6 degustazioni di vino in tutte le cantine che aderiscono alla manifestazione del Movimento Turismo del Vino e il ricavato della vendita del bicchiere da degustazione (costo 5 euro) verrà devoluto al comitato Daniele Chianelli, l'associazione per la ricerca e la cura delle leucemie.

L’Enometro (misuratore di degustazioni) si potrà sostenere la ricerca e la cura delle leucemie partecipando a 6 degustazioni di vino nelle cantine del territorio, dall’Alta Valle del Tevere fino a Terni e provincia.

Ma Cantine Aperte è anche musica. In Veneto, a Ponte di Piave (TV) gli enoappassionati potranno degustare calici accompagnati dall’orchestra Ritmico Sinfonica Italiana e dalle voci di Art Voice Academy oppure assistere allo spettacolo musicale dedicato ai grandi cantautori della storia, come Bob Dylan e Bruce Springsteen (Maserada sul Piave-TV).

Aperitivo musicale anche in Lombardia, a Pozzolengo (BS). A Sud invece, a Guardia Sanframondi (BN) il sodalizio vino-musica si celebra tra flauti, violini e violoncelli con il Conservatorio di Benevento ma anche attraverso un gemellaggio tra poesia e musica a Montefusco in Campania, dove è protagonista un giovane complesso salernitano con le note di Fabrizio De Andrè, ispirate a Spoon River di Edgare Lee Masters. E se in Sicilia, a Camporeale (PA) si punta sulle tradizioni con musica live popolare, in Toscana la giornata di Cantine aperte sarà accompagnata da fisarmonica e show coking in provincia di Siena oppure da un percorso di visita eno-musicale a Montalcino, che al vino abbina i grandi interpreti della musica leggera italiana, da Gianna Nannini a Jovanotti, da Vinicio Capossela a Paolo Conte.

Domenica 26 maggio c’è spazio inoltre per l’arte, dalla pittura all’artigianato, passando per gli antichi mestieri, con numerose mostre sparse in tutta Italia: in provincia di Potenza (Basilicata) il vino al posto dei tradizionali colori si potrà ‘osservare’ sulle tele di Arianna Greco, l’artista salentina che dipingerà direttamente in cantina con la collaborazione del pubblico. Mentre a Montefusco (Campania) arriva il vernissage di un’installazione d’arte in cantina. In provincia di Vicenza, a Gambellara (Veneto), uno storico bottaio piemontese svelerà i segreti dell’antica arte del mastro bottaio. Sempre al Nord, oltre agli artisti locali in mostra in Lombardia, in Piemonte si potranno ammirare le ceramiche dipinte a mano dall'Associazione Culturale d’Arte di Novi Ligure.

Nel cuore verde d’Italia, in Umbria c’è il Museo del Vino di Torgiano, custode di 5mila anni di storia enologica narrata attraverso oltre 3000 reperti. Ad attendere invece i visitatori alle pendici dell’Etna, antichi reperti per la produzione dell’olio e del vino oppure la botte in legno di castagno più grande al mondo. Il Lazio sceglie sport e archeologia con escursioni in mountain bike e visite alla Necropoli etrusca di Cerveteri abbinati a mercatini dell’antiquariato e pranzi con il Vignaiolo a base di prodotti biologici a ‘km 0’.

E per gli amanti della natura non mancheranno passeggiate con l’asino (Negrar-VR), pic-nic in vigna (Torano Nuovo-TE) e escursioni tra i vigneti a cavallo (Castiglione di Sicilia-CT) o addirittura in carrozza (Azzano Decimo-PN). Saranno centinaia le etichette in degustazione nelle cantine pugliesi, dove acquistando il calice sarà possibile partecipare al concorso “Vetro e Vinci” e aggiudicarsi premi in bottiglie di vino.

E per raggiungere le aziende sparse in tutta la regione, gli enoturisti potranno scegliere tra la bici o i wine bus lungo dieci gli itinerari dalla Daunia al Salento. Sono tanti i tour in bus che propone anche la Lombardia, dalla Franciacorta a San Colombano al Lambro nella collina di Milano. Ma si può anche andare in bicicletta o provare un giro in quad e mini quad.

Tra degustazioni, visite in azienda e passeggiate all’aria aperta, durante tutta la giornata di domenica 26 maggio sarà inoltre possibile partecipare al sondaggio del Movimento Turismo Vino ‘Vota le destinazioni enoturistiche del cuore’, che a consuntivo della manifestazione svelerà le regioni e le zone vinicole italiane più amate e più desiderate dagli enoappassionati. Per votare:
www.movimentoturismovino.it/sondaggio.php.


(Fonte ANSA

Leggi per intero >

Chianti Colli Senesi: Chiuso il Sipario su Wine Town 2013

pubblicato il 23/05/2013 10:11:04 nella sezione "Fiere & eventi"
Chianti Colli Senesi: Chiuso il Sipario su Wine Town 2013
di Alessia Bruchi

Si è conclusa domenica sera,tra i palazzi storici di Firenze, WineTown 2013, un'edizione bagnata ma sicuramente ben riuscita visto il largo afflusso di visitatori, sia italiani ma anche stranieri, specialmente nella giornata di sabato.

Accanto alle altre denominazioni del Chianti, per il Consorzio chianti Colli Senesi, ospitato nella Sala d'Arme di Palazzo Vecchio in Piazza della Signoria, nove le etichette in degustazione: Saiagricola, Bonfio, Carpineta, Fontalpino,Fratelli Vagnoni,San Gregorio, Agricoltori del Chianti Geografico, La Vigna, Castello di Farnetella e Vecchia Cantina di Montepulciano. Ad allietare la degustazione, durante tutte le due giornate si sono alternati due gruppi di artisti: il Kuntary ballet, che con una curiosa sfera roteante ha dato vita a una spettacolo di di figura dal titolo "Papalla" il Meid Theater, trio di musica e balletto in La gabbia".

Soddisfazione quindi espressa sia dallo staff, che ha vistototalmente esaurite le bottiglie, che dal presidente dei Consorzi Chianti Colli Senesi Cino Cinughi de Pazzi, che intravede finalmente una certa ripresa del settore vitivinicolo, importantissimo traino per il turismo nonchè simbolo orgoglioso di un made in Italy dalle grandi potenzialità. "In un momento come questo, delicato e complesso al contempo, sia a livello locale che per quanto riguarda la situazione nazionale - dice Cinughi de Pazzi- il settore del vino rimane una delle roccaforti della produttività, un'eccellenza su cui puntare per rilanciare l'intera economia".

Speriamo quindi che questi siano davvero i segnali che qualcosa sta cambiando e ripartendo verso la direzione giusta.
Leggi per intero >

Vetrina Toscana Anima la Mostra del Chianti di Montespertoli

pubblicato il 22/05/2013 10:03:59 nella sezione "Fiere & eventi"
Vetrina Toscana Anima la Mostra del Chianti di Montespertoli
dal 25 maggio al 2 giugno 2013 a Montespertoli (FI)

Due appuntamenti firmati Vetrina Toscana dedicati al tipico formaggio locale, il Marzolino di Lucardo, e al quarto anteriore del bovino
inseriti all'interno del calendario della Mostra del Chianti di Montespertoli

Nell'ambito della storica Mostra del Chianti di Montespertoli, giunta alla 56esima edizione, Vetrina Toscana, progetto di promozione di Regione Toscana e Unioncamere Toscana, accende i riflettori su due eccellenze enogastronomiche nostrane. Il Marzolino di Lucardo, antico formaggio recentemente riscoperto e tutelato da un disciplinare di produzione che riprende la ricetta medioevale, e il quarto anteriore del bovino da carni del Vitellone Bianco dell'Appennino Centrale IGP, un taglio povero ma ricco di gusto e storia. Entrambi saranno protagonisti di alcuni appuntamenti realizzati in Piazza Machiavelli a Montespertoli, dove hanno sede gli stand espositivi del vino (partecipazione gratuita fino ad esaurimenti posti).

Il programma prevede domenica 26 maggio alle ore 19.30 un cooking-show con lo chef Paolo Gori del ristorante Trattoria Da Burde di Firenze alle prese con la realizzazione dello Stracotto di Cappello del Prete, affiancato da un rappresentante del Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell'Appennino Centrale che spiegherà caratteristiche di carni e animale; alle ore 21.15, animerà lo spazio l'incontro dedicato al Marzolino di Lucardo, a cura dell'affinatore Paolo Piacenti, che sarà raccontato e degustato assieme ai rinomati Pane di Montespertoli e Pane di Montespertoli con i grani antichi, anch'essi descritti da un fornaio locale. Guiderà gli incontri Alessandro Maurilli, giornalista di Agrisole (Radio Uno).

Giovedì 30 maggio alle ore 21.15 lo chef Stefano Pinciaroli del ristorante PS di Cerreto Guidi (FI) preparerà invece dal vivo la “Lasagnetta di bollito con pomodori verdi, timo e schiuma di salsa verde”, anch'essa pensata per valorizzare in cucina i quarti minori del bovino. Conduce il cooking-show Paolo Pellegrini, enogastronomo e giornalista de La Nazione.

Sabato 25 Maggio sarà organizzata una passeggiata, lungo gli splendidi sentieri della zona, con partenza da Lucardo (ore 16) e destinazione alle grotte dove viene affinato il rinomato Marzolino locale (tempo di percorrenza di circa 2 ore). A conclusione tutti i partecipanti saranno invitati alla degustazione proprio del Marzolino di Lucardo presso il Ristorante i Lecci (evento gratuito, prenotazione obbligatoria allo 0571.606068 oppure info@chianti-farmhouse.com).

Da ricordare inoltre, nell'ambito dell'iniziativa, la diffusione del secondo volume della collana “I Sapori di Vetrina Toscana”, dedicato ai due prodotti protagonisti dell'evento e alla birra di castagne, una neonata eccellenza del Mugello.

Per l'intera durata della rassegna alcuni ristoranti aderenti a Vetrina Toscana proporranno piatti realizzati con gli ingredienti promossi. Lista ristoranti: Da Lino a Firenze in Via Santa Elisabetta 6/R; Il Campigiano a Campi Bisenzio in via Guido Guinzelli 17; La Martinicca a Firenze in Via del Sole 27R; Trattoria Dino a Scandicci in Via San Colombano, 28; Ristorante Archimede a Reggello in Ponte di Casalino 68; Hosteria Del Bricco a Firenze in Via S. Niccolò, 8/12; Ristorante Boccanegra a Firenze inVia Ghibellina 124R; Ristorante Da Burde a Firenze in Via Pistoiese, 6/r; Ristorante Sabatini a Firenze in Via Panzani, 9A; Ristorante Oreste Campagna a Calenzano in Via Legri, 87.


Leggi per intero >

Polpenazze Fiera: In Vetrina le Eccellenze della Valténesi

pubblicato il 22/05/2013 09:45:41 nella sezione "Fiere & eventi"
Polpenazze Fiera: In Vetrina le Eccellenze della Valtnesi
Ai nastri di partenza la 64esima edizione della Fiera del Vino di Polpenazze del Garda (Bs), storica manifestazione enogastronomica del comprensorio gardesano. L’evento prende il via venerdì 24 maggio 2013 e si conclude lunedì 27: quattro giorni per approfondire la conoscenza dei vini, dei sapori e delle emozioni della Valtènesi.



E’ una delle manifestazioni enogastronomiche in assoluto più amate e popolari dell’intero bacino gardesano: un appuntamento storico e di grandi tradizioni, che si prepara a tagliare l’ambizioso traguardo della 64esima edizione. Dal 24 al 27 maggio 2013 torna infatti in scena la Fiera del vino Valtènesi-Garda Classico Doc di Polpenazze del Garda (Bs), rassegna nata nel 1947 ed ancor oggiAggiungi un appuntamento per oggi evento capace di richiamare ogni anno migliaia di visitatori e “gourmet” da ogni zona d’Italia. La Fiera si ripresenta al pubblico degli appassionati con un programma che conferma la volontà di rappresentare in maniera autorevole ed esaustiva il territorio, con le sue produzioni vitivinicole e le sue importanti evoluzioni: su tutte il varo della nuova Doc Valtènesi, che dopo esser stata recepita all’interno del concorso enologico ufficiale verrà quest’anno ulteriormente valorizzata con una nuova iniziativa, voluta dall’amministrazione comunale di Polpenazze.

“Abbiamo voluto istituire un riconoscimento interno per dare ulteriore rilevanza alla nuova Doc – spiega il sindaco nonché presidente della Fiera Andrea Dal Prete-. Le tipologie Valtènesi Doc 2011 nell’espressione del rosso e Valtènesi Doc Chiaretto 2012 che avranno ottenuto il punteggio più alto nelle commissioni di assaggio riceveranno infatti un premio speciale del Comune di Polpenazze. Un’idea che punta a consolidare il nostro impegno non solo per la crescita costante della Fiera, ma anche a favore dello sviluppo dell’economia agricola delle nostre terre, che diventa sempre più una importante opportunità promozionale nella logica di un’interazione con il turismo”.

A far da perno alla Fiera sarà come sempre il concorso enologico nazionale della Doc Garda Classico, istituito dal Ministero per le Politiche Agricole nel 2006, all’interno del quale dal 2012 è stata inserita anche la nuova Doc Valtènesi, con l’intenzione di offrire degna rappresentanza a quel doppio binario nel quale la produzione locale si è differenziata dopo l’entrata in vigore della nuova denominazione. Come sempre, la competizione assegnerà la qualifica di Vino Eccellente ai vini del comprensorio che abbiano raggiunto almeno il punteggio di 85/100: le etichette in concorso sono all’incirca una settantina.

I visitatori, dal canto loro, potranno degustare i vini delle 18 cantine presenti in fiera: ogni degustazione a scelta costerà 1 euro, e si potrà effettuare unicamente previo acquisto di sacca e bicchiere ad un prezzo di 5 euro. Confermata la presenza del Borgo Bio, ormai consueto spazio dedicato ai numerosi produttori di un comparto dove il 25% del vigneto iscritto all’albo è già biologico. Dopo la fortunata esperienza dello scorso anno, la Corte degli Assaggi tornerà ad offrire degustazioni guidate e comparate dei vini della Fiera abbinate ai migliori formaggi del territorio come Stracchino, Tombea e Bagoss, proposti da un’autentica istituzione della zona come il Mercato Coperto di Gavardo. Nel programma anche un’esposizione dei migliori extravergini Garda Dop, oltre al concorso dedicato al miglior salame della Valtènesi. Ed infine non potrà mancare l’ormai celebre Spiedo di Polpenazze, che verrà servito per tutta la durata della manifestazione nella piazza centrale alla “Dispensa del Gusto”.. Numerosi momenti culturali e di spettacolo, tra cui spiccano le esibizioni del Gruppo Folcloristico Pavullese (nella giornata di sabato 25) e della Fanfara dei Bersaglieri (domenica 26) completano il cartellone.


Leggi per intero >

Pietrasanta Vini d'Autore: 1800 Visite alla Prima Edizione

pubblicato il 22/05/2013 09:35:52 nella sezione "Fiere & eventi"

Festival Franciacorta dal 27 Maggio

pubblicato il 21/05/2013 15:28:19 nella sezione "Fiere & eventi"
Festival Franciacorta dal 27 Maggio
Lunedì 27 maggio, i Chiostri del Museo della Scienza e della Tecnologia saranno la prestigiosa location dove il Franciacorta si presenterà al pubblico di appassionati ed esperti della capitale meneghina: banchi d’assaggio, seminari e 37 produttori, insieme ai migliori Sommelier AIS della Lombardia nati di vino e curiosi per degustazioni di Brut, Extra Brut, Satèn, Rosé, Pas Dosé, Riserva. In questa edizione sarà possibile degustare anche i vini fermi della Franciacorta: Curtefranca Doc Bianco, Curtefranca Doc Rosso, Igt Sebino per avere così un panorama completo sulle produzioni vitivinicole della zona.

Da non perdere anche gli appuntamenti della settimana dal 20 al 26 maggio Aspettando il Festival: oltre 50 locali della città, tra enoteche, wine bar e ristoranti di Milano, organizzano ogni sera happy hour con Franciacorta.
Durante il Festival, due seminari di approfondimento:

Ore 17.15 – FRANCIACORTA, ELEGANZA IN ROSA
Seminario dedicato al Franciacorta Rosé nelle sue declinazioni guidata da un sommelier professionista AIS. Posti limitati, per prenotazioni: eventi@franciacorta.net

Ore 18.30 – IL FRANCIACORTA IN CUCINA: L’ARTE DELL’ABBINAMENTO
Franciacorta Satèn e Pas Dosé abbinati ai sapori del territorio interpretati dallo Chef Vittorio Fusari del Ristorante ‘Dispensa Pani e Vini’ di Torbiato Di Adro (BS). Posti limitati, per prenotazioni: eventi@franciacorta.net

Il Festival Franciacorta nei prossimi mesi farà tappa in Versilia (Marina di Pietrasanta) il 29 giugno, nelle cantine della Franciacorta il 28-29 settembre, a Torino il 14 ottobre e a Roma il 18 novembre.

Leggi per intero >

La disfida del puro Sangiovese va in scena a Montalcino

pubblicato il 20/05/2013 19:42:51 nella sezione "News Wine"
La disfida del puro Sangiovese va in scena a Montalcino
Di Donatella Cinelli Colombini

Nessuno prima del Brunello aveva tentato di certificare la tipologia e la zona d’ origine dell’uva usata per il vino ma a Montalcino ci sono riusciti.

Un convegno, il 24 maggio dalle 9,30, nel teatro di Montalcino, metterà fine a una polemica durata 4 anni fra chi sostiene che il DNA è il sistema migliore per accertare se il Brunello è fatto con 100% Sangiovese e chi invece, come il Consorzio del Brunello, ha puntato sugli antociani per avere la stessa certificazione.

Nel rispetto di tutta la ricerca scientifica, al convegno verranno presentati entrambi gli studi. La Dottoressa Vignani, maggiore sostenitrice dell’indagine fatta con il DNA, confronterà il suo metodo con quello dell’equipe della fondazione Edmund Mach – Istituto di San Michele all’Adige guidata dal Professor Fulvio Mattivi che ha sviluppato il profilo antocianico del Brunello per conto del Consorzio.

Un confronto leale sul piano scientifico che speriamo metterà fine a un lungo scontro dove non sono mancate le accuse. In qualche blog serpeggiava il sospetto che il Consorzio non volesse un sistema capace di rivelare l’uva usata per il Brunello. Invece la dirigenza del Brunello questo sistema lo ha cercato con decisione e lo ha trovato. 5 anni di lavoro e 150.000 € di investimento, la collaborazione con l’istituto di ricerca enologica più importante d’Italia


sangiovese per il Brunello

e ora arriva il metodo di indagine capace di certificare tutto il Brunello , in modo certo e a costi ragionevoli. Il sistema si basa sul profilo antocianico di 17 elementi che danno una sorta di impronta digitale specifica del Sangiovese. A questa si associa l’analisi degli isotopi stabili che dicono la provenienza dell’uva. In pratica la pioggia lascia un segno nell’uva e quindi nel vino per cui è possibile identificare la sua zona di provenienza. Un’indagine stile Sherlock Holmes che funziona alla grande.

Ho avuto la soddisfazione di accompagnare il Professor Mattivi alla presentazione dei due metodi di indagine al temutissimo TTB – Alchol and Tobacco tax and trade Bureau del governo americano lo scorso I° febbraio all’Ambasciata Italiana di Washington. Vedere l’approvazione degli specialisti del TTB è stato bellissimo così come sono state bellissime le parole dei dirigenti dell’Ambasciata << finalmente c’è chi, in Italia, promette di fare una cosa e poi la fa veramente, siamo molto soddisfatti di voi!>>
Leggi per intero >

Enoturismo: La Val d'Orcia Tra Arte e Paesaggio

pubblicato il 20/05/2013 11:14:19 nella sezione "News Wine"
Enoturismo: La Val dOrcia Tra Arte e Paesaggio
Il percorso in breve
Il percorso inizia da Pienza per proseguire a San Quirico d’Orcia, Bagno Vignoni e Castiglione d’Orcia. Il secondo giorno è dedicato alla visita di Montalcino e Sant’Antimo, per gustare a ritmo lento le meraviglie del cuore dell’Italia.

È ideale per…
Chi cerca un week end tra cultura, paesaggio e buona tavola. Quello che vi proponiamo è un percorso tra i borghi, da fare preferibilmente in auto per gustare il paesaggio che li avvolge, con i suoi vini e i suoi sapori. Da scoprire anche a piedi, in treno o a cavallo per i più sportivi. Per poi farsi coccolare dalle acque calde delle terme.

- 1° giorno: Pienza, San Quirico e dintorni -


Pienza: la città ideale

Si inizia da Pienza, sogno del Papa umanista Pio II (Enea Silvio Piccolomini) che trasformò il suo borgo natale Corsignano in un grande esempio di urbanistica rinascimentale, quella “città ideale” che nei suoi progetti avrebbe dovuto rivaleggiare con Siena.

La metamorfosi durò cinque anni a partire dal 1459, e si interruppe per la scomparsa dell’illustre ideatore. Del progetto originale rimangono Corso Rossellini e piazza Pio II dove si cammina sul selciato attorno al pozzo in travertino, circondati dalla bellezza della Cattedrale, del Palazzo Comunale, di Palazzo Borgia e Palazzo Piccolomini.
Spiccano le forme rinascimentali della Cattedrale, con la facciata coronata da un timpano triangolare con lo stemma di Papa II, e un interno a tre navate con cinque cappelle absidali. Palazzo Piccolomini, concepito come residenza del pontefice, racchiude un cortile porticato, che dà accesso al giardino pensile da cui si apre uno straordinario panorama.

Camminando a naso in su tra i vicoli, in uno slargo di corso Rossellini si incontra la duecentesca chiesa di San Francesco, che conserva importanti resti di pitture trecentesche. La passeggiata può essere completata percorrendo il panoramico perimetro esterno da cui si vede la Pieve di Corsignano poco fuori le mura, magari approfittando per una sosta ai tavolini dei bar inondati di luce fino al tramonto.

Lasciatevi poi sedurre dai sapori e, se vi fermate per pranzo, scoprite il Pecorino di Pienza, gusto forte stagionato in barrique di legno di rovere per almeno 90 giorni.

Lungo la Via Francigena

Poco meno di una decina di chilometri di curve tra vigneti e ulivi collegano Pienza a San Quirico d’Orcia costruito lungo la Via Francigena, dove aggirarsi tra le stradine lastricate e le facciate in pietra fino alla Pieve romanica e alla piazza centrale con la Chiesa di San Francesco.

In pochi passi, da questa, si arriva agli Horti Leonini, classico esempio cinquecentesco di giardino all’italiana che merita sicuramente una passeggiata.

La sosta in paese è solo l’antipasto ai dintorni: Bagno Vignoni è un pugno di case che racchiude una “piazza d’acqua”; al suo centro si trova infatti la grande vasca termale da cui sgorga acqua calda, ancor più suggestiva nei mesi freddi per il vapore che sprigiona. Frequentata dagli etruschi e dai romani, ospitò l’illustre Papa Pio II, ma anche personaggi famosi come Lorenzo il Magnifico e, da allora, la sua struttura è rimasta immutata nel tempo; a breve distanza è possibile ammirare il Parco naturale dei mulini.

Le acque di Bagno Vignoni, che fanno capo al grande vulcano spento del Monte Amiata, trovano notorietà anche a Bagni San Filippo che, venti chilometri più a sud, unisce alle proprietà terapeutiche del centro termale lo spettacolo naturalistico del Fosso Bianco, dove le sorgenti di acqua calda creano curiose formazioni calcaree e un susseguirsi di pozze immerse nel bosco.

Ancora ondulazioni e colline fino all’altura con Castiglione d’Orcia e la frazione medievale di Rocca d’Orcia dominata dalla Rocca di Tentennano, strategico insediamento di avvistamento nel corso della storia, e luogo di battaglie tra senesi e fiorentini che se la contesero. La piccola fatica della salita alla cima del torrione è ripagata da una vista grandiosa che spazia sui tetti delle case circostanti e sull’intera vallata.


Scopri altre idee viaggio e i migliori agriturismi dove soggiornare su
Agriturismo.it
Leggi per intero >
Clicca sui numeri per scorrere le news
1 - 2 - 3
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Cielo e TerraAcquisisce il 50% del marchio Maia
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Nuovo Curatore per la Guida Oro VeronelliAndrea Alpi Responsabile Formazione
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca