The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   
ARCHIVIO




OSCAR REGIONALE GAMBERO ROSSO 2015
Alla Falanghina Tenuta Rocca dei Leoni 2013
campania (caserta) cellole

pubblicato il 24/11/2014 11:08:04 nella sezione "News Wine"
OSCAR REGIONALE GAMBERO ROSSO 2015Alla Falanghina Tenuta Rocca dei Leoni 2013
Berebene 2015, la storica Guida del Gambero Rosso, che da sempre seleziona i migliori vini italiani per rapporto qualità-prezzo, vini che non superano i 10 euro di costo sullo scaffale premiando in ogni regione le etichette migliori, ha assegnato l’Oscar regionale, alla Falanghina Tenuta Rocca dei Leoni 2013 di Villa Matilde.

L’azienda vinicola di Cellole (CE) dei fratelli Maria Ida e Salvatore Avallone, ottiene ancora un importante riconoscimento, a testimonianza dell’impegno costante che Villa Matilde riserva nella produzione di etichette di grande qualità. Tutti i vini Villa Matilde sono prodotti nel totale rispetto del territorio con strumenti all’avanguardia che non cancellano un saper fare artigianale, in grado di garantire il giusto prezzo di mercato.



La Falanghina della Campania IGP Rocca dei Leoni è un vino gradevole, piacevolmente fresco e leggero dal colore giallo paglierino tenue, profumo intenso floreale e fruttato con note di banana, frutti tropicali, pesca bianca e sapore sapido ed equilibrato.



L’azienda fa della cultura del vino oggetto di studio e di ricerca, ha già individuato e continua a individuare i vitigni che un tempo avevano dato vita ai vini più antichi di questa terra, come l’Aglianico, cioè l’antico Hellenico, il Piedirosso da cui nasce il Falerno rosso, l’uva Falanghina che dà vita al Falerno bianco, ma rivisita e modernizza il passato con strumenti pionieristici. L’innovazione qui non si limita alla tecnologia, è frutto di un pensiero creativo che fa del territorio la propria forza nel rispetto dell’Ambiente.
Leggi per intero >

BARONE SERGIO
Nero d'Avola con passione

pubblicato il 24/11/2014 11:01:19 nella sezione "Le cantine"
BARONE SERGIONero dAvola con passione
È nella Sicilia orientale, la fertile Val di Noto, nell’area della DOC Eloro, zona tra le più vocate alla coltivazione del Nero d’Avola, che si stendono le tenute Le Mandrie e Gaudioso della famiglia del Barone Sergio. Una passione, quella per il vino, iniziata molte generazioni fa e che ha portato alla consacrazione di una storica azienda agricola che oggi, sotto la guida del Barone Giovanni Sergio, si è trasformata in una moderna realtà del settore vinicolo.

Tra gli antichi caseggiati ristrutturati e riorganizzati per accogliere impianti di vinificazione all’avanguardia si incontrano tradizione e tecnologia.

Il territorio è quello della Sicilia dove, tra naturalità e tradizione, viene coltivato un vitigno che dà vita ad un vino di grande qualità e pregio: il nero d’avola.

Il nero d’avola è una delle migliori uve siciliane il cui livello di qualità raggiunto è frutto delle particolari caratteristiche del terreno e del clima generoso.

Considerato inizialmente come vino da taglio, il nero d’avola è diventato con il tempo uno dei vini più pregiati della penisola, grazie all’inconfondibile sapore intenso e deciso e alla concentrazione zuccherina, che determina una gradazione alcolica piuttosto elevata che lo rende adatto ad accompagnare carni rosse, arrosti, formaggi semi stagionati .

Il nero d’avola Sergio di Barone Sergio è un vino rosso dal gusto deciso e imponente, il suo colore è rosso rubino brillante e al palato si presenta equilibrato, notevolmente lungo, mostrando un buon tannino ed una struttura che vanta notevole ampiezza.

La percezione olfattiva del nero d’avola DOC Eloro Sergio è piuttosto complessa, si colgono piacevoli richiami di erba fresca con note di ciliegia e amarena. La gradazione alcolica è 13%-14% vol.

Il successo dell’azienda Barone Sergio è dovuto anche alla grande professionalità di specialisti del settore quali l'enologo Giovanni Rizzo, responsabile di tutto il processo produttivo, coadiuvato dall'agronomo Prof. Lucio Brancadoro.

L'attrattiva più emozionante in una regione come la Sicilia è senz'altro la natura, oltre alla sua storia ricca di cultura e tradizione. La terra madre dei pomodori di Pachino offre una quantità di selezionatissimi vini da tavola e Barone Sergio è una delle migliori e certificate qualità della zona.

I vitigni impiantati in questo angolo di paradiso situato a 70 metri sul livello del mare sono il nero d'Avola, il cabernet sauvignon, il Grillo, il moscato di Noto ed il petit verdot.
Leggi per intero >

ANTEPRIMA DI VITIGNOITALIA 2015
100 aziende vinicole da tutta Italia e i panettoni del sole dei maestri pasticcieri campani

pubblicato il 24/11/2014 10:55:47 nella sezione "Fiere & eventi"
ANTEPRIMA DI VITIGNOITALIA 2015100 aziende vinicole da tutta Italia e i panettoni del sole dei maestri pasticcieri campani
Martedì 2 dicembre, dalle ore 17.00, il Grand Hotel Excelsior di Napoli aprirà le porte alla tradizionale Anteprima di Vitignoitalia: cento aziende vitivinicole provenienti da tutta Italia presenteranno ad operatori ed eno appassionati le proprie produzioni nell’elegante Salone degli Specchi. I vini in degustazione, presentati dagli stessi produttori e dai sommelier, saranno più di cinquecento: nei calici vini altoatesini, toscani, veneti, marchigiani, campani e siciliani. La serata inaugura ufficialmente i lavori per la realizzazione dell’XI edizione di Vitignoitalia, il Salone dei Vini e dei Territori Vitivinicoli Italiani che si svolgerà dal 24 al 26 maggio 2015 nel trecentesco Castel dell’Ovo di Napoli con il patrocinio di Regione Campania, Comune di Napoli e Unioncamere Campania e ITA Italian Trade Agency. Il programma è ricco ed interessante con assaggi di prodotti tipici e degustazioni.

Ad arricchire l’offerta della serata ci saranno alcune eccellenze gastronomiche della Campania e italiane: un’intera sala dello storico hotel Excelsior sarà infatti dedicata al food di qualità in perfetto abbinamento con i vini in degustazione.

Inoltre, aspettando il Natale, uno spazio sarà riservato alla degustazione dei migliori panettoni artigianali dei maestri pasticcieri della Campania raccontati nel libro I Panettoni del Sole di Donatella Bernabò Silorata edito da Malvarosa edizioni, perfetto connubio con i passiti in esposizione.

Su prenotazione e a numero limitato ci sarà alle 17 l'appuntamento con la storica azienda 'E Curti di Sant'Anastasia. Per la prima volta a Napoli in degustazione i cru di Nucillo ‘E Curti 2014: Vesuvio, Positano, Cilento, Alto Casertano e Taurasi. Insieme al nucillo 'E Curti sarà offerta la prima produzione del panettone artigianale di Rita Martino per Casa Santini.


Leggi per intero >

MERANO WINE FESTIVAL
Successo di pubblica per XXIII edizione
trentino-alto adige (bolzano - bozen) merano - meran

pubblicato il 21/11/2014 12:38:44 nella sezione "Fiere & eventi"
MERANO WINE FESTIVALSuccesso di pubblica per XXIII edizione
Con 6500 ingressi e un calcolo stimato di almeno 6 milioni di indotto, chiude una edizione del Merano WineFestival che sarà archiviata come una delle più riuscite degli ultimi anni. Rispetto al 2013 l’edizione appena conclusa ha confermato la grande forza dell’idea che Helmuth Köcher porta avanti da oltre un ventennio. Grandi i vini e grandi i produttori, ma anche grande l’offerta di eventi che hanno arricchito i tre giorni al Kurhaus di Merano.

CULT2014 significa obiettivo centrato.

I pionieri del vino italiano hanno portato all’evento una ventata di vera storia dell’enologia italiana. 41 produttori che hanno saputo stregare il folto pubblico di giornalisti e di appassionati che hanno visitato la sala del Pavillon des Fleurs. Un format vincente, unico nel suo genere, grazie al quale è stato possibile poter vivere da vicino l’esperienza del contatto diretto con veri mostri sacri, tra cui produttori che non frequentano quasi mai eventi con il grande pubblico, ma che hanno voluto portare comunque la loro testimonianza a CULT2014. Un’idea che ha fatto breccia e che certamente verrà proposta negli anni a venire.

WineWorld Economic Forum significa pensare ai contenuti.

Una prestigiosa tavola rotonda condotta da Giacomo Mojoli - con Oscar Farinetti (Eataly), Lamberto Vallarino Gancia (Padiglione Italia EXPO2015), Piero Jacomoni (Monnalisa), Mario Fregoni (presidente onorario OIV), Roberto Moncalvo (presidente Coldiretti), Roberto Capobianco (presidente Conflavoro), Donato Lanati (Enosis), Lorenzo Zanni (università di Siena), Hansi Felder (Provincia Autonoma di Bolzano) - ha analizzato in vista di Expo 2015 il quadro dell’export dell’agroalimentare italiano nel mondo e ha sviluppato linee guida per il futuro. Il messaggio è chiaro: valorizzazione e rilancio dell’eccellenza dei prodotti vitivinicoli e tipici dell’Italia nel mondo unendo in un ciclo virtuoso tutta la filiera produttiva sotto il capello di un marchio unico. La parola chiave condivisa da tutti gli intervenuti è: Fare Squadra.

Un workshop per definire lo stato dell’arte sui temi della sostenibilità e dell’export dell’agroalimentare italiano nel mondo. Con il Forum sulla Sostenibilità del vino – creatura appena nata eppure già molto attiva – e il gruppo Farecantine è stato possibile tracciare un quadro preciso del rapporto tra vino e ambiente, tra filosofie produttive e filosofie costruttive.

Eventi negli eventi significa migliorare l’offerta.

Il Merano WineFestival è un contenitore di molte sorprese. Anche l’edizione appena conclusa ha portato con sé molti elementi di interesse.

* La Cena di Gala ha aperto le danze, riunendo nella sala del Kursaal oltre 500 ospiti deliziati da piatti di grandi chef.

* Il premio Going Green ha evidenziato l’attenzione del MWF per i produttori rispettosi dell’ambiente.

* Il 21.mo premio Godio ha rilanciato la figura del grande chef della val d’Ultimo e la riconoscenza ancora viva nei suoi confronti a cui si è aggiunto per la prima volta il premio Hellrigl in onore di uno chef meranese che negli anni 90 era tra gli chef migliori degli Stati Uniti d’America.

* Il progetto Via Claudia Augusta ha valorizzato dal punto di vista turistico la relazione tra la cittadina di Lagundo e gli appassionati di vino.

* Il Full Moon Party ha divertito e fatto ballare all’insegna delle specialità slovene.

* La birreria Forst ha presentato la sua nuova birra “Pane Liquido”.

* La presentazione del libro di Marinela Ardelean “50 vini della Romania incontrano 50 piatti italiani d’eccellenza” ha offerto uno sguardo su un grande Paese produttore di grandi vini.

* Il film “Vino dentro”, proiettato alla presenza del regista Ferdinando Vicentini Orgnani, ha svelato che l’ispirazione della trama è proprio il Merano WineFestival.

Uno sguardo verso il 2015 significa pensare al futuro.

Chiusi i battenti del Kurhaus è subito tempo di nuovi eventi. Già a fine novembre – il 29 e 30 e il 1 dicembre – sarà tempo di Roma Food&Wine Festival, un nuovo banco di prova per le scelte di Helmuth Köcher in merito ai grandi vini. 60 grandi aziende vinicole affiancate a 18 grandi chef, le partnership di eccezione con Eataly e Identità Golose, tutto il meglio nella prestigiosa sede di Eataly Ostiense. E il 2015 porterà tutti subito a Milano per il Milano Food&Wine Festival 2015, sempre a Milano Congressi il 7-8-9 febbraio 2015. Il Merano WineFestival torna itinerante per portare la qualità e l’eccellenza dei vini italiani.

www.meranowinefestival.com
Leggi per intero >

GOLOSARIA
Bottega lancia il Prosecco Biologico

pubblicato il 21/11/2014 12:34:22 nella sezione "Fiere & eventi"
GOLOSARIABottega lancia il Prosecco Biologico
Bottega ha partecipato con grande successo dal 15 al 17 novembre 2014 a Golosaria, l’happening culturale e gastronomico organizzato da Paolo Massobrio nei prestigiosi spazi di SuperStudioPiù in Via Tortona a Milano. L’azienda, nel suo stand dedicato, ha presentato le eccellenze della propria produzione, dai vini, alle grappe, ai liquori dolci.
In questo contesto uno spazio particolare è stato riservato al Prosecco Biologico Bottega che è stato lanciato in questa occasione. Questo vino è il risultato della vinificazione di uve selezionate coltivate nel pieno rispetto dei dettami dell’agricoltura biologica. È uno spumante Extra Dry che si caratterizza, rispetto ad un Prosecco tradizionale, per la pronunciata carica aromatica che ne esalta le caratteristiche organolettiche. Il sistema di allevamento dei vigneti coltivati secondo i canoni dell’agricoltura biologica è caratterizzato dall’esclusivo utilizzo di antiparassitari organici e naturali, che bandiscono de facto la chimica dal vigneto. Il terreno su cui crescono le viti viene coperto da uno strato di vinacce esauste, una materia organica che impedisce naturalmente la crescita di erbacce (pratica nota come pacciamatura), evitando l’utilizzo di diserbanti. Le uve vengono raccolte a mano generalmente a metà settembre. La vinificazione è caratterizzata da un impiego limitato di anidride solforosa (il regolamento UE n° 203 del 2012 prevede a questo proposito 50 mg/l in meno rispetto ai vini prodotti con metodi convenzionali). La rifermentazione viene effettuata secondo il metodo Charmat, a una temperatura controllata di 14° C in modo che vengano mantenute le fragranze tipiche dell'uva d'origine. Stabilizzazione a freddo, filtrazione e imbottigliamento concludono il procedimento.
Il Prosecco Biologico Bottega ha un prezzo al pubblico di circa 8,50 euro.

Bottega: cantina e distilleria
Il gruppo Bottega, guidato da Barbara, Sandro e Stefano Bottega, è al tempo stesso una distilleria e una cantina, che dispone di un affiatato team di enologi esperti sia nelle vinificazione che nella distillazione.
L'azienda, che ha sede a Bibano di Godega (TV), 50 km a nord di Venezia, produce grappe di elevata qualità, commercializzate con i marchi Alexander e Bottega. Tra esse si distinguono le pregiate selezioni di monovitigni e i distillati maturati in barrique. La gamma dei vini Bottega comprende il Prosecco e altri spumanti di grande personalità. Ad essi si affiancano i grandi rossi della Valpolicella e della Toscana: Amarone, Ripasso, Brunello di Montalcino, Rosso di Montalcino, Bolgheri Chianti. Completano l’offerta Bottega i liquori alla frutta e alle creme, tra cui Limoncino, Gianduia, Fiordilatte, Nero (crema di cioccolato).
Fondata nel 1977 da Aldo Bottega, che aveva ereditato dal nonno la passione per il mondo enoico, oggi Bottega è una solida realtà, che distribuisce i suoi prodotti in oltre 120 paesi e che è presente in buona parte dei duty free aeroportuali del mondo. Dal marzo 2013 l’azienda si è trasformata in Bottega S.p.A.
La sede Bottega è stata concepita con criteri del tutto ecologici. La ristrutturazione di una casa colonica del 1800 è stata effettuata con rigore, in modo tale da conservare le caratteristiche architettoniche originarie e da inserirsi armonicamente nel contesto dei 10 ettari di vigneti che sono parte integrante della proprietà. La volontà di risparmiare energia e di utilizzare fonti rinnovabili sta alla base della scelta di investire in impianti altamente sofisticati che consentono una sostanziale autonomia. La scelta di adottare i principi della riciclabilità e dell’agricoltura biologica fanno di Bottega un’azienda verde a 360°.

Leggi per intero >

ELISABETTA ROGAI PER UNA “GIUSTACAUSA”
Consegna del Premio Giustacausa anno 2014
lazio (roma) roma

pubblicato il 21/11/2014 12:30:57 nella sezione "Arte Wine"
ELISABETTA ROGAI PER UNA GIUSTACAUSAConsegna del Premio Giustacausa anno 2014
Roma, 13 novembre, Palazzo Brancaccio

Una Associazione contro la malasanità.
Aprendo il sito della Associazione saltano agli occhi i volti sorridenti di Marcello Lippi, Piero Chiambretti, Giorgio Panariello e tanti altri ancora ed emblematica la foto del primo premiato dell’associazione, il primo anno dalla sua costituzione, Piero Luigi Vigna, l’indimenticato procuratore fiorentino, Procuratore Capo Antimafia…..l’Associazione annovera i migliori professionisti d'Italia nei settori della medicina e della tutela legale uniti in Associazione per assistere e consigliare i cittadini vittime di inefficienze in ambito medico-sanitario:la nuova realtà si chiama 'Associazione Giustacausa', che nasce grazie al contributo di professionisti d'eccellenza – uno per ciascuna regione italiana, per la tutela dei cittadini che ritengono di essere vittime di episodi di malasanità.
Tra i nomi coinvolti ci sono lo Studio La Russa (Lombardia), il Prof. Ugo Ruffolo (Emilia Romagna), il Prof. Luminoso (Sardegna) e il Prof. Bin (Piemonte), sotto la presidenza onoraria dell'ex procuratore nazionale antimafia, Pier Luigi Vigna.
Quest’anno, edizione Premio Giustacausa 2014, a Palazzo Brancaccio, ospiti del presidente dell’Associazione, dottor Francesco Nobili, sono intervenuti medici e giornalisti, attori e attrici, personaggi del mondo dello spettacolo- tra gli altri Cesara Buonamici, Alessio Vinci, Alba Parietti, Leonardo Ferragamo, Mieli, la Lambertucci, Vittorio Sgarbi, Matilde Brandi - e da Firenze sono intervenuti il Prof Mario Dini, chirurgo plastico estetico e l’artista Elisabetta Rogai, prossima alla sua mostra/evento al Palazzo Medici Riccardi, sede della Prefettura di Firenze.

Leggi per intero >

LA PREGIATA UVA MALBEC
Un vitigno importante con spiccate caratteristiche

pubblicato il 19/11/2014 14:53:43 nella sezione "Wine World"

COSA VEDERE A FIRENZE
Mentre si degusta un bicchiere di vino
toscana (firenze) firenze

pubblicato il 11/11/2014 15:08:37 nella sezione "News Wine"
COSA VEDERE A FIRENZEMentre si degusta un bicchiere di vino
Firenze, la culla del Rinascimento: una delle più belle città d’Italia, una vera capitale della cultura mondiale, apprezzata tanto dagli italiani quanto dai numerosi turisti stranieri che la visitano in ogni momento dell’anno. Cosa vedere a Firenze? Le meraviglie dell’arte rinascimentale, certamente, ma non solo: ci sono tantissime esperienza da vivere, legate anche all’ambito culinario ed enogastronomico. Su portali come
GetYourGuide è facile organizzare tour tematici per visitare la città, anche per coloro che vogliono viverla più “di pancia”!

I vini dei colli intorno a Firenze, le suggestive e ricche aree del Chianti, ad esempio, traboccano di cultura gastronomica e tradizione vinicola. Perché non lasciarsi tentare da:

1) Una giornata nelle terre del vino. Dopo aver visitato Firenze, è bello addentrarsi nelle campagne del Chianti, nella zona di San Gimignano e nelle colline della Val D’Elsa. Qui sarà possibile degustare ottimi vini presso vinerie tipiche, abbinati a classici piatti come bruschette e affettati; 2) Tour nel Chianti. Per chi ama soffermarsi sui dettagli, c’è un tour dedicato alla zona del Chianti: verranno visitate due aziende vinicole, con assaggi e degustazioni, oltre a poter ammirare lo splendido paesaggio tipico e il centro della deliziosa cittadina di Greve in Chianti;

3) Per chi ama cucinare. Corso di cucina tipica toscana, per imparare a preparare una cena di 4 portate, con vino ad hoc per ognuna;

4) Tra un bicchiere e una passeggiata. Il centro di Firenze a piedi per un tour tra le bellezze fiorentine… intervallate da una degustazione vinicola tra le enoteche del cuore della città;

5) Tra cantine e castelli. Il castello Antinori è una splendida residenza antica, tra le cui mura potrete partecipare a una lezione di cucina e assaggiare le bottiglie di un’azienda vitivinicola locale, che si occupa della produzione di vino biologico.

La Toscana è una Regione magica, e la zona intorno a Firenze offre numerose attività che legano tanto alla storia di questa antica area quanto ai sapori della tavola e ai vitigni locali. È impossibile decidere di scoprire la cultura toscana escludendo uno degli elementi che la compongono: non c’è arte senza cucina, non c’è storia senza vino.
Leggi per intero >

CANTINE APERTE IN CAMPANIA
L'estate di San Martino all'insegna di Wine Sweet Wine

pubblicato il 07/11/2014 09:58:30 nella sezione "Fiere & eventi"
CANTINE APERTE IN CAMPANIALestate di San Martino allinsegna di Wine Sweet Wine
Domenica 16 Novembre in occasione di Cantine Aperte a San Martino anche in Campania si rinnova l’incontro tra i winelovers e le numerose cantine regionali che per l'occasione saranno pronte ad aprire le loro porte per accogliere appassionati di enologia e curiosi. “Wine Sweet Wine” è il tema scelto per questa edizione dell’appuntamento autunnale firmato dal Movimento Turismo del Vino che intende stupire con proposte all’insegna della dolcezza creando accostamenti tra le migliori etichette campane e la tradizionale pasticceria regionale: torte farcite e secche, biscotti al vino fatti in casa, mousse, gelati fruttati e pasticcini da forno saranno accompagnati da calici di vini rossi, bianchi, distillati e passiti made in Campania.

In Campania aderiscono all'iniziativa le aziende: Cantina di Solopaca, Vini Magliulo, La Sibilla, Cavalier Pepe, Telaro, La Guardiense e Terredora. I programmi sono molto ricchi e vari con proposte interessanti per intrattenere il pubblico di tutte le età: nel beneventano a La Guardiense di Guardia Sanframondi (BN) a partire dalle ore 10.30 ci saranno degustazioni di dolci, laboratori tecnici di approccio alla degustazione del vino e al bere consapevole seguiti da un pranzo e da degustazioni mirate. Poco distante la Cantina di Solopaca ha ideato un programma che prevede naturalmente degustazioni, abbinate a visite in cantina con musica e pranzo tipicamente autunnale. Nell'avellinese La Tenuta Cavalier Pepe organizza due giorni di degustazioni con i suoi quattro vini da dessert abbinati a dolci tipici irpini. In provincia di Napoli la famiglia Di Meo de La Sibilla propone un'escursione tra i resti della Villa Romana Domus Giulii a Baia per ammirare, tre le vigne, l’incantevole veduta sui porti di Cuma e Miseno. Al rientro tutti in cucina guidati dalle nonne per preparare i dolci a base di vino, mosto e uva, tra i profumi della mostarda di piedirosso in preparazione. La giornata si conclude con un pranzo. In Irpinia Terredora propone un pomeriggio con la degustazione di grandi rossi per dare voce alle differenti anime e stili dell’areale del Taurasi, attraverso le etichette aziendali. Ospite della serata sarà Anna Chiavazzo della sweet room Il Giardino di Ginevra. Chef di pasticceria, chocolatier e specialista in lievitati naturali da forno presenterà le sue creazioni con insoliti abbinamenti tra vini e panettoni, da sempre protagonisti delle tavole imbandite delle feste.

Ogni cantina aderente all'iniziativa darà ai visitatori l’opportunità di visitare l’azienda per conoscere la sua storia e capire come vengono prodotti i vini.

ECCO TUTTE LE CANTINE PARTECIPANTI:

LA SIBILLA
TENUTA CAVALIER PEPE
TERRE DORA
LA GUARDIENSE
CANTINA DI SOLOPACA
CANTINA VINI MAGLIULO
VINI TELARIO

Leggi per intero >

TASTING LAGREIN
Successo per la IV edizione della rassegna
trentino-alto adige (bolzano - bozen) bolzano - bozen

pubblicato il 07/11/2014 09:45:31 nella sezione "Fiere & eventi"
TASTING LAGREINSuccesso per la IV edizione della rassegna
"Elegante, armonico e vellutato, il vitigno autoctono altoatesino ha impreziosito il calendario degli appuntamenti vino di Fiera Bolzano, riscuotendo grande apprezzamento sia del pubblico che degli operatori

Il gusto avvolgente del Lagrein conquista Fiera Bolzano. Vitigno autoctono a bacca rossa altoatesino, uno dei più rappresentativi della regione, il Lagrein è stato protagonista nei giorni scorsi della omologa rassegna “Tasting Lagrein”, la degustazione comparativa organizzata in collaborazione con il Consorzio Vini Alto Adige nell’ambito di Hotel, fiera internazionale dedicata a hotellerie e ristorazione. L’appuntamento – che insieme ad Autochtona e Vinea Tirolensis è parte integrante del calendario “collaterale” degli appuntamenti vino – si è svolto come di consueto negli spazi espositivi di Fiera Bolzano, toccando quota 360 presenze.

Anche per questa 4^ edizione, una giuria internazionale composta da giornalisti, esperti e blogger ha decretato il “Miglior Lagrein” e “Miglior Lagrein Riserva” tra un parterre di 58 etichette in degustazione, tutte rigorosamente provenienti dalle cantine dell’Associazione Vignaioli dell'Alto Adige (FWS).

“Abbiamo avuto modo di assaggiare vini molto interessanti e di buona qualità - ha affermato la presidentessa di giuria Christine Mayr, Presidente di AIS Alto Adige – frutto di un unico grande vitigno autoctono come il Lagrein, ma con tante espressioni diverse”.

Ad aggiudicarsi i “Lagrein Award” 2014 sono stati l'etichetta Gran Lareyn 2012 di Tenuta Loacker e Lagrein Gries Kristan Riserva 2011 di Egger-Ramer, rispettivamente “Miglior Lagrein” e “Miglior Lagrein Riserva”.

Bilancio più che positivo anche per i restanti appuntamenti vino di Fiera Bolzano. Autochtona, undicesimo Forum nazionale dei vini autoctoni che si è svolto il 20 e 21 ottobre, ha toccato quest’anno quota 1.275 presenze (il 25% in più rispetto alla precedente edizione), con 82 produttori provenienti da 14 diverse regioni italiane, per un totale di 316 etichette autoctone.

Tra gli appuntamenti cardine della kermesse la selezione “Autoctoni che passione!” – presieduta quest’anno dalla giornalista statunitense Christy Canterbury, una delle sette donne Master of Wine

degli Stati Uniti – che ha decretato i top wine 2014 tra un parterre di oltre 70 etichette in degustazione. Ottimi risultati anche per “Vinea Tirolensis”, l’area dedicata ai Vignaioli dell’Alto Adige che ha registrato il record di 800 presenze.

L’appuntamento con la prossima edizione di Autochtona è a Fiera Bolzano il 19 e 20 ottobre 2015, una occasione per conoscere, promuovere e valorizzare le produzioni autoctone italiane.
Leggi per intero >

NELLE MARCHE NUOVA PRODUZIONE DI VINI CERTIFICATI"BIO"
La Tenuta SS. Giacomo e Filippo di Urbino e i suoi vini naturali
marche (pesaro urbino)

pubblicato il 06/11/2014 16:47:31 nella sezione "Le cantine"
NELLE MARCHE NUOVA PRODUZIONE DI VINI CERTIFICATIBIOLa Tenuta SS. Giacomo e Filippo di Urbino e i suoi vini naturali
"Vogliamo dare ai nostri figli la coscienza che l’onestà verso il mondo in cui viviamo genera salute, benessere, vita nuova, per questo creiamo vini consapevolmente naturali che possano essere apprezzati da tutti coloro che credono in un mondo migliore, di lealtà e di sostenibilità."
Marianna Bruscoli

La TENUTA Ss. Giacomo e Filippo, ai piedi di Urbino nelle Marche, annuncia una importante novità nella produzione vinicola di URBINO Agricola – Azienda agricola di Bruscoli Marianna, all’interno della Tenuta.

Da quest’anno, l’intera filiera produttiva dei vini ha acquisito certificazione biologica I.M.C. al 100% con conseguente inserimento del logo europeo su tutte le etichette e con distribuzione della nuova produzione 2014 nelle enoteche tra Marche e Romagna.

Un esempio di SOSTENIBILITÀ e QUALITÀ

Situata nel cuore del Montefeltro, nell’Oasi Faunistica de “La Badia”, la Tenuta Ss. Giacomo e Filippo si compone di trecentosessanta ettari a coltivazione biologica, già certificata I.M.C., che testimoniano un vera e propria arte del paesaggio, tra frutteti, colture e vigneti. Sito di Importanza Comunitaria (SIC) della Provincia di Pesaro e Urbino, quest’area all’interno del bacino idrografico del fiume Foglia è caratterizzata da colline marnoso-argillose, boschi, pianure fluviali e maestose querce secolari. Un’area sottoposta a costante salvaguardia, conservazione e recupero del suolo con interventi di forestazione, faunistici, silvo-pastorali e idraulico-agrari.
La felice esposizione delle aree impiantate a vigneti, l'attenta gestione agronomica e l’impegno costante nella conduzione eco-sostenibile, danno vita a vini che raccontano le peculiarità del territorio collinare urbinate. Dopo dieci anni di attività e di un culto agricolo tramandati da generazioni sui territori di San Giacomo in Foglia, l'Azienda offre oggi una selezione di vini da vitigni come Sangiovese, Verdicchio, Incrocio bruni 54 100%, Merlot e Syrah; una nuova produzione interamente certificata bio, dalla coltivazione alla vinificazione, che rappresenta un traguardo in termini di eccellenza e qualità, curata e garantita dagli enologi Roberto Potentini e Giuseppe Camilli.

I nuovi VINI 2014

La selezione dei vini comprende un corposo vino rosso, dalla vendemmia di settembre 2012, e un vino bianco e due bollicine vendemmiati a settembre 2013, le cui etichette, con logo europeo bio, portano nomi legati alla tradizione della famiglia Bruscoli e alla storia del luogo.

Dedicato al nonno Ercole, il Fortercole (Blend 50% Merlot – 50% Syrah) è un vino rosso elegante, di grande personalità che si presta ad un lungo invecchiamento; il Bellantonio (Incrocio Bruni in Purezza 54 100%) in ricordo del nonno Antonio, è un bianco fresco, profumato e giovanile; Isabecta Brut (100% Verdicchio) e Isabecta Rosato (100% Sangiovese) vini spumanti di qualità, freschi, beverini e adatti a tutte le situazioni, portano invece il nome di IsaBecta de Lominis, madre di Giovanni Santi e nonna del celebre Raffaello, che nel XV secolo ricevette in dote parte della Tenuta nella quale oggi viene prodotto il vino.

I nuovi vini di URBINO Agricola sono distribuiti nelle migliori enoteche e ristoranti del territorio, in particolare a Urbino, Pesaro, Urbania, Cagli e Rimini, e sono a disposizione presso la Tenuta, a URBINO Resort e a URBINO DEI LAGHI Ristorante e Naturalmente Pizza, diretto dallo chef Stefano Ciotti.
Leggi per intero >

IN VINO VERITAS
Il 7 Novembre un evento per gli amanti del vino
puglia (lecce) nardò

pubblicato il 06/11/2014 11:42:22 nella sezione "Fiere & eventi"
IN VINO VERITASIl 7 Novembre un evento per gli amanti del vino
Appuntamento da non perdere per tutto gli amanti del buon vino, bevanda dionisiaca che da sempre ha ispirato poeti ed artisti di grande calibro. Da Michelangelo a Boudelaire, passando attraverso rime e canzoni dedicate. E' proprio agli aneddoti che ruotano dietro a questa bevanda inebriante che si svolgerà il Convegno "In Vino Veritas", fortemente voluto dall' Archeoclub Nardo' che "battezzerà" la sua nascita proprio in quell'occasione. Presenti docenti di latino e greco ma anche la celebre pittrice Enoica Arianna Greco, nata nel Salento ma ormai cittadina del Mondo, grazie proprio alla sua capacità di utilizzare il vino alla stregua di colore per realizzare dipinti che invecchiano nel tempo. Seconda tappa neretina quella della giovane pittrice che spiegherà al pubblico cosa caratterizzi il suo approccio alla pittura e quali siano le peculiarità della stessa.
Verrà presentato anche l'ultimo numero del periodico "LA FORNACE" con una sezione speciale dedicata al vino.
Al termine, dopo tanto parlare, seguirà una degustazione.

Ingresso Libero.
Leggi per intero >
Clicca sui numeri per scorrere le news
1
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Cielo e TerraAcquisisce il 50% del marchio Maia
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Nuovo Curatore per la Guida Oro VeronelliAndrea Alpi Responsabile Formazione
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca