The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   
ARCHIVIO




DE CASTRO: "VINITALY AMBASCIATORE DEL VINO IN ITALIA E NEL MONDO"

pubblicato il 31/03/2014 18:12:22 nella sezione "News Wine"
DE CASTRO: VINITALY AMBASCIATORE DEL VINO IN ITALIA E NEL MONDO
Il record storico di esportazioni di vino italiano nel mondo, l’abolizione delle norme anti-dumping da parte della Cina, le opportunità di promozione anche sul mercato europeo e una Politica agricola comunitaria che ha messo un paletto alla liberalizzazione selvaggia sono alcuni degli aspetti e delle opportunità per il comparto vitivinicolo nazionale. A dirlo è l’on. Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura al Parlamento europeo, in un’intervista all’Ufficio stampa di Vinitaly.
Alla vigilia della 48ª edizione del Salone internazionale dei vini e dei distillati, De Castro consacra Vinitaly come «l’ambasciatore del vino, in Italia e nel mondo, luogo di conoscenza e di creazione di valore per un prodotto che simboleggia al meglio la tradizione e la qualità italiana».
Presidente De Castro, con la riforma della Pac che entrerà in vigore il prossimo 1° gennaio, cosa cambia per il settore del vino?
«La nuova politica agricola ha scongiurato la liberalizzazione selvaggia dei diritti di impianto dei vigneti. Pur concludendosi il sistema dei diritti nel 2015, sarà introdotto un nuovo sistema di autorizzazioni a partire dal 2016 e fino al 2030 e gli Stati membri che si avvarranno del sistema dei diritti d’impianto avranno facoltà di decidere se passare al nuovo sistema entro il 2020. Nell’ambito dei programmi di sostegno, troveranno poi spazio nuove misure, come quella relativa all’innovazione e quella relativa alla promozione rivolta al mercato interno limitatamente all’informazione sull’uso consapevole di vino e sul sistema europeo delle denominazioni di origine e indicazioni geografiche».
Quali sono le opportunità che si aprono per i produttori italiani all’interno dell’Unione europea e nei confronti dei Paesi Terzi?
«Come anticipavo, con la nuova Pac i produttori potranno contare - oltre che sulle tradizionali risorse destinate alla promozione nei Paesi Terzi - anche su nuovi fondi destinati alla promozione nel mercato europeo. Si tratta di un’innovazione che il Parlamento ha voluto introdurre su una leva che ha caratterizzato con successo la competitività degli ultimi anni, e che potrà rappresentare indubbiamente un’ulteriore opportunità per far conoscere e apprezzare ancora di più le eccellenze del settore anche in Europa. Il mercato dell’Unione rappresenta, infatti, il 60% delle “esportazioni” dei Paesi membri, basta pensare a quanto sono importanti per l’Italia mercati come quelli della Germania e dell’Inghilterra. Quote che possono continuare a crescere grazie a un sostegno adeguato e a un’organizzazione più efficiente».
In termini di aiuti per ettaro, invece, di quanto sarà la riduzione per i vitivinicoltori e su quali valori si fisserà nel 2019, tenuto conto della convergenza?
"Su questo aspetto gli istituti di ricerca stanno elaborando simulazioni sui singoli settori per verificare gli impatti della convergenza interna rispetto al quadro attuale. La scelta del modello di convergenza (regione unica piuttosto che aree amministrative
e delle modalità di applicazione del nuovo regime di pagamento fanno parte di quel “pacchetto” di decisioni che gli Stati membri dovranno notificare a Bruxelles entro il mese di luglio. Tali scelte dovranno esser prese all’interno di alcuni “paletti” fissati dalla riforma della Pac. In tale ambito, mi piace ricordare che proprio in seguito alle modifiche apportate dal Parlamento europeo durante i negoziati, gli impatti del nuovo regime rispetto a quello attuale sono stati limitati, consentendo allo Stato membro di regionalizzare solo il 60% del budget nazionale e di limitare comunque le perdite)

Leggi per intero >

VINO NEI SUPERMERCATI
Risalgono le Vendite

pubblicato il 31/03/2014 18:09:15 nella sezione "News Wine"
VINO NEI SUPERMERCATIRisalgono le Vendite
Migliorano le vendite di vino nei supermercati nei primi due mesi del 2014. Nel primo bimestre gennaio/febbraio le vendite di bottiglie da 75cl sono più dinamiche e guadagnano 3 punti percentuali sul 2013, facendo segnare un -0,3% a volume rispetto a ad una chiusura 2013 del -3,4%
"In realtà già l’ultimo trimestre 2013 aveva dato segnali positivi, cioè di un rallentamento del calo delle vendite - ha spiegato Virgilio Romano, Director Cliente Service di IRI – ed ora i primi due mesi del 2014 mostrano un netto miglioramento. Recupera anche il brik con un -2,1% (rispetto al -9,4% del 2013
. Probabilmente abbiamo lasciato alle spalle le difficoltà del 2013, in linea con l’andamento dell’economia e dei consumi, e possiamo essere fiduciosi per il 2014)
l dato positivo ha creato interesse nel mondo delle cantine che cercano di capire quali saranno le strategie future della grande distribuzione, come ha sottolineato Giovanni Mantovani, Direttore generale di Veronafiere:
"Si tratta di un dato che potrebbe rappresentare l’inversione di tendenza rispetto al continuo calo dei consumi interni registrato negli ultimi anni. A questo punto sarà ancora più importante il convegno del 7 aprile a Vinitaly su ‘Cantine e grande distribuzione: nuove strategie per il mercato italiano ed estero’, cui parteciperanno Federdistribuzione, Coop, Conad, Federvini, Unione Italiana Vini, Eataly, perché da lì scaturiranno idee e proposte per stimolare il mercato domestico

Per rilanciare le vendite di vino nei supermercati le catene distributive stanno valutando diverse leve potenziali: la ristrutturazione degli scaffali, una maggiore comunicazione, una riduzione o un aumento delle promozioni, una maggiore enfasi su prodotti a marchio del distributore, vino biologico e vino bag in box.


Leggi per intero >

L'ITALIA AMA IL VINO DEL SUDTIROL
In Crescita Anche l'Export

pubblicato il 28/03/2014 12:11:40 nella sezione "News Wine"
LITALIA AMA IL VINO DEL SUDTIROLIn Crescita Anche lExport
a cura di Alessandra Conforti
"L’indiscussa qualità ed i prezzi equilibrati dei nostri vini sono stati l’arma vincente dell’’Alto Adige in questi ultimi tre decenni, non ci siamo fatti stregare dai successi ottenuti e questo ci ha premiato. Ora è il momento di affrontare con più audacia anche il mercato estero, non trascuriamo certo i nostri tradizionali partner ma abbiamo in cantiere per il prossimo triennio azioni mirate che speriamo incisive in paesi quali il Giappone e la Russia che danno segni di grande interesse e sicura crescita. Siamo certi ad esempio che l’1% oggi rappresentato dalla Russia crescerà in modo significativo nel giro di poco tempo

Così Anton Zublasing presidente del Consorzio Vini Alto Adige ha commentato passato e futuro di questi vini che tanto sono amati dagli italiani e all'estero. Il 50% della produzione viene infatti assorbita dalla solo provincia di Bolzano, il 20% è venduto in Italia mentre il restante 30% corre all'estero in paesi come Germania, Stati Uniti, Svizzera, Austria.
Ma per l'Alto Adige il Vinitaly 2014 resterà un grande banco di prova dove 77 produttore faranno conoscere i nuovi prodotti. Nel grando spazio che andranno ad occupare i produttori altoatesini (circa 1500 mq), ogni giorno degustazioni tematiche, domenica e martedì saranno presentati in un affascinante percorso sensoriale i vini della ”Famiglia dei Pinot”, bianco grigio e rosso, nonché le bollicine di montagna rigorosamente prodotte secondo il Metodo Classico. Lunedì e mercoledì invece sarà la volta dei vini “Bianchi aromatici" e dei Rossi autoctoni”, dal Gewürztraminer al Lagrein.
In tutto 80 etichette per conoscere meglio gli affascinanti vini del Südtirol.
Leggi per intero >

IL VERSOALN IN DEGUSTAZIONE A VINITALY 2014
Il Vino della Vigna più Antica del Mondo
trentino-alto adige (bolzano - bozen)

pubblicato il 28/03/2014 11:47:13 nella sezione "Fiere & eventi"
IL VERSOALN IN DEGUSTAZIONE A VINITALY 2014Il Vino della Vigna più Antica del Mondo
"Un’occasione imperdibile per i wine lovers che a Vinitaly potranno degustare Il vino Versoaln, frutto della vigna più antica al mondo che ha oltre 350 anni di storia. Un nettare pregiato prodotto in poche decine di esemplari dal Podere Provinciale Cantina Laimburg e che dal 2006 è sotto la paternità dei Giardini di Castel Trauttmansdorff

A Vinitaly tra le degustazioni da non perdere quella del Versoaln, il vino prodotto dalla vigna più antica al mondo, con oltre 350 anni di storia che cresce rigogliosa a Prissiano a 600 metri di altitudine, testimonianza della cultura millenaria del vino in Alto Adige.

Sarà al Pad. 6 stand B1 che la Cantina Lamburg metterà in degustazione una decina di bottiglie del pregiato vino, il Versoaln, antico vitigno originario della Val Venosta che produce uve zuccherine da cui si ricavano annualmente 75-120 bottiglie di un ottimo vino bianco, leggermente fruttato, dalla struttura delicata e dalla spiccata acidità.

L’uva raccolta durante l’ultima vendemmia, a metà ottobre, è stadi di circa 300 kg, buona la qualità, con un contenuto zuccherino di 17 gradi barbour.

Il Versoaln è una pianta da record in tutti i sensi: oltre ad essere plurisecolare come provato scientificamente nel 2004, possiede un tronco di 32 cm di diametro, arriva a raggiungere quasi un metro di circonferenza. Con le sue vaste e rigogliose fronde, copre ben 350 metri quadrati di pergolato e appartiene ad una qualità autoctona altoatesina che cresce sul pendio settentrionale di Castel Katzenzungen a Prissiano a ridosso di un muro, sorretta da pali di castagno, dove per secoli, si è accumulato materiale alluvionale che ne ha ricoperto il tronco e le attaccature delle prime ramificazioni.

La vigna Versoaln sopravvissuta alla filossera cresce rigogliosa grazie a condizioni ambientali particolari, come temperature miti, piogge regolari durante tutto l’anno e un clima equilibrato, su di un terreno sabbioso, di consistenza medio-leggera e in parte argilloso, che ne fa defluire l’umidità in poco tempo, mentre il vento leggero e secco delle montagne circostanti ne fornisce l’aerazione ideale. Matura piccoli grappoli trasparenti, dagli acini di medie dimensioni, annualmente i raccolti sono buoni e regolari, con un grado zuccherino che oscilla fra il 16 e il 19% e un’acidità marcata.

Varie sono le supposizioni sulle origini del particolare nome Versoaln, la versione più accreditata fa riferimento alla posizione delle vigne, di solito situate in posti difficili da coltivare, che costringeva i contadini a trasportare le uve vendemmiate in cesti trattenuti da corde. La parola dialettale “versoaln” infatti significa “assicurare il raccolto e trasportarlo per mezzo di corde”.

Il vino Versoaln è il fiore all’occhiello della produzione della Cantina Laimburg che vinifica le uve dell’antico vigneto dal 2006. La degustazione di questo pregiato nettare è possibile nei giovedì da agosto a ottobre grazie al pacchetto turistico combinato “Giardini e Vino”, che prevede una visita guidata ai Giardini di Sissi, lo spostamento a Castel Katzenzungen a Prissiano con visita alla vite Versoaln e degustazione di vini tipici altoatesini, compreso il Versoaln.
Leggi per intero >

AL VINITALY 2014 DEGUSTAZIONI A REGOLA D’ARTE
Formaggi e Vini Si Ispirano al Canova

pubblicato il 27/03/2014 18:17:11 nella sezione "Fiere & eventi"
AL VINITALY 2014 DEGUSTAZIONI A REGOLA D’ARTEFormaggi e Vini Si Ispirano al Canova
"A Vinitaly protagonista il Prosecco Superiore Asolo Docg Terre del Canova prodotto dall’azienda Montelvini che rende omaggio al grande artista veneto e che verrà proposto in abbinamento alle creazioni casearie di Carlo Piccoli, mastro casaro di Latteria Perenzin dalla ventennale esperienza e produttore di formaggi artigianali di qualità

San Pietro di Feletto (TV), marzo 2014 – Degustazioni a regola d’arte tra le curiosità del prossimo Vinitaly. Perenzin, la storica latteria di Bagnolo nel trevigiano, sostenendo il progetto Montelvini – Fondazione Museo Canova, dedica i suoi formaggi di punta ad ogni dea figlia di Zeus rappresentata nella celeberrima scultura “Le tre Grazie” del grande maestro Antonio Canova. Una liaison originale che sarà presentata al Vinitaly, martedì 8 aprile alle ore 12.00 presso lo stand Montelvini al Pad 4 E 6 e che proporrà in degustazione assieme ai formaggi il Prosecco Superiore Asolo Docg Terre del Canova. Sarà Emanuela Perenzin ad illustrare agli ospiti i migliori abbinamenti per tutta la giornata.
"Partecipiamo di buon grado al progetto sostenuto da Montelvini e dalla Fondazione Museo Canova di Possagno per la valorizzazione del patrimonio artistico veneto. Vinitaly è una vetrina d’eccellenza per rendere omaggio al grande artista Antonio Canova – afferma Emanuela Perenzin - Condividiamo l’idea di legarci all’arte per dare un valore aggiunto alle nostre produzioni, ancorate anch’esse alle tradizioni e alla storia della nostra regione

Dedicati alle dee Aglaia, Eufrosine e Talia i formaggi fiore all’occhiello della produzione d’eccellenza Perenzin. Il Piccolo Fiore di Bufala, formaggio pluripremiato a crosta sottile, pasta morbida e cremosa, dal sapore leggermente acidulo con note lattiche floreali e agrumate; il formaggio Ubriaco di Capra al Traminer, che nasce storicamente dalla secolare usanza di nascondere il formaggio nel mosto in fermentazione per sottrarlo alle razzie della guerra, a pasta semidura, leggermente occhiata, ubriacato nel mosto di vino Traminer con crosta scura ed evidenti residui d’uva. Infine il formaggio Ubriaco di Bufala da Uve Glera, dolce e delicato con note fruttate dovute all’affinamento nelle vinacce Glera, a pasta compatta, crosta sottile e aromi fruttati.

La produzione della storica latteria di Bagnolo è affidata al mastro casaro e degustatore Onaf Carlo Piccoli, che vanta un’esperienza trentennale in tutta la filiera del latte e che assieme alla moglie Emanuela Perenzin, pronipote del fondatore dell’omonima latteria, si impegna a promuovere la cultura casearia, in un’ottica ecosostenibile e attenta al recupero delle tradizioni locali.
www.perenzin.com
Leggi per intero >

NASCE LA GUIDA PER I "GRAPPATURISTI"
Alla Scoperta Delle Valli della Grappa in Trentino

pubblicato il 26/03/2014 16:19:47 nella sezione "News Wine"
NASCE LA GUIDA PER I GRAPPATURISTIAlla Scoperta Delle Valli della Grappa in Trentino
"Uno strumento che accompagna i turisti alla scoperta delle valli della grappa in Trentino, ma che al contempo racconta come degustare il prodotto, come utilizzarlo in cucina. Restyling anche per il sito internet dell’Istituto al quale si affianca anche un’attività di social media

Anno nuovo, veste nuova. L’Istituto di Tutela Grappa del Trentino riparte con la promozione in Italia e all’estero e presenta una guida per scoprire le distillerie associate all’interno del territorio. Trentino Grappa, questo il titolo del nuovo strumento informativo che l’Istituto di Tutela della Grappa del Trentino ha ideato per accompagnare il turista in una nuova forma di viaggio alla scoperta del distillato italiano per eccellenza, la grappa. Una pubblicazione che raccoglie le aziende socie spiegandone i prodotti in altrettante schede.
"La storia, la tradizione, la geografia della grappa, è quello che abbiamo voluto raccogliere in questa pubblicazione – spiega il presidente dell’Istituto di Tutela, Beppe Bertagnolli – perché anche la grappa è un volano per l’economia delle singole valli del territorio e c’è sempre più consapevolezza nel consumatore di questo aspetto che noi abbiamo cercato di mettere in evidenza con questo nuovo strumento

Si potrebbe definire una sorta di “strada della grappa” che grazie alla mappa allegata alla guida porterà il visitatore alla scoperta delle 28 distillerie sparse per le varie valli della Provincia di Trento. Nella parte introduttiva della guida anche un breve vademecum su come approcciarsi alla degustazione delle grappe del Trentino, quali scegliere, come abbinarle e una curiosa parte dedicata all’uso della grappa in cucina, non solo per preparare sfiziose ricette, ma anche per proporre abbinamenti a piatti dolci e salati, rigorosamente della tradizione locale.
Non finisce qui l’impegno dell’Istituto che nel frattempo ha rilanciato anche l’immagine del sito istituzionale (www.grappatrentinadoc.it) rinnovando la veste grafica e rendendolo compatibile con le nuove tecnologie. Un buon modo per indirizzare al meglio i nuovi consumatori che sono, secondo una recente indagine, sempre più giovani e soprattutto appartenenti al gentil sesso. A questo strumento è stato affiancato un lavoro di comunicazione sui social network per cercare di parlare di grappa con linguaggi più moderni che meglio si avvicinino al consumatore del futuro.
La produzione annua di grappa del Trentino rappresenta circa il 10% di quella nazionale, vale a dire circa 4 milioni di bottiglie equivalenti (da 70 centilitri). La produzione media annua di grappa in Trentino è di circa 10 mila ettanidri di grappa distillando, sempre in media annua,16 mila tonnellate di vinaccia. Tre le tipologie principali di grappa prodotta: quella da uve aromatiche (40% del totale), quella destinata all’invecchiamento (circa il 35%) e quella da vinacce miste (circa il 25% della produzione). Il fatturato medio annuo che la grappa genera in Trentino è calcolato intorno ai 15 milioni di euro per l’imbottigliato e 2 milioni di euro per quanto riguarda la materia prima. La quota export rappresenta circa il 20 per cento del totale.

Leggi per intero >

SURGIVA E VINITALY
Come l'Acqua per il Vino

pubblicato il 26/03/2014 16:05:00 nella sezione "News Wine"
SURGIVA E VINITALYCome lAcqua per il Vino
"Partnership di qualità per la fornitura ufficiale di acqua minerale alla rassegna e a tutti gli eventi legati al Salone internazionale del vino e dei distillati: dal Concorso Enologico Internazionale ad OperaWine sino a Vinitaly and the City. Un servizio affiancato alla possibilità di acquistare ed avere al proprio stand anche il pane fresco ed il ghiaccio

Verona, 26 marzo 2014. Come l’acqua per… il vino. Matrimonio di qualità tra Vinitaly e Surgiva, acqua ufficiale della 48ª edizione della rassegna e di tutti gli eventi legati al Salone internazionale del vino e dei distillati (Veronafiere, 6-9 aprile 2014): dal Concorso Enologico Internazionale ad OperaWine, sino a Vinitaly&theCity.

L’acqua Surgiva (azienda parte del Gruppo Lunelli di Trento) potrà essere acquistata dagli espositori di Vinitaly e consegnata direttamente allo stand, grazie al sistema di prenotazione online e di distribuzione a cura di Veronafiere. Un servizio affiancato alla possibilità di acquistare ed avere al proprio stand anche il pane fresco ed il ghiaccio.

Una scelta, quella di Surgiva, all’insegna della leggerezza e qualità derivanti dall’ambiente di cui è espressione: sgorga infatti, dopo un lungo percorso sotterraneo, da una sorgente in alta quota, nel cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta, in Trentino, ed è figlia di ghiacciai e rocce granitiche. L’esito di questo percorso è un residuo fisso molto basso, che rende il gusto di Surgiva perfettamente neutro e quindi ideale per accompagnare in modo discreto il vino nelle degustazioni.

La coerenza con valori quali l’attenzione alla qualità e lo stretto legame con il proprio territorio fanno di Surgiva una scelta di prestigio per Vinitaly, brand autorevole e riconosciuto a livello internazionale, che anche grazie a legami di partnership come questo promuove in Italia e all’estero un’immagine d’eccellenza e professionalità.


Leggi per intero >

VINITALY 2014
Tutti i Colori del Rosa nella Nuova “Isola Valtènesi”

pubblicato il 26/03/2014 16:02:06 nella sezione "Fiere & eventi"
VINITALY 2014Tutti i Colori del Rosa nella Nuova Isola Valtènesi
"Uno spazio espositivo completamente ripensato, una rappresentanza territoriale da record e degustazioni in rosa per scoprire tutti i segreti “cromatici” del Chiaretto: queste le novità del Consorzio Valtènesi per la grande avventura di Vinitaly 2014, a Verona dal 6 al 9 aprile

Il Consorzio Valtènesi scommette compatto su Vinitaly 2014: sarà infatti la rinnovata coesione dei produttori a caratterizzare la “spedizione” consortile alla 48esima edizione dell’expo veronese, in programma dal 6 al 9 aprile. La volontà di dare piena rappresentanza alla “novità Valtènesi” ha portato alla decisione di ripensare completamente lo spazio istituzionale in fiera: la nuova “Isola Valtènesi” (Padiglione Regione Lombardia Palaexpo, zona C9) sarà un vero e proprio open space aperto destinato ad ospitare, oltre allo spazio istituzionale, ben 18 aziende del comprensorio, che unite alle 4 presenti con proprio stand portano a 22 il totale delle insegne presenti quest’anno a Verona. Una rappresentanza da record, che conferma come una delle principali “mission” del Consorzio sia oggi quella di presentarsi sotto il segno di un nuovo clima di compattezza.
Per i visitatori ci sarà quindi l’opportunità di approfondire l’”esperienza Valtènesi” in tutte le sue molteplici sfumature e con i più importanti marchi del territorio, seguendo il filo di una proposta nella quale sarà ancora una volta il rosa del Valtènesi Chiaretto a farla da padrone. Ad arricchire il banco d’assaggio consortile vi sarà infatti una tavolozza di colori con tutte le sfumature cromatiche dei rosè: una prima, concreta anticipazione dello studio sulla caratterizzazione dei Chiaretti che il Consorzio sta conducendo in collaborazione con il Centre de Recherche et d'Expérimentation sur le Vin Rosè di Vidauban, in Provenza, di cui si parlerà anche nella tradizionale conferenza stampa in programma per la mattina di lunedì 7 alle 11.00. Il visitatore che degusterà i Chiaretti sarà quindi coinvolto in un gioco di colori che gli consentirà di giudicare i vini anche sul fronte dell’aspetto visivo: un esperimento dal quale il Consorzio si attende anche qualche indicazione sulle aspettative del consumatore in uno scenario internazionale che vede i colori del rosè “scaricarsi” progressivamente per assumere tonalità sempre più tenui. Tutto questo non è che un esempio del rigoroso approccio di ricerca che il Consorzio ha assunto nei confronti di un “rosè da viticoltura” che in Valtènesi è simbolo di tradizione ultracentenaria.
Non mancherà tuttavia l’opportunità di conoscere il Valtènesi Doc nell’espressione del rosso, per raffigurare compiutamente sul grande palcoscenico internazionale di Vinitaly quella “doppia anima” che rappresenta il simbolo della nuova immagine consortile.

Leggi per intero >

“ALLA CONQUISTA DEL VOLANTE ROSA 2014”

puglia (lecce) lecce

pubblicato il 25/03/2014 11:10:47 nella sezione "Arte Wine"
ALLA CONQUISTA DEL VOLANTE ROSA 2014
Nell’ambito di ITINERARIO ROSA, iniziativa ideata e promossa dal Comune di Lecce – Assessorato alla Cultura, la 1° Scuderia Femminile AutoMoto d’Epoca e la Scuderia Il Tacco AutoMoto d’Epoca – Federato A.S.I. organizzano in collaborazione con la Pro Loco di Lecce e del Circolo Tandem, la II Edizione della Manifestazione Culturale “ALLA CONQUISTA DEL VOLANTE ROSA” che intende ripercorrere l’evoluzione della donna sui mezzi di trasporto: dalla carrozza all’auto. L’evento vedrà la partecipazione di VALENTINA BODINI, figlia di VITTORIO BODINI, grande poeta pugliese del ‘900, per ricordarne il centenario dalla nascita e di ARIANNA GRECO, giovane pittrice salentina conosciuta in tutto il mondo per la sua particolare tecnica pittorica consistente nell’utilizzare Vino e Birra al posto dei tradizionali colori e che ha realizzato l’immagine simbolo della Manifestazione.

Location sarà Piazza Sant’Oronzo a Lecce dove i partecipanti potranno degustare un prodotto tipico della Pasticceria salentina, “il pasticciotto leccese” della Pasticceria Natale. A far da cornice una Mostra dei mezzi di trasporto d’Epoca e una Mostra fotografica delle 10 Edizioni passate di Itinerario Rosa. Dopo il tradizionale saluto delle Autorità andrà in scena il FLASH MOB a cura della coreografa Monica Cananà con presenza delle allieve vestite con abiti d’epoca della Sartoria Teatrale dell’I.I.S.S. A. De Pace e dell’Istituto Cordella Fashion School. Segue visita al Museo MUST presso l’ex convnto di Santa Chiara dove è allestita la ricchissima Mostra multimediale di Vittorio Bodini

Leggi per intero >

TAVERNA ANGELICA
Autenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
lazio (roma) roma

pubblicato il 25/03/2014 11:06:13 nella sezione "Ristoranti"
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
Nel cuore della Roma papalina, a pochi passi dalla Cupola di San Pietro, Taverna Angelica è un angolo di buon gusto per intenditori che sfuggono come la peste i ristoranti a caccia di turisti. Non a caso la clientela di Taverna Angelica è composta da frequentatori abituali, professionisti, intellettuali e prelati che la scelgono per qualità, cortesia, per l'ambiente raffinato nella sua sobrietà e per l'accurata selezione delle materie prime e dei menu, sempre accompagnati da ottimi vini. Clienti abituali sì, ma anche visitatori internazionali, invitati da amici e conoscenti tramite la più straordinaria catena dell'eccellenza e della garanzia di qualità: il passaparola. A Taverna Angelica tutto è scelto con cura ed è difficile capitarci per caso, nascosto com'è dalle vie più chiassose del quartiere di Borgo.

Entrando nel ristorante ci si adegua immediatamente al tenore del luogo e davanti alla vetrata che custodisce l'accurata cantina, si è portati ad abbassare il volume della voce e a lasciarsi accompagnare nella scelta delle pietanze che strizzano l'occhio alla tradizione italiana ma con incursioni verso gusti meno consueti. Come i gamberoni in crosta di pasta kataifi o i cannoli di spigola e mango ripieni di rucola o le imperdibili polpettine di cicoria su vellutata di ceci. Tra i primi eccellono le fettuccine verdi con mazzancolle su carpaccio di melanzane e gli gnocchetti con broccoli e frutti di mare. Per gli amanti del riso, il risotto con fiori di zucca e concassé di pomodoro è la risposta migliore. Ma è nei secondi piatti che gli accostamenti si fanno più originali e preziosi: la nocetta di vitello in crosta con crema di tartufo nero è una delle costanti dei menù di Taverna Angelica, assieme alla tagliata di tonno fresco ai pistacchi e salsa di arance e al filetto di rombo con granella di mandorle, salsa al vino bianco e verdure al vapore. Un'attenzione viene poi dedicata alla conclusione della cena con dessert insoliti come la mousse di cioccolata bianca con salsa ai frutti di bosco, lo spumotto di caffè e il tortino di pistacchi con salsa ai pistilli di zafferano. Taverna Angelica nasce dall'incontro delle differenti esperienze umane dei soci, da chi ha gattonato in uno dei migliori ristoranti d'Italia e ha la ristorazione nel dna da generazioni a chi ha fatto della cura dell'accoglienza la propria ragione di vita. E' aperta tutte le sere, e a pranzo solo per eventi aziendali.

Leggi per intero >

IL VINO? SE NE DISCUTE NEL SUO MUSEO
Con Incontri Ad Hoc
toscana (firenze) firenze

pubblicato il 24/03/2014 11:44:19 nella sezione "Arte Wine"
IL VINO? SE NE DISCUTE NEL SUO MUSEOCon Incontri Ad Hoc
"Dal 12 aprile un ciclo di sei appuntamenti tra storia, tecnica e gusto
per scoprirne i segreti e degustare rossi e bianchi made in Tuscany

Un’occasione di avvicinarsi al mondo del vino in maniera completa e multidisciplinare, per scoprire non solo i dettagli tecnici – l’esame visivo, olfattivo e gustativo – ma anche in prospettiva storica, dalle origini del vino degli etruschi, romani e attraversando la Firenze medievale. E ancora, in una carrellata di elementi che orbitano intorno al bicchiere: la vigna, il mondo del sommelier e i vini biologici. E’ Convinum, il ciclo di incontri simposiali a metà strada tra gusto e cultura che si terrà dal 12 aprile al Daviddino in via Martelli 14/r, a Firenze.

Gli incontri andranno avanti fino al 21 giugno, in orario pomeridiano e della durata di due ore: ogni appuntamento è preceduto da una visita a Winex, la struttura museale dedicata al mondo della viticoltura italiana, poi inizierà il simposio tematico vero e proprio con una serie di incontri – con la sommelier Paola Caroti Ghelli, la produttrice Annalisa Busani, la direttrice del museo nazionale archeologico Carlotta Cianferoni, l’agronomo Marco Mazzarrini, l’enologo Mirko Niccolai e Giovanni Roncaglia (Soprintendenza archeologica della Toscana) – seguiti da una degustazione di tre diversi vini legati al contesto forniti da prestigiose case vinicole. Infine, il buffet di specialità regionali per approfondire la discussione su quanto si è appena scoperto.

Ecco l’elenco degli incontri, con le aziende partecipanti:
12 aprile – “Il mondo del sommelier”, az. Corte dei Venti
26 aprile – “Vini biologici”, az. Cavalierino
10 maggio– “Storia del vino”, vini a marchio Etruschello
24 maggio – “La vigna”, az. Poggio Amorelli
7 giugno – “L’esame visivo, olfattivo, gustativo”, az. Mormoraia
21 giugno – “Il consumo del vino nella Firenze medievale”, az. Terre Nere

Gli incontri si terranno nella sala conferenze del locale, arricchito da un giardino interno dove si trova una statua in pietra serena ispirata al David di Michelangelo (da cui prende il nome il Daviddino, inserito tra due coppie di cariatidi del XVII secolo). All’interno del locale c’è anche Winex, l’esposizione permanente dedicata al ciclo di lavorazione della vite e del vino, con oltre 500 oggetti storici, a partire da alcuni autentici reperti etruschi, romani e medievali concessi dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

Leggi per intero >

IL NOBILE A ROMA
Il 28 Marzo Il Nobile di Montepulciano In Degustazione a Roma
toscana (siena) montepulciano

pubblicato il 24/03/2014 11:17:45 nella sezione "Fiere & eventi"

NASCE WINEOWINE:
L'Enoteca Online Che Sostiene i Piccoli Produttori

pubblicato il 24/03/2014 11:10:30 nella sezione "News Wine"
NASCE WINEOWINE:LEnoteca Online Che Sostiene i Piccoli Produttori
E’ stato lanciato sul mercato wineOwine, il portale di vendita di vini online che propone etichette di alta qualità selezionate fra piccole cantine. Lo scenario vinicolo in Italia è caratterizzato da moltissimi produttori, denominazioni e aree geografiche. Questo ha causato una frammentazione dell’offerta tale che soltanto pochi marchi blasonati riescono ad emergere e raggiungere l’intero mercato nazionale. Migliaia di piccoli produttori hanno difficoltà a far conoscere le proprie eccellenze al grande pubblico e i consumatori non hanno la possibilità di scoprire prodotti originali e di alta qualità perché difficilmente reperibili fra gli scaffali della grande distribuzione o nell’enoteca tradizionale. Per risolvere questo problema e avvicinare gli amanti del vino agli artigiani dell’uva è nata wineOwine, che sceglie e propone etichette di alta qualità, dando risalto ai piccoli produttori. Sul portale ogni utente avrà la possibilità di acquistare vini di nicchia al miglior prezzo. Ogni due settimane saranno proposte nuove etichette, stimolando la curiosità del consumatore e promuovendo produttori sempre diversi.

L’obiettivo è di offrire visibilità alle cantine di ridotte dimensioni, raccontando le loro storie e accompagnando il consumatore in un viaggio emozionale alla scoperta di nuovi prodotti e aree geografiche sconosciute. wineOwine propone poche etichette accuratamente selezionate, rendendo l’acquisto del vino di qualità facile e alla portata di tutti ed evitando quell’indecisione che l’acquirente ha tutte le volte che in enoteca si trova di fronte a centinaia di etichette senza sapere quali scegliere. Il portale si rivolge così ad una nuova fascia di consumatori, composta non soltanto da appassionati, ma anche da curiosi e semplici amanti del vino: un mercato di grandi dimensioni, che solo in Europa vale oltre 150 miliardi di Euro (Fonte:businesswire.com) e che, a dispetto della crisi, continua a crescere.

L’idea di wineOwine è nata da due ragazzi abruzzesi, Federico De Cerchio ed Eros Durante, rispettivamente CEO e CTO della startup, amici d’infanzia e con la passione per il vino tramandata dalle famiglie. Lo scorso dicembre la startup è stata selezionata da LUISS ENLABS per il programma di accelerazione riservato alle imprese innovative e recentemente ha ricevuto un finanziamento micro-seed da parte di LVenture Group, holding di venture capital quotata alla Borsa Italiana.

www.wineowine.com


Leggi per intero >

DESTILLATA
Distilleria Ortler Vincitore Nazionale Italiano

pubblicato il 21/03/2014 18:39:59 nella sezione "Fiere & eventi"
DESTILLATADistilleria Ortler Vincitore Nazionale Italiano
La premiazione all'evento "Destillata" ha visto Alexander Ortler aggiudicarsi copiosi riconoscimenti. Oltre ai Distillatori Nobili dell'anno 2014 la distilleria Ortler è stata ammessa, assieme ad altre 14 aziende, nell'elite internazionale delle migliori distillatorie. Il successo ottenuto è un significativo riconoscimento al distillatore di Appiano. Solo dopo tre anni dalla fondazione della sua azienda, ottiene, unico in Italia questa ammissione e pertanto anche il titolo di "Vincitore nazionale italiano 2014". Accanto alla vincita per la categoria "Distillato di vinaccia" con il suo “Gewürztaminer & Goldmuskateller” Alexander fa'. Incetta di altre quattro medaglie d'oro per l’acquavite di fragola, di uva Sauvignon, di albicocca Barrique e di mela Gravensteiner, oltre a tutto questo si aggiudica altre dodici medaglie d'argento.

La manifestazione "Destillata" di assaggio e classificazione, attraverso la competente giuria, ha visto quest'anno la partecipazione di 183 aziende di 11 diverse nazioni con l'apporto di ca. 1700 distillati. L'indubbiamente più rinomato concorso per Distillati Nobili d'Europa ha potuto con ciò segnare un nuovo record di partecipazione.

Al concorso "Destillata" possono partecipare esclusivamente prodotti che non contemplino l'uso di zuccheri aggiunti. Prodotti di questo ultimo tipo non vengono classificati. Questo requisito differenzia sostanzialmente questa manifestazione altre simili.

Leggi per intero >

CHECKPOINT SYSTEMS CON HEDONISM WINES
Per la Protezione dei Vini di Lusso
lombardia (milano) milano

pubblicato il 21/03/2014 18:36:54 nella sezione "News Wine"
CHECKPOINT SYSTEMS CON HEDONISM WINESPer la Protezione dei Vini di Lusso
Checkpoint Systems ha creato per Hedonism Wines di Mayfair (Londra), una soluzione innovativa che permette di esporre sugli scaffali, liberamente e in tutta sicurezza, bottiglie il cui valore può raggiungere i 120.000 euro, senza compromettere, in alcun modo, l'estetica del prodotto. Si tratta di uno speciale collarino applicato al collo della bottiglia, ideato per far scattare l'allarme ogni volta che un articolo oltrepassa le antenne antitaccheggio, presenti all'interno del punto vendita.

A differenza della maggior parte dei sistemi di sicurezza per vini venduti nei supermercati, il dispositivo fornito da Alpha, brand di Checkpoint, non copre la parte superiore della bottiglia, permettendo ai clienti di esaminare il tappo. L'aspetto più innovativo di Alpha Steel Grip Bottle Wrap è l'inserto in gomma, che impedisce il danno accidentale alla carta laminata delle bottiglie, consentendo al negozio di evitare sostituzioni e risparmiare migliaia di euro.

Il team di Hedonism Wines dichiara:
"Vendiamo bottiglie con etichette disegnate da Picasso e Chagal, pertanto è facile immaginare quanto siano importanti per noi l’estetica e l’appeal della merce. La soluzione impiegata doveva essere perfetta e per questo motivo abbiamo dedicato molto tempo, in collaborazione con Checkpoint, nella progettazione e nel test di diverse tipologie di gomma, fino a giungere alla soluzione ideale per bottiglie di vino, che a volte costano quanto una casa


Sono stati prodotti 50.000 collari personalizzati con il logo ed i colori di Hedonism. A sette mesi dalla consegna, il negozio non ha subito nessun furto.

Per Levin, President and Chief Sales Officer, Merchandise Availability Solutions di Checkpoint Systems, conferma:
"Lo scopo era creare una soluzione innovativa all'altezza della merce di qualità di Hedonism Wines. I Retailer hanno bisogno di soluzioni nuove per scoraggiare i furti e garantire che la merce sia disponibile per la libera esposizione, migliorando così l'esperienza d'acquisto dei clienti. Tutto ciò è ancora più importante per i punti vendita di beni di lusso, dove per la maggior parte della merce è necessaria una soluzione discreta ma efficace


Leggi per intero >

TRANI, LA CENA DEI COLORI
La primavera servita a tavola

pubblicato il 21/03/2014 18:31:36 nella sezione "Ristoranti"
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Venerdì 28 marzo, dalle ore 20:30, si terrà l’esclusivo appuntamento con “La cena dei colori” per gli amanti di enogastronomia presso il slow restaurant Le lampare al fortino di Trani per presentare le nuove etichette dell’azienda Bellavista. New Air On Wine, il claim che riassume il restyling di Bellavista Franciacorta, bollicine realizzate da quasi 40 anni ad Erbusco, è solo un claim, appunto, per definire il lavoro del creativo francese Thierry Consigny con Vittorio Moretti, lo storico fondatore dell'azienda vinicola e di sua figlia Francesca, ora alla guida dell'avventura di famiglia. Aria fresca per i vini, colore e materia per il packaging per un rinnovo sopratutto esteriore, che punta ad inebriare il cliente già alla prima occhiata. Così, volano origami-farfalla, nevicano candies e piccoli prismi di cristallo.

L’obiettivo? Cogliere l'essenza di un mestiere radicato nella terra, splendidamente vincolato alla natura, ma anche fortemente rappresentativo di un mondo legato al piacere del gusto, alla gioia della condivisione e, non da ultimo, al complesso insieme di valori simbolici espressi da un brindisi.

“New Air on Wine. Questa è la frase che abbiamo scelto per esprimere l’idea colorata che racconta i nostri Franciacorta. Un’Aria Nuova perché l’energia di Bellavista è un pensiero vitale che da sempre ci accompagna rendendo possibile il realizzarsi di tanti sogni. Francesca Moretti continua, ci siamo chiesti quale fosse la sostanza dei nostri sogni e ci siamo concordemente riconosciuti in una sola risposta: Bellavista è pura avanguardia, è uno stile anticonformista e intraprendente che oggi, come allora, ricerca l’essenza del proprio carattere nelle radici più profonde di una terra straordinaria con caratteristiche geologiche e climatiche uniche”.

La Cena dei colori, evento ideato da Antonio Del Curatolo de Le lampare al fortino, questa volta ospiterà l’azienda bresciana Bellavista con le uve Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Bianco amalgamate e servite in bottiglie silenziosamente particolari dando vita ad Alma Cuve’e Brut, al Brut 2008, al Satèn 2009, al Rosè 2009, al Pas Opere 2007 e al Vittorio Moretti 2006.

Durante la serata verranno degustate le varie annate dal 2006 al 2009 con la presenza del dott. Barbato del Gruppo Terra Moretti. A lui sarà affidato il compito di illustrare la filosofia da cui nascono questi vini e di raccontare le peculiarità del territorio che li rendono particolarmente suggestivi.

Nota particolare della serata da parte dello staff delle Lampare al fortino con a capo lo chef Giovanni Lorusso sarà quella di accompagnare le varie annate del Bellavista con un menu completamente di mare che esalterà i profumi e colori delle nuove bollicine.

Per info e prenotazioni: 0883 480308

[La natura si reinventa ogni giorno. La vita è un’invenzione permanente. È solo ascoltando il silenzio che noi possiamo intendere la terra, l’acqua, l’aria e la luce mentre creano la vita. È solo nel silenzio delle nostre vigne e delle nostre cantine che noi rinnoviamo l’ispirazione dei nostri vini, i vini di Bellavista.

New air on wine]
Leggi per intero >
Clicca sui numeri per scorrere le news
1 - 2 - 3
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Cielo e TerraAcquisisce il 50% del marchio Maia
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Nuovo Curatore per la Guida Oro VeronelliAndrea Alpi Responsabile Formazione
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca