The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   
ARCHIVIO




SICUREZZA ALIMENTARE
A Roma un Workshop sulla rilevazione di micotossine in alimenti bevande e mangimi
lazio (roma) roma

pubblicato il 25/02/2015 00:00:00 nella sezione "Fiere & eventi"
SICUREZZA ALIMENTAREA Roma un Workshop sulla rilevazione di micotossine in alimenti bevande e mangimi
Automation Srl, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, Creasys e altre aziende e istituzioni europee, ha sviluppato un dispositivo portatile in grado di rilevare, in modo rapido ed economico, l’Ocratossina A (OTA) e altre micotossine in alimenti e bevande. Il progetto è finanziato dall’Unione Europea nel contesto del 7° Programma Quadro. Nell’ambito del progetto si svolgerà il 20 MARZO a Roma il workshop “Metodi Innovativi per la rilevazione delle micotossine in alimenti, bevande e mangimi”. Il workshop, patrocinato dall’APRE (Agenzia Per la Ricerca Europea), è aperto alla partecipazione di associazioni di categoria, produttori, esperti del settore della sicurezza alimentare. Durante il workshop i promotori industriali del progetto presenteranno al pubblico i nuovi dispositivi per la rilevazione delle micotossine. Per APRE interverrà la Dott.ssa Borgna che illustrerà le attività di APRE a supporto della ricerca, dello sviluppo tecnologico e del trasferimento tecnologico. E’ prevista altresì la partecipazione del Prof. Visconti, Direttore dell’Unità Territoriale di Bari di ISPA-CNR (Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari), che interverrà sulla validazione di metodi rapidi per l'analisi di micotossine.

Le micotossine e i danni per la salute umana e animale

Le micotossine sono prodotte dal metabolismo secondario di alcune specie fungine appartenenti principalmente ai generi Aspergillus, Penicillium e Fusarium, sia a seguito di stress ambientali cui la pianta può essere sottoposta, (aridità, squilibrio nella presenza di sostanze nutrienti nel terreno, ecc.), sia a causa di fattori ambientali come condizioni climatiche, temperatura , umidità, attacco da insetti e volatili.

La contaminazione di diversi alimenti e bevande causata dalla crescente diffusione di micotossine rappresenta ormai un serio rischio per la salute, a causa della elevata tossicità di tali sostanze. Una prolungata ingestione di micotossine può infatti avere effetti nefrotossici, genotossici, immunosoppressivi e cancerogeni, sia sull’uomo che sugli animali. È dunque necessario mantenere una stretta sorveglianza sulla presenza di questa micotossina attraverso sistemi di analisi efficienti e affidabili. I metodi tradizionali di rilevamento tuttavia comportano in genere costi alti e dispendio di tempo, soprattutto per le piccole e medie imprese del settore alimentare. La possibilità di avere un sistema di rilevazione di micotossine a basso costo, che unisca rapidità e affidabilità, costituisce dunque una priorità per le PMI europee del settore alimentare, impegnate a produrre ad alti standard di qualità e sicurezza.

Dipartimento di Biologia Ambientale

I progetti OTASENS e DEMOTOX: ITALIA in prima fila.

Sulla base di questa necessità, nel 2009 è stato avviato il progetto europeo OTASENS capeggiato dall’italiana Automation Srl, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma e con altre 7 aziende e istituzioni europee. Il progetto OTASENS, chiusosi nel novembre 2011, ha portato allo sviluppo di un sistema in grado di rilevare e quantificare l’Ocratossina A (OTA) in vino, birra e mangimi, attraverso fotosensori integrati in una attrezzatura compatta e portatile.

Terminata la fase di progetto OTASENS, Automation Srl, in collaborazione con altri partner, ha dato avvio nel luglio 2013 alla seconda fase di lavoro con l’obiettivo di realizzare prototipi industriali, testarli e verificare la commercializzazione dei dispositivi.

L’azienda capo progetto Automation Srl e Lumisense (startup portoghese) hanno prodotto i prototipi dimostrativi, svolto test interni e dimostrazioni d’uso presso varie associazioni di categoria e produttori, in Italia e Portogallo. La società EWOS (società norvegese impegnata nel campo della acquacoltura, partner nel progetto), ha svolto a sua volta test strutturati presso i propri impianti. La società di marketing CREASYS (Italia) ha invece condotto gli studi di mercato. I due istituti di Ricerca e Sviluppo che hanno sviluppato i due prototipi OTASENS – ovvero l’Università Roma “La Sapienza” (Dipartimento EE e Dipartimento Plant Biology) e INESC MN (Portogallo) – hanno partecipato al progetto DEMOTOX per produrre alcuni dei componenti, trasferire la tecnologia sviluppata in OTASENS e in qualità di consulenti per lo sviluppo dei campioni dimostrativi e sull’analisi dei risultati.

I due prototipi sviluppati nel corso del progetto si basano su principi di funzionamento differenti. Il primo usa la tecnica della cromatografia su strato sottile, che permette la separazione di una miscela nei suoi vari elementi. Essa è una tecnica standard molto utilizzata nelle analisi biologiche. Il secondo si basa invece sul dosaggio immunologico, un test di laboratorio molto usato per esempio nei test di gravidanza a risultato immediato oppure nelle analisi cliniche come il test del PSA. La tecnica del dosaggio immunologico si basa sull’uso di anticorpi che riconoscono un antigene.

La messa a punto dei dispositivi commerciali è tuttora in corso, ma in fase avanzata.

Il workshop

Il Dipartimento di Biologia Ambientale dell’Università di Roma e Creasys, con il patrocinio dell’APRE

(Agenzia Per la Ricerca Europea), hanno organizzato per il prossimo 20 marzo, un workshop, dal titolo “Metodi Innovativi per la rilevazione delle micotossine in alimenti, bevande e mangimi”, come occasione per presentare il progetto e i due dispositivi in via di perfezionamento, nonché per fare il punto sulle problematiche della contaminazione da micotossine. I settori maggiormente interessati dal problema in Italia sono la filiera vitivinicola, il settore cerealicolo, quello mangimistico e la produzione di birra.

Il workshop è aperto alla partecipazione di associazioni di categoria, ai produttori, agli esperti di sicurezza alimentare.

Durante il workshop i promotori industriali del progetto presenteranno al pubblico i nuovi dispositivi per la rilevazione delle micotossine, attraverso video dimostrativi e interventi.

Dipartimento di Biologia Ambientale

Per APRE interverrà la Dott.ssa Borgna che illustrerà le attività di APRE a supporto della ricerca, dello sviluppo tecnologico e del trasferimento tecnologico.

E’ prevista altresì la partecipazione del Prof. Visconti, Direttore dell’ Unità Territoriale di Bari di ISPA-CNR (Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari), che interverrà sulla validazione di metodi rapidi per l'analisi di micotossine.

Il programma del Workshop, che si svolgerà presso l’Università La Sapienza – aula Marini Bettolo, è il seguente:

09.00 – 9.20 REGISTRAZIONE

09.20 – 09.30: Saluto (Prof. Fanelli, Direttore del Dipartimento di Biologia Ambientale)

09.30 – 09.50: Presentazione del consorzio Demotox (Prof. Fanelli / Dr. Taylor)

09.50 – 10.20: Presentazione del progetto Demotox - Intervento dei promotori industriali del progetto:

 F. Pavanello - AUTOMATION,

 A. Cascalheira - LUMISENSE

 S. Savoldelli – CREASYS

10.20 – 10.50: Intervento della dott.ssa Serena Borgna* di APRE - Agenzia per la promozione della ricerca europea* «APRE e i punti di contatto nazionale a supporto della ricerca, dello sviluppo tecnologico e del trasferimento tecnologico. »

(*) National Contact Point per il tema Horizon 2020 SC 2 - Bioeconomy in APRE

10.50 – 11.15: COFFEE BREAK

11.15 – 11.45: Intervento del Prof. Visconti** « Validazione di metodi rapidi per l'analisi di micotossine».

(**) Direttore di ISPA-CNR, Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari, Unità Territoriale di Bari

11.45 – 12.45: Video dimostrativi dei nuovi dispositivi Demo-Chem e Demo-Bio

12.45 – 13.15: Discussione (domande, interventi liberi).

A seguire: Pranzo a buffet
Leggi per intero >

PAESAGGI E CONTRASTI… VERSO EXPO 2015
Italia paese di Vigne
veneto (verona) fumane

pubblicato il 19/02/2015 16:05:22 nella sezione "News Wine"
PAESAGGI E CONTRASTI VERSO EXPO 2015Italia paese di Vigne
“Italia paese di vigne” è un inno alla tradizione e alla vocazione di un territorio nel quale il vino, scorrendo da nord a sud, con peculiarità e caratteristiche uniche, fa da ninfa vitale ad un paese ricco e rigoglioso, fino a rappresentare un Bene Culturale in grado di evocare luoghi e storie decisivi nell’orientare le scelte di critica e wine lovers di tutto il mondo.

Mercoledì 4 marzo l’incontro si soffermerà sul rapporto tra qualità enologica e paesaggio viticolo all’interno del percorso di “Paesaggi e contrasti”, il ciclo di appuntamenti pensati come tappe di avvicinamento ad EXPO 2015 organizzati da Allegrini e volto a sigillare il proprio legame con la terra, esaltare il ruolo fondamentale dell’opera dell’uomo nella salvaguardia dei patrimoni ambientali.

Il Prof. Luigi Moio –Università di Napoli-, ricercatore dell’anima del vino e Gianni Moriani – Università Ca’ Forcari di Venezia- da sempre lettore acuto del paesaggio, avranno il compito di accompagnarci in un viaggio tra le vigne d’Italia: unico, irripetibile paesaggio. È proprio il Paesaggio al centro del nostro pensiero, interpretato per ciò che ha saputo dire nel passato, per come ha retto le innovazioni più feconde, per come epicamente ha saputo difendersi dagli assalti, e che ci parla di qualità e biodiversità, svelando l’interazione con il lavoro dell’uomo secondo precise regole di tempo e spazio.

A far da cornice all’evento aperto al pubblico al quale è possibile partecipare su prenotazione, sarà Villa Della Torre Allegrini, palazzo rinascimentale opera di Giulio Romano circondato dal vigneto Palazzo della Torre, dal quale prende vita l’omonimo vino, riconosciuto a livello internazionale, vincitore per sei volte della Top 100 di Wine Spectator.

Continuando il percorso attraverso temi cari ad Allegrini, “Paesaggi e Contrasti” affronterà il tema de “Il Nutrimento come racconto dell’identità” fino a dare conclusione al ciclo, alle porte dell’inaugurazione dell’esposizione milanese, con una lectio magistralis di Philippe Daverio.

PROGRAMMA

Ore 18.00 Visita guidata di Villa Della Torre Allegrini a cura di Giancarlo Mastella

Ore 18.45 Incontro con:

* Luigi Moio, Università di Napoli

* Gianni Moriani, Master Cultura del Cibo, Università Cà Foscari di Venezia

Ore 20.15 Aperitivo con i Vini Allegrini nella Sala del Camino del Pesce (XVI Sec)

Ore 20.45 Cena solo su invito e prenotazione con Verticale di La Grola

La serata vivrà di un “Omaggio al Vino” grazie ad una esecuzione di brani musicali eseguiti da Musica Verona
Leggi per intero >

LA CENA DELLE PIETRE
La verticale dello storico vino San Leonardo
puglia (bari) trani

pubblicato il 19/02/2015 15:57:22 nella sezione "Fiere & eventi"
LA CENA DELLE PIETRELa verticale dello storico vino San Leonardo
Si rinnova venerdì 27 febbraio, dalle ore 20:30, l'esclusivo appuntamento con "La Cena delle Pietre" per gli amanti di enogastronomia presso il slow restaurant Le Lampare al Fortino di Trani, che nelle precedenti edizioni ha ospitato già prestigiose aziende. L'evento ideato dal patron Antonio Del Curatolo nasce dalla comunione tra le vigne che poggiano su depositi di terra e pietre e Trani, la città della pietra per antonomasia grazie anche al recupero della ex Chiesa di S. Antuono e il fortino ad essa inglobata, mosaico architettonico prezioso per le sue pietre di varia bellezza. Per la prima volta in Puglia e Basilicata, questo evento a Le Lampare al Fortino avrà come ospite la pluripremiata azienda trentina Tenuta San Leonardo dei marchesi Guerrieri Gonzaga, produttori di uno dei più grandi rossi italiani di taglio bordolese. La Tenuta, un vero e proprio monumento a Bordeaux tra le Dolomiti, poggia su particolari suoli originati dai materiali dei versanti di rocce calcaree, erosi dalle antiche alluvioni fluviali e gode di un microclima eccezionalmente temperato. Nelle cantine della Tenuta, dalla più moderna barricaia sino ad inoltrarsi nelle antiche cantine con volte risalenti al XV secolo, il vino viene lavorato secondo la nobile tradizione artigianale. Grazie a fermentazioni esclusivamente in tini di cemento, ad un invecchiamento in botti e botticelle di pregiato legno di rovere e ad un prolungato affinamento in bottiglia, il San Leonardo raggiunge infine la sua raffinata eleganza e qualità.

Durante la cena gourmet verranno degustate in verticale le annate 2008, 2007, 2004 e 2000 del San Leonardo, le famose grappe e anche lo champagne Bauget Jouette Rose' Brut con la presenza del marchese Carlo Guerrieri Gonzaga (titolare del brand e noto personaggio nel panorama mondiale), di Fulvio Rimini, brand manager delle cantine San Leonardo e di Vittorio Cavaliere presidente dell'associazione culturale Ricerca e Qualità. A loro è affidato il compito di illustrare la filosofia da cui nascono i vini protagonisti di un nuovo, vincente connubio con le nostre, storiche pietre e di raccontare le peculiarità del territorio che li rendono particolarmente pregiati. Il ristorante Le Lampare al Fortino riserverà in futuro nuovi ed importanti appuntamenti mirati alla valorizzazione del nostro territorio pugliese, al fine di renderlo fulcro centrale nel panorama del vino in Italia.
Leggi per intero >

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO
Una denominazione in salute che cresce
toscana (siena) montepulciano

pubblicato il 19/02/2015 15:53:46 nella sezione "Fiere & eventi"
VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOUna denominazione in salute che cresce
"L’export del Nobile tocca quota 80% con la Germania che torna a essere il mercato principale. Bene anche la crescita del Rosso Doc -+24%-, mentre è sempre più alto il valore patrimoniale dei vigneti a Montepulciano. Il presidente Andrea Natalini: «Una denominazione che gode di ottima salute»

Si è conclusa oggi, con l’assegnazione delle stelle all’ultima vendemmia, la ventunesima edizione dell’Anteprima del Vino Nobile. Con oltre 3 mila visitatori (tra pubblico e operatori) e centinaia di giornalisti e opinion leader da tutto il mondo, il bilancio di questa manifestazione, ormai il principale appuntamento promozionale organizzato dal Consorzio a Montepulciano, può dirsi più che positivo. «Con questi eventi dimostriamo che il nostro valore aggiunto è il sempre più stretto legame tra il mondo del Vino Nobile ed il suo territorio – ha detto il presidente del Consorzio del Vino Nobile, Andrea Natalini - e per noi produttori questa terra costituisce un patrimonio di immenso valore, un bene da preservare, mai da sfruttare e ci sentiamo quindi doverosamente impegnati in prima linea nella sua tutela e nella sua promozione».

Le stelle alla vendemmia 2014. Tre su cinque per l’ultima vendemmia. E’ il risultato del banco d’assaggio che una commissione tecnica ha effettuato sui campioni prelevati da botte relativi al raccolto 2014. «Per la verità dal punteggio delle schede il risultato sarebbe stato di 3,5 stelle – precisa Natalini – ma non avendo mezzi punti abbiamo deciso di assegnarne tre, in un’annata che in vigna, complice il clima che tutti abbiamo visto, non è stata sicuramente facile, ma che con sacrificio da parte dei produttori e un buon lavoro di cantina ci potrà comunque dare degli ottimi vini». La relazione tecnica dell’annata, realizzata dall’enologo Umberto Trombelli, ha messo in luce un periodo di forte instabilità climatica da giugno e fino a settembre inoltrato, compromettendo così i tempi della maturazione delle uve, specialmente il Sangiovese (Prugnolo Gentile).

Il mercato. Intanto il Vino Nobile guarda avanti. Chiusa l’Anteprima tutto è pronto per le missioni all’estero che vedranno tra pochi giorni il Consorzio protagonista di un tour statunitense, mercato che negli ultimi anni ha rappresentato un forte sbocco. L’export segna con il 2014 un +4% rispetto al 2013 toccando la storica quota dell’80 per cento di prodotto, mentre il restante 20% viene commercializzato in Italia. Per quanto riguarda il mercato nazionale le principali vendite sono registrate in Toscana per il 47%, dato al quale si aggiunge il 16 per cento delle vendite al Centro. Al Nord è stato venduto il 23% del totale, mentre ha registrato una lieve flessione rispetto allo scorso anno la percentuale della vendita diretta in azienda, 13%. Per quanto riguarda l’estero si assiste a una torta divisa a metà tra Europa e paesi extra Ue. La Germania con il 43 per cento della quota esportazioni resta il primo paese per le vendite del Nobile, e anche la Svizzera con oltre il 10 per cento rappresenta un importante sbocco. Gli Usa confermano l’ottimo andamento segnando nel 2014 il 10,8%, così come i mercati asiatici che anche nel 2014 hanno confermato la propria propensione all’apprezzamento del Nobile.

I numeri del Vino Nobile di Montepulciano
Il patrimonio “Nobile”. Cinquecento milioni di euro. E’ questa la cifra che quantifica il Vino Nobile di Montepulciano tra valori patrimoniali, fatturato e produzione. Nello specifico in oltre 200 milioni di euro è stimato il valore patrimoniale delle aziende agricole che producono Vino Nobile, 150 milioni circa il valore patrimoniale dei vigneti (in media un ettaro vitato costa sui 150 mila euro) e 65 milioni di euro è valore medio annuo della produzione vitivinicola. Una cifra importante per un territorio nel quale su 16.500 ettari di superficie comunale, 2.200 ettari sono vitati, ovvero il 16% circa del paesaggio comunale è caratterizzato dalla vite. A coltivare questi vigneti oltre 250 viticoltori (sono circa 90 gli imbottigliatori in tutto dei quali 75 associati al Consorzio dei produttori) che nel 2014 hanno prodotto circa 70 mila ettolitri di Vino Nobile e circa 23 mila destinati a divenire Rosso di Montepulciano. Oltre mille i dipendenti fissi impiegati dal settore vino a Montepulciano, ai quali se ne aggiungono altrettanti stagionali. Nel 2014 sono state immesse nel mercato circa 7,4 milioni di bottiglie di Vino Nobile (in linea con l’anno precedente) e oltre 3 milioni di Rosso di Montepulciano Doc, in questo caso facendo registrare un + 24% rispetto al 2013, un dato questo che dà ragione al Consorzio dei produttori che negli ultimi anni ha investito molto anche nella produzione di questo vino del territorio.

Leggi per intero >

L'OLIO GARDA DOP IN CINQUE INFOGRAFICHE
Sono state presentate a Olio Officina Food Festival dal Consorzio Olio Garda DOP

pubblicato il 04/02/2015 11:50:43 nella sezione "Non solo vino"
LOLIO GARDA DOP IN CINQUE INFOGRAFICHESono state presentate a Olio Officina Food Festival dal Consorzio Olio Garda DOP
Cinque infografiche per spiegare in modo nuovo l'Olio Garda DOP. Sono state presentate lo scorso 22 gennaio a Milano in occasione del DOP Garda Day durante l'Olio Officina Food Festival. Le informazioni riorganizzate sotto forma grafica, spiegano come abbinare correttamente l'olio del Garda, come viene prodotto, la sua storia e le sue caratteristiche, come leggere l'etichetta, i valori di produzione del consorzio.
Le infografiche sono molto comuni nel mondo del vino e, al contrario, ancora poco diffuse in quello dell'olio. “Cercavamo uno strumento di comunicazione – spiega Andrea Bertazzi, Presidente del Consorzio Olio Garda DOP – che potesse essere d'aiuto al consumatore nell'acquisto di un prodotto di qualità . Ci siamo ispirati al mondo del vino dove le infografiche sono molto utilizzate. Siamo così riusciti a raccogliere dati e numeri con metodo e rigore e, allo stesso tempo, sintetizzare in modo grafico i complessi meccanismi della nostra DOP”. Le infografiche, attraverso una sintassi di forme e numeri, parlano in particolare della realtà del Garda DOP ma affrontano anche temi importanti e validi per qualsiasi olio di qualità. Alcuni esempi: la lettura dell'etichetta di un olio DOP o le fasi di produzione di un olio, partendo dalla raccolta fino ad arrivare allo stoccaggio.
Le infografiche saranno divulgate dal Consorzio Olio Garda DOP attraverso i canali social, facebook e twitter, e utilizzate come materiale divulgativo a fiere e eventi.





Leggi per intero >

UN ROMANO A NEW YORK THE END
L’evento di Falesco ed Enoteca Ferrara per l’ultima puntata del concorso eno-cinematografico

pubblicato il 04/02/2015 11:43:49 nella sezione "News Wine"
UN ROMANO A NEW YORK THE ENDL’evento di Falesco ed Enoteca Ferrara per l’ultima puntata del concorso eno-cinematografico
Roma, 28 gennaio 2015 – Venerdì 6 febbraio 2015 si terrà da Enoteca Ferrara in Piazza Trilussa, 41 a Roma l’evento conclusivo di Un Romano a New York: il concorso di Falesco ed Enoteca Ferrara, svoltosi dal 1 maggio al 31 ottobre 2014, che ha messo in palio un viaggio per due persone nella Grande Mela.
L’evento si aprirà alle ore 19.00 con un calice di Spumante Brut Falesco e finger food italo-americani offerti agli invitati che confermeranno la propria adesione, e proseguirà alle 20.30 circa con la premiazione del vincitore del contest eno-cinematografico, e di coloro che si sono aggiudicati i quattro premi di consolazione.
Tante le sorprese e le attività previste durante l’aperitivo. Estrazioni di premi Falesco ogni mezz’ora, una zona interviste allestita da Ostia TV, che sarà presente tutta la serata per riprendere e trasmettere l’evento in diretta streaming sul portale OstiaTV.it, collegamenti oltreoceano Roma-New York, e la visione in anteprima di “Rosso Montiano”: il film nel film dedicato alla collezione di articoli in Cuoio Ubriaco.
La festa di chiusura di Un Romano a New York sarà, infatti, anche l’occasione per presentare l’esclusiva linea di articoli realizzati da Bottega Conticelli per Falesco con la pregiata pelle tinta nel Montiano, vino simbolo della Famiglia Cotarella.




Leggi per intero >
Clicca sui numeri per scorrere le news
1
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Cielo e TerraAcquisisce il 50% del marchio Maia
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Nuovo Curatore per la Guida Oro VeronelliAndrea Alpi Responsabile Formazione
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca