The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   
ARCHIVIO




FRANCESCA NEGRI OSPITE AL VINITALY PER DAG STYLE
In compagnia della cantina La Valentina

pubblicato il 24/03/2016 17:40:08 nella sezione "Fiere & eventi"
FRANCESCA NEGRI OSPITE AL VINITALY PER DAG STYLEIn compagnia della cantina La Valentina
quote:(|LA SCRITTRICE FRANCESCA NEGRI OSPITE AL VINITALY PER DAG STYLE IN COMPAGNIA DELLA CANTINA “LA VALENTINA” PER UN GUSTOSO RANDEVOUZ PIENO DI SORPRESE)
La famosa blogger del vino Francesca Negri ospite al Vinitaly nello stand DAG Style in compagnia della cantina LA VALENTINA per un appuntamento dedicato a veri wine lovers. L'autrice della guida 1001 vini da bere almeno una volta nella vita, in un viaggio al femminile fra etichette nazionali e internazionali, incontrerà i visitatori per parlare con loro di vino e glamour.

Brescia - Tacchi a spillo, penna in mano e calice nell'altra, con una passione travolgente per l'enogastronomia. L'inarrestabile Francesca Negri, giornalista, wine tutor per Detto Fatto su Rai 2 e blogger di successo della pagina Geisha Gourmet, sarà ospite l'11 aprile alle 14.00 nello stand L1 del rivenditore autorizzato DAG Style (GREEN COMPANY) in ENOLITECH, per guidare con brio i visitatori della fiera nell'universo dei fermentati dell'uva, presentando la sua ultima fatica: 1001 vini da bere almeno una volta nella vita pubblicata dalla casa editrice Newton compton. Una guida enologica completa che raggruppa in un vademecum ben 1001 etichette infallibili del panorama nazionale e internazionale.

Durante l'appuntamento, ideato con lo scopo di collegare due universi apparentemente distanti, -quello del vino e quello dei portamenu da sempre contenitori degli stessi- ma che in realtà hanno molto da condividere, l'autrice si metterà a disposizione dei visitatori per dispensare utili suggerimenti nella selezione di una carta dei vini perfetta a partire da una presentazione glamour, scegliendo i portamenu di design della linea DAG Style. Inoltre, in occasione dell'evento, sarà presentata una lista di sei incredibili vini biologici selezionati appositamente da Francesca Negri, associati ai prodotti DAG Style e alla propria filosofia ecosostenibile, con la possibilità di assaggiarne uno in particolare, quello della cantina ospite dello stand, LA VALENTINA. E' così che rossi e bianchi, sia fermi che spumanti, sono uniti a liste dal design unico, per proporre una presentazione che riesca a sconvolgere e coinvolgere ogni senso, dalla vista sino al gusto, in un viaggio attraverso l'anima dei sapori. Una vera e propria lista dei vini pronta all'uso, che DAG Style dedica ai propri clienti, con le migliori scelte da abbinare alle diverse portate dei pasti dal primo sino al dessert.

Il viaggio del gusto continua, e attraverso le pagine della guida, si potrà scoprire come questa può diventare un utilissimo mezzo anche per i professionisti, in quanto comprende un numero incredibilmente vasto di etichette capaci di soddisfare i palati più esigenti, con un approccio innovativo nel modo di viverle e raccontarle.

«Per dare un’informazione più completa possibile al mio lettore ho deciso di incrociare tutte le classifiche enologiche a disposizione, da quelle italiane a quelle internazionali di Wine Spectator, ma anche quelle di ogni singola nazione. -racconta Francesca Negri- Un lavoro di ricerca e traduzione immane, che però è stato basilare per riuscire a stilare una classifica verificata non solo secondo il mio palato, ma anche sulla base della critica internazionale e sui gusti dei wine lover di tutto il mondo».

Infine, immancabile per ogni evento che si rispetti, soprattutto nella fiera dedicata al nettare di Bacco, concluderà l'appuntamento il produttore della cantina LA VALENTINA, Sabatino Di Properzio, brindando insieme con il celebrato AHUA' Fiano delle Colline Pescarsi , una delle 1001 etichette presenti nella guida redatta da Francesca Negri e vino di punta della carta dei vini DAG Style. Un nettare pronto a tentare i visitatori dell'evento deliziandoli con un prodotto biologico dal gusto unico e sorprendente.

Dag Style è un’azienda attiva nel mercato dell’ospitalità dagli anni ottanta. I suoi porta menu e coordinati per la tavola hanno sempre seguito le mutevoli correnti di stile con particolare attenzione all'ecosostenibilità e alla moda, attraverso l'utilizzo di materiali di riciclo e dettagli di design. Questo l’ha portata oggi ad essere una delle aziende che ha più plasmato il settore della ristorazione, valorizzando il made in Italy nel mondo. La sua filosofia vincente è basata sull'ecosostenibilità e sull'idea di introdurre la moda nel mondo HO.RE.CA., esaltando il portamenu come simbolo di tendenza, ma anche di responsabilità.
Leggi per intero >

VINO NOBILE IN GERMANIA
Vola la DOCG toscana protagonista alla Prowein
toscana (siena) montepulciano

pubblicato il 15/03/2016 12:19:52 nella sezione "Fiere & eventi"
VINO NOBILE IN GERMANIAVola la DOCG toscana protagonista alla Prowein
Con il 46% la Germania rappresenta il primo paese di export del Nobile di Montepulciano. A Dusseldorf la prima uscita ufficiale del nuovo logo del Consorzio del Vino Nobile. Centinaia i contatti allo stand dove è stata presentata la denominazione al completo con le ultime annate

Tutti pazzi per il nuovo brand del Consorzio del Vino Nobile. Il restyling del grifo è piaciuto anche al mercato tedesco, ma non solo, che in questi giorni alla Prowein di Dusseldorf ha avuto il piacere in anteprima di vedere il nuovo logo campeggiare sullo stand consortile di una delle fiere di riferimento in Europa anche per il vino italiano. «Possiamo dirci più che soddisfatti di questa prima uscita fieristica dell’anno – ha commentato il presidente del Consorzio del Vino Nobile, Andrea Natalini – per un mercato, quello tedesco che già nel 2015 è tornato a crescere, ma che per l’anno in corso sta già dando degli ottimi risultati già a partire da questo primo trimestre».

A Dusseldorf il Consorzio è stato presente anche quest’anno con uno stand che ha raccolto alcune aziende in forma diretta e la denominazione al completo presso il banco d’assaggio preso letteralmente d’assalto da operatori principalmente del mercato Mitteleuropeo, ma non solo dal momento che la Prowein è storicamente una fiera aperta al trading internazionale. Tre giorni di grande lavoro con centinaia di contatti diretti pronti a scoprire le ultime annate in commercio da poco presentate all’Anteprima del Vino Nobile, il Nobile 2013 e la Riserva 2012.

L’esordio del nuovo logo. In attesa di sfoggiare nell’appuntamento italiano dell’anno, il Vinitaly di Verona, a Dusseldorf il Consorzio del Vino Nobile si è presentato con il nuovo brand, derivato dal lungo processo di “restyling”. Il nuovo “sigillo” che accompagnerà i prossimi anni l’immagine coordinata del Vino Nobile è ancora il simbolo di Montepulciano, il grifo, proposto sotto un altro aspetto, ovvero seduto sopra la città, Montepulciano, a salvaguardia di questa, ma con le ali spiegate, pronto a spiccare il volo, così come ha fatto negli ultimi anni il suo vino.

Il mercato. Proprio quello tedesco è il mercato dove il grifo, il Vino Nobile, è volato più in alto nel corso del 2015. La Germania infatti torna a crescere del 3 per cento con il 46% per cento del totale della quota esportazioni e resta il primo paese per le vendite del Nobile. Strepitosa performance anche per la Svizzera (+7%) che con il 17 per cento rappresenta un importante sbocco. Il dato più significativo arriva ancora una volta dagli Stati Uniti che segnano un + 10% nel 2015 arrivando a rappresentare il 20 per cento dell’export del Nobile. Successo anche per i mercati asiatici ed extra Ue con oltre il 7 per cento delle esportazioni.

In linea con gli ultimi anni dunque anche il 2015 si conferma anno dell’export con una quota destinata all’estero pari all’80 per cento di prodotto, mentre il restante 20% viene commercializzato in Italia. A proposito di mercato nazionale le principali vendite sono registrate in Toscana per il 47%, dato al quale si aggiunge il 19 per cento delle vendite al Centro. Al Nord è stato venduto il 16% del totale, mentre è cresciuta del 4% toccando quota 17 per cento, la vendita diretta in azienda.

Montepulciano (Si), 15 marzo 2016 C.s. 07
Leggi per intero >

TASTE
Cinquanta sfumature di gusto al Lungarno Bistrot
toscana (firenze) firenze

pubblicato il 09/03/2016 15:28:07 nella sezione "Fiere & eventi"
TASTECinquanta sfumature di gusto al Lungarno Bistrot
quote:(|Domenica 13 marzo dalle 19 in scena la degustazione di un ensemble di sapori
Come provare a sedurre il palato con riso, pasta, caffè, olio, aceto balsamico, prosciutto, acciughe, giardiniera e vino di alta qualità ascoltando buona musica)
Firenze, 8 marzo 2016

Una serata dedicata all’enogastronomia di qualità e alle eccellenze di diversi territori italiani, dalla Toscana alla Lombardia, all’Emilia Romagna alla Liguria. Dall’incontro tra differenti espressioni del made in Italy debuttano a Firenze una serie di connubi che giocano con i cinque sensi a voler quasi tentare di sedurre il palato. È l’evento “Cinquanta sfumature di gusto” organizzato in seno al “Fuori di Taste”, il calendario di appuntamenti in città legato alla kermesse che Pitti Immagine dedica al gusto (12-14 marzo 2016). L’appuntamento per gli appassionati gourmet è per domenica 13 marzo in uno dei locali simbolo del bon vivre fiorentino, il Lungarno Bistrot in piazza Scarlatti 1/r. E’ qui che dalle 19 andrà in scena – insieme all’accompagnamento musicale affidato a un dj – la degustazione di alcune “perle” dell’enogastronomia nazionale, una selezione del presente e del futuro del made in Italy: la pasta dei fiorentini The Geometry of Pasta, il riso lombardo 100% Carnaroli di Riso D’Uomo, il caffè artigianale dell’Antica Tosteria Modena, l’olio ligure dal packaging ricercato di Galateo & Friends, l’aceto balsamico di Nero Modena, le verdure della Giardiniera di Morgan, le acciughe di Filet&Fish, il vino della Tenuta di Artimino e i salumi – prosciutto San Daniele Dop e Speck – dell’azienda agricola Cinausero. Un ensemble di sapori per autentici appassionati, insomma. Un viaggio del gusto per andare davvero… fuori di Taste.



I protagonisti:



The Geometry of Pasta – Azienda di matrice toscana ma di respiro decisamente internazionale poiché beneficia dell’apporto creativo di un grosso studio londinese di design. Non a caso, la fondatrice dello studio Caz Hildebrand ha partecipato al libro di ricette “The Geometry of Pasta” con i motivi di un concept bianco/nero che mostra i contorni esatti, le dimensioni e le proporzioni di ogni formato di pasta, celebrandone la diversità.



Riso D’Uomo - Chiamato “il re dei risi“, il Carnaroli è il grande riso italiano per eccellenza, eletto dagli chef il più pregiato per gusto, proprietà nutrizionali e tenuta di cottura. Oggi la pianta originale viene miscelata con varietà geneticamente modificate, meno delicate da coltivare e più produttive: sul mercato italiano solo il 10% di riso in commercio è puro Carnaroli. Con un unico nome l’azienda ha voluto esprimere la zona d’origine del riso – una piccola area rurale a sud di Milano – e la dimensione artigianale dell’attività, col Dna Carnaroli certificato.



Galateo & Friends – Il progetto creato da Marco Bonaldo coniuga scenografia della tavola ed eccellenze gastronomiche all’insegna del raffinato gusto italiano. Qualità eccellente del cibo e eleganza sono la formula vincente, come recita lo slogan “il buono racchiuso nel bello “. Le confezioni di olio extravergine d’oliva ligure di qualità taggiasca sono una delizia per i gourmet come per gli appassionati di design



Nero Modena - L’azienda sorge nelle campagne modenesi, unico luogo eletto per la produzione di Aceto Balsamico di Modena, circondata da vigneti di Trebbiano e Lambrusco, come vuole il disciplinare di produzione. Nero Modena, che produce sia il prezioso Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP sia l’Aceto Balsamico di Modena IGP, può vantare la completa filiera produttiva.



La Giardiniera di Morgan - Nasce nel 2005 nel Ristorante “Cinque Sensi” a Malo per accompagnare un piatto del nuovo menù. Ne viene preparata anche una versione in vaso da portarsi via, di gran successo. Nel 2012 viene creato un laboratorio dove interpretare verdure selezionate di stagione e dove prendono vita le specialità in vetro di Morgan e la sua famiglia con lo stesso approccio gastronomico di nonna Regina, senza compromessi cercando la massima qualità.



Filet&Fish – Quest’acciuga arriva dal mare della penisola istriana, caratterizzato da clima umido e temperature moderate. Qui, tra le fredde correnti dei fiumi e quelle più temperate della costa, si pescano da sempre le migliori acciughe del mondo. L’acciuga di questa zona è un prodotto di qualità, che si distingue per dimensioni del filetto, dolcezza, carnosità e qualità del sapore, e che combina la lavorazione artigianale – a mano e senza fretta – con una centenaria tradizione marinara.



Azienda Agricola Cinausero – L’azienda è dedita all’allevamento e alla lavorazione del suino friulano, che si nutre di cereali nobili e siero di latte, cresce respirando il microclima ideale (tra le brezze dell’Adriatico e delle Alpi, l’umidità delle colline moreniche e la mitezza del fiume Tagliamento) con caratteristiche genetiche su misura per il prosciutto Dop San Daniele. Doti che conferiscono un sapore unico e una garanzia di qualità senza pari.



Antica Tosteria Modena - Nasce dall’idea di due amici di riproporre sul mercato del caffè, uno dei tre alimenti più consumati al mondo, un prodotto esclusivo ottenuto con il più antico sistema di lavorazione del caffè verde, la lenta tostatura a legna. Nella piccola azienda artigianale nel territorio modenese, l’attenta selezione e cura della materia prima legata a una tradizionale lavorazione danno vita a un caffè di altissima qualità che sprigiona profumi e sapori ormai persi.



Tenuta di Artimino – La fattoria della Tenuta, dominata dalla Villa medicea “La Ferdinanda” patrimonio mondiale dell’Umanità, produce vini bianchi, rosati, rossi e pregiati vinsanti che afferiscono alle Dogc del Chianti e del Carmignano, la più piccola d’Italia che quest’anno celebra il 300° anniversario dal bando di Cosimo III de’ Medici che istituì la denominazione.

Leggi per intero >

IL CORAGGIO ARTIGIANALE DEL VINO DI LIVE WINE
Un viaggio dentro le storie del vino
lombardia (milano) milano

pubblicato il 09/03/2016 15:22:16 nella sezione "Fiere & eventi"
IL CORAGGIO ARTIGIANALE DEL VINO DI LIVE WINEUn viaggio dentro le storie del vino
Chiara Caprettini

Avere visitato Live Wine è stato come compiere un viaggio dentro le storie: come se ci si facesse strada in mezzo a tralci e querce, accompagnati da mani sapienti consumate dalla terra e dalla fatica; come se quelle storie avessero la parola e lì, in mezzo a circa 200 espositori, tu stessi ad ascoltare ciò che il loro vino ha da raccontare.

Il salone del vino artigianale che si è appena svolto a Milano (5,6,7 marzo, in collaborazione con Vini di Vignaioli-Vins de Vignerons e AIS Lombardia) ci ha condotto in storie naturali e mutevoli, mutevoli come quel vino che versato ha un colore, ma poi basta un minuto e quel colore è già differente. Un vino sensibile, quello raccontato a Live Wine: perché il vino artigianale, privo di additivi non indicati in etichetta, con una quantità di solfiti minima, vendemmiato manualmente, seguito personalmente da chi lo produce e imbottiglia, profuma di profumi che cambiano di continuo, muta il colore, regala esperienze sensoriali molteplici e differenti con un solo assaggio. Un vino timido perché basta osservarlo perché lui cambi, ma anche un vino coraggioso, che non ha bisogno di spinte per emergere: a lui è sufficiente ciò che di meglio la natura ha da offrirgli. Unitamente alla sapienza dell’uomo che lo lavora. Timido, coraggioso e profondamente amato. E non che un vino tradizionale non lo sia, ma nella forza esplosiva contenuta in quell’uva vendemmiata di notte, o in quella fermentazione spontanea senza lieviti aggiunti. in quel vino né stabilizzato o filtrato che perpetua magari una tradizione secolare, si legge, osserva, assaggia e contempla un amore quasi filiale.

Il mistero si cela in quei vini sloveni che hanno un sentore di fossili, mare e conchiglie; in quelli greci generosi, delicati e sfrontati insieme che ti accompagnano a suonare il sirtaki insieme a loro; quelli siciliani profumati e abbronzati che hanno ricevuto il calore del sole forse migliore al mondo. E poi il Pecorino abruzzese che ricorda il bergamotto, i vini nobili francesi con un’etichetta così semplice che forse non ci sogneremmo mai di avvicinarli: ma poi te ne servono un goccio, di quell’Ugni Blanc in purezza, e in quel momento ti senti cavaliere ospitato da un padrone di casa generoso di patè, drappi e vino in quantità. Alsaziani ampi e persistenti, spagnoli decisi e toccanti, francesi, tedeschi, sardi, veneti, ungheresi, cechi, umbri. L’Italia e l’Europa unite per accompagnarci in questo concetto di artigianalità cosciente e maturo, poliedrico e affascinante, timido e sfrontato, coraggioso ed energico. Senza dimenticare che bere un buon bicchiere da Live Wine è significato anche accompagnarlo con taralli pugliesi alla canapa, salumi e formaggi, gelati e caffè. Per concludere con un peperoncino sott’olio da agricoltura biologica certificata che chiude il cerchio di questa storia incredibile. Tra vino artigianale e produttori alimentari artigianali, all’insegna della verità della terra e della qualità del prodotto, per soddisfare e sorprendere.
Leggi per intero >

ITALIAN WINE BRANDS
Riconoscimenti per Giordano Vini e Provinco Italia al Berliner Wein Trophy

pubblicato il 04/03/2016 21:14:04 nella sezione "News Wine"
ITALIAN WINE BRANDSRiconoscimenti per Giordano Vini e Provinco Italia al Berliner Wein Trophy
Provinco Italia premiata come MIGLIOR PRODUTTORE ITALIANO per il 5° anno consecutivo

Milano, il 4 marzo 2016 – Alle porte del Prowein a Dusseldorf e del Vinitaly a Verona, le due fiere del vino più importanti dell'anno, arrivano dalla Germania importanti riconoscimenti per Giordano Vini e Provinco Italia, aziende del gruppo Italian Wine Brands S.p.A..

Al Berliner Wein Trophy, il più importante concorso di vini internazionali della Germania, con 5785 vini partecipanti, degustati a porte chiuse da 185 giudici esperti internazionali, Giordano Vini e Provinco Italia hanno totalizzato complessivamente 21 medaglie d’oro e 6 d’argento. In aggiunta, Provinco Italia è stata premiata per il quinto anno consecutivo come Miglior Produttore Italiano.

A questi riconoscimenti, si aggiungono quelli di Mundus Vini, un altro concorso internazionale tedesco dove due vini di Giordano – il Rosato Primitivo Puglia IGT 2015 e il Nero d’Avola Terre Siciliane IGT 13 rinforzato - hanno conseguito la medaglia d’argento.

Alessandro Mutinelli, Amministratore Delegato di Giordano Vini e Provinco Italia dichiara: "Sono orgoglioso di questi risultati e ringrazio tutti i tecnici del gruppo IWB per il loro impegno costante, affinché i nostri clienti possano godere sempre della migliore qualità. Questi riconoscimenti internazionali ci agevolano nella promozione dei nostri prodotti sui mercati esteri, veri driver di crescita del vino italiano. Il premio come Miglior Produttore Italiano, ricevuto da Provinco per il quinto anno consecutivo, dimostra solidità di competenze tecniche e cultura per l’eccellenza."

***

Italian Wine Brands (IWB), presieduto da Mario Resca, è il primo gruppo vinicolo ad approdare in Borsa Italiana ed è un operatore di riferimento nella produzione e distribuzione di vini. L’attività del Gruppo IWB è articolata in due differenti linee di business:

Segmento Giordano Vini che comprende le attività relative alla produzione e distribuzione di vini e, in misura minore, alla commercializzazione di altri prodotti alimentari, principalmente attraverso il canale della vendita a distanza direttamente ai clienti finali e in misura residuale attraverso il canale export, gestito dalla società controllata Giordano Vini S.p.A.;

Segmento Provinco Italia che comprende le attività relative alla produzione e distribuzione di vini sui mercati internazionali per la grande distribuzione organizzata internazionale, gestito dalla società controllata Provinco Italia S.p.A..
Leggi per intero >

CANTINA LE MANZANE PRESENTA SPRINGO BLUE
Il prosecco dell'estate

pubblicato il 03/03/2016 12:35:28 nella sezione "Fiere & eventi"
CANTINA LE MANZANE PRESENTA SPRINGO BLUEIl prosecco dellestate
San Pietro di Feletto, 29 febbraio 2016- Alla cantina Le Manzane la voglia d’estate è già nell’aria. Nasce Springo Blue, la versione brut di Springo Conegliano Prosecco Superiore Rive di Manzana Docg Dry: stessa qualità, ma con un residuo zuccherino ridotto. Springo Blue Conegliano Prosecco Superiore Rive di Formeniga Docg Brut è un vino che inebria i sensi e seduce con la sua freschezza. Ernesto, Silvana e Marco presenteranno in anteprima la novità al Prowein, dal 13 al 15 marzo, e al Vinitaly, dal 10 al 13 aprile. Springo, la linea più prestigiosa dell’azienda di San Pietro di Feletto, si arricchisce così di un nuovo spumante, prodotto in edizione limitata. Le 8 mila bottiglie, accuratamente numerate, saranno vendute su prenotazione. Il brut sarà disponibile dalla prima decade di aprile nel settore Ho.re.ca..

Con un residuo zuccherino attorno ai 5 g/l, Springo Blue è un prosecco “messo a nudo” ed è l’espressione più autentica del territorio della Docg. Le preziose bollicine sono state, infatti, ricavate da selezionate uve provenienti dalla Riva di Formeniga nel comune di Vittorio Veneto, una delle 43 “Rive” elette ed autorizzate in tutta la zona a denominazione garantita. Le viti, esposte a sud, crescono sulle colline più impervie. La produzione è ridotta a 130 quintali per ettaro e la vendemmia viene fatta rigorosamente a mano. Il carattere è lo stesso del suo predecessore: esuberante e carismatico. Springo, infatti, in dialetto veneto significa vivace, brioso. L’ultimo nato in casa Le Manzane si presenta con un colore paglierino platino. Al bouquet è piacevolmente fruttato con sentori di mela, mughetto, glicine e note vegetali di salvia e timo, cedro, arancia e cenni minerali di pomice. In bocca il perlage sottile si scioglie lasciando una sensazione cremosa e avvolgente. Il risultato è uno spumante elegante che stuzzica i sensi e regala emozioni. Dal gusto fresco, sapido ed armonico, è il vino ideale da sorseggiare davanti ad un tramonto sul mare in una notte d’estate.

Al Prowein e al Vinitaly la famiglia Balbinot cala, così, la coppia d’assi presentando il brut e riproponendo, dopo il successo dell’anno scorso, il dry e anticipa che sta lavorando alla creazione di altri due vini che andranno a completare la linea Springo.

La cantina Le Manzane si trova a San Pietro di Feletto (Tv), a metà strada tra le Dolomiti e Venezia, nel cuore delle terre del Prosecco Superiore. L’azienda, a conduzione familiare, fortemente radicata nel territorio trevigiano come produttrice da più di 30 anni, distribuisce ogni anno circa 900 mila bottiglie sia in Italia che all’estero raggiungendo 29 Paesi, tra i quali il Giappone e il Brasile. L’export rappresenta attualmente il 65% del fatturato aziendale.

Al Prowein la cantina sarà presente al Padiglione 16 – Stand H12 mentre al Vinitaly al Padiglione 4 – Stand F7.

Informazioni: LE MANZANE – SAN PIETRO DI FELETTO (TV) +39 0438 486606 – info@lemanzane.it – www.lemanzane.com
Leggi per intero >

TERRE DI TOSCANA
Oltre 3000 presenze alla nona edizione
toscana (lucca) camaiore

pubblicato il 03/03/2016 12:31:45 nella sezione "Fiere & eventi"
TERRE DI TOSCANAOltre 3000 presenze alla nona edizione
Si è conclusa ieri la nona edizione di Terre di Toscana, che ha registrato un numero di visitatori da record! Sono state, infatti, oltre 3000 le persone che nelle giornate di domenica 28 e lunedì 29 febbraio hanno varcato la soglia dell'Una Hotel di Lido di Camaiore per assaggiare 600 vini proposti da ben 130 vignaioli toscani.
Sono stati 1000 gli operatori (compresi buyers tedeschi, svizzeri, australiani, brasiliani e canadesi) andati alla ricerca di etichette da inserire, o confermare, nei loro portafogli e carte dei vini, e oltre 80 i giornalisti che hanno preso parte all'evento.
Tutto esaurito anche per Golosizia, appuntamento dedicato ai grandi chef della regione che si sono esibiti in intriganti cooking show alla presenza di un'attenta e curiosa platea.

Con quest'esplosiva nona edizione Terre di Toscana si conferma definitivamente quale evento cult del mondo del vino, una rassegna in continua crescita qualitativa e mediatica.

Terre di Toscana è un evento ideato e organizzato, con immutato entusiasmo da ormai nove anni, dalla squadra di Acquabuona.it, testata on-line che dal 1999 racconta l'enogastronomia e l'agroalimentare del nostro Bel Paese.
Terre di Toscana ringrazia e dà l'appuntamento per il 2017 con una nuova edizione tutta da gustare!
Leggi per intero >

UN ASSAGGIO DI TOSCANA A MILANO:
La degustazione dei vini di Colline di Sopra all'enoteca Ombre Rosse
lombardia (milano) milano

pubblicato il 01/03/2016 11:42:21 nella sezione "Fiere & eventi"
UN ASSAGGIO DI TOSCANA A MILANO:La degustazione dei vini di Colline di Sopra allenoteca Ombre Rosse
Carlotta Selli

Seduti ad un tavolo, osservando da una vetrina la gelida Milano invernale, si fatica ad immaginare la pace e la meraviglia di una cantina immersa nel verde dei colli intorno a Montescudaio. Se, però, a raccontarle è una produttrice sensibile come Luisa Silvestrini e il tavolo e quello della storica enoteca Ombre Rosse, quasi ci si sente catapultati nei vigneti della verdeggiante Toscana.

Immaginate quindi un’azienda giovane e dinamica, che non rinuncia alle tradizioni del territorio ma che sa anche inventare ed inventarsi ogni giorno; una cantina che ha fatto della tutela dello splendido territorio a cui appartiene una bandiera imprescindibile, rendendo il rispetto per l’ambiente parte fondante della propria identità; una produttrice che coniuga consapevolezza e sentimento, lasciando trasparire non solo la cura meticolosa ma anche l’amore che ogni giorno dedica ai propri vini. Tutto questo e molto altro fa dell’azienda Colline di Sopra una piacevole scoperta per chi non la conosce e una salda certezza per chi ci si affeziona.

I vini attualmente prodotti dall’azienda sono sei ed abbracciano in più maniere, anche inconsuete, il variegato panorama enologico offerto dalla DOC Montescudaio.

Senza dubbio è stata una sorpresa iniziare la degustazione con Tredici, un profumato ma elegante moscato vinificato secco. D’altronde questo vino si origina di per sé in una sensazione di stupore generale: come dai racconti di Luisa, infatti, è stato ottenuto in maniera inaspettata, quando, nel 2013, si dovette decidere di vinificare in secco le uve solitamente dedicate all’appassimento, complice il clima poco favorevole. Da questo esperimento nacque un vino ricco di profumi, non solo fruttati e floreali, ma anche con note erbacee complesse e piacevolissime. Ciò che è più piacevole nel degustarlo è la corrispondenza perfetta tra i profumi e le sensazioni al palato: un equilibrio che non tradisce le aspettative. Coinvolgente, dissetante e mai stucchevole, Tredici è senza dubbio un buon esempio di come un vitigno aromatico possa essere vinificato in secco mantenendo le caratteristiche affascinanti del Moscato in un vino piacevolissimo da consumare come aperitivo o a tavola.

La spina dorsale della produzione di Colline di Sopra, tuttavia, sono i rossi, a partire da Eola. Vino dal colore intenso, complici i vitigni di base (Cabernet Sauvignon, Merlot, Sangiovese e Syrah), si distingue per l’avvolgenza dei profumi coniugata ad una struttura non prorompente, che fanno di questo vino un compagno ideale per l’intero pasto, che esalta le portate senza sovrastarle. Anche in questo caso le sorprese in cantina non sono mancate: in un’annata non facile come il 2014, Colline di Sopra ha deciso di rinunciare alla produzione degli altri rossi e fare di Eola l’unico rappresentante color rubino per l’annata. Leggermente diverso dagli altri anni, si è presentato in una veste nuova: la struttura solitamente piuttosto robusta si è assottigliata, pur mantenendo un bouquet di profumi intenso e variegato. Si è rivelato un vino piacevolissimo che rispecchia perfettamente il suo nome, rivelandosi delicato ma deciso come il vento.

Un passo in avanti nell’esperienza di degustazione è rappresentato da Larà: blend di Merlot e Syrah, fa della struttura e della complessità i suoi punti di forza. È un vino deciso, che grazie a tonalità differenti di profumi e fragranze si pone in maniera quasi tridimensionale, per un’esperienza degustativa quanto mai interessante, tra note fruttate e floreali e stuzzicanti sentori di spezie. È un compagno intrigante, che necessita di un piatto strutturato in abbinamento e non teme di esserne sovrastato. Nell’ampia produzione di rossi di Colline di Sopra probabilmente rappresenta un perfetto congiungimento dell’anima aerea di Eola e della struttura imponente di quello che rappresenta l’ultimo step nella scala dei rossi: Ramanto.

È proprio Ramanto ad essere il cambio di marcia: i sentori fragranti dei vini precedenti fanno spazio ad una struttura importante, figlia di un blend di Cabernet Franc e Petit Verdot con passaggio in legno e

malolattica.; il bouquet complesso si affida a sentori più speziati e vanigliati rispetto ai precedenti. È un vino corposo, rotondo, morbido: il corpo possente si articola al palato in una successione di sensazioni che portano a un finale lungo e piacevole.

Dopo questa esperienza degustativa che indubbiamente soddisfa il palato in molte maniere differenti, la degna conclusione è rappresentata da Luìs, Moscato Bianco passito che rende omaggio alle origini piemontesi di Luisa. È un vino non solo profumato, ma che bilancia l’aromaticità del vitigno con una freschezza piacevole ed equilibrata: adatto ad essere consumato accompagnato da piccola pasticceria ma anche come vino da meditazione, non conosce stucchevolezza e il primo bicchiere chiama a gran voce il secondo.

La complessità di questo percorso è stata resa ancor più interessante dai racconti di Luisa, che fa trasparire dai gesti e dalle parole l’amore per la professione che svolge in ogni suo aspetto, dalla vigna alla degustazione, senza lasciare nulla al caso. Amore per la natura e piacere della scoperta: lasciatevi stuzzicare e trasportare dai vini di Colline di Sopra, in un viaggio variegato e ricco di sfumature.
Leggi per intero >
Clicca sui numeri per scorrere le news
1
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
MARGHERITA PELLEGRINI CANTINIERE DELLANNOConsorzio Vino Nobile di Montepulciano
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Nuovo Curatore per la Guida Oro VeronelliAndrea Alpi Responsabile Formazione
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca