The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
NEWS WINE
Condividi nei social network   

L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI VALTENESI
Report Convegno Italia in Rosa 2014


lombardia (brescia) puegnago sul garda
pubblicato il 10/06/2014 10:55:39 nella sezione "News Wine"


LIMPORTANZA DI CHIAMARSI VALTENESIReport Convegno Italia in Rosa 2014
L’identità della Valtènesi va sempre più affermandosi sulla base di parametri identificativi che devono diventare il nuovo linguaggio per comunicare il territorio ed il suo vino. E’ il messaggio emerso dal convegno “L’importanza di chiamarsi Valtènesi”, che ha tenuto banco a Moniga del Garda in occasione della VII Edizione di Italia in Rosa, chiusa all’insegna di uno straordinario successo di pubblico nella serata di domenica 8.

Obbiettivo dell’incontro era proprio quello di raccontare la storicità della Valtènesi, nonché l’identità di un territorio nel quale la produzione vitivinicola ha sempre avuto un ruolo fondamentale non solo dal punto di vista economico ma anche da quello sociale e culturale.

“Questo convegno ha per noi un valore fondativo estremamente importante – ha spiegato Alessandro Luzzago, presidente del Consorzio Valtènesi, nel suo intervento introduttivo -. Abbiamo cominciato a chiamare i nostri vini con il nome del territorio solo da tre vendemmie, eppure l’attenzione che stiamo riscontrando ci fa pensare che si siano create le basi perché la Valtènesi abbia una grande chance, che deve avere come presupposto fondamentale la sinergia con gli amministratori. Anche noi produttori dobbiamo però fare la nostra parte, trovando una nuova compattezza sotto un nome che rappresenta non solo il nostro prodotto, ma anche la nostra storia”.

Conferme in questo senso sono arrivate dalla professoressa Carla Boroni, docente di lettaratura moderna dell’Università Cattolica di Brescia, che ha ricordato le origini tra storia e leggenda del toponimo sottolineando come il nome Valtènesi appaia per la prima volta in documenti ufficiali nel 1145, e poco dopo nel 1221 e 1382

“Il territorio ha una lunga storia ma è rinato a vita nuova nel X Secolo, con l’emergere dei Comuni che rivendicano sempre maggiore autonomia – ha spiegato la professoressa Boroni -. La struttura è da subito fortemente collegata, e questo viene riconosciuto nel 1426 quando la Valtènesi diventa una delle sei Quadre sotto il dominio veneto. Questo è un territorio che si è mosso sempre in grande autonomia, nel quale si ha notizia della presenza dell’uva fin dall’età del Bronzo. E proprio il vino, da sempre sovrano nella zona, ha consentito la ripresa dell’economia dopo i disastri della Seconda Guerra Mondiale grazie a manifestazioni come la Fiera della Valtènesi a Polpenazze. Ed oggi il Chiaretto di Pompeo Molmenti, assaggiato anche da Giosue Carducci, è diventato il più importante ambasciatore di questa terra”.

La scelta così recente del Consorzio Valtènesi di collegare il nome del territorio al vino si inserisce in una consuetudine che ha radici in tempi lontani, in quanto già nell’antichità era consolidato il concetto di vino come espressione del territorio. Ne ha parlato Lorenzo Colombo, esperto degustatore, il cui excursus storico è partito addirittura da Omero che già citava il “vino d’Ismaro” spigendosi anche a tracciarne una descrizione organolettica.

“Fin dalla nascita delle AOC francesi è apparso evidente che il vitigno ha avuto un ruolo secondario rispetto al territorio nell’identificazione di un vino – ha spiegato Colombo -. Valtènesi sotto questo punto di vista dovrà arrivare a contenere il suo vitigno autoctono (Groppello) come già in provincia di Brescia accade in Franciacorta e Lugana. Anche se all’interno del territorio ci sono condizioni climtiche e di suolo diverse: ma questo può essere un punto di forza perché identificarsi sotto un unico nome non significa forzatamente produrre vini fotocopia. La forza deve essere il concetto di non imitabilità, l’impossibilità di riprodurre altrove un determinato patrimonio di profumi e di sapori. Soprattutto poi una Doc deve trasferire il territorio nel bicchiere. I punti di debolezza del Valtènesi? La sovrapposizione con troppe denominazioni. Il modello per il Valtènesi dovrebbe essere il vicino Lugana: un nome, un territorio, un vino di grande successo, ma anche un fenomeno che, pur con tutte le differenze, potrebbe essere replicato anche qui”.

Questo può essere senza dubbio una sorta di mandato per il futuro, che come prima tappa riserva l’appuntamento di Expo 2015, particolarmente strategico per un’area a forte vocazione turistica come la Valtènesi. Di questo ha parlato Isidoro Bertini, sindaco di Manerba e presidente della commissione studio Expo della Provincia di Brescia, che ha delineato una sintesi dei progetti presentati dal sistema Garda in vista dell’esposizione internazionale.

“Il punto centrale di coordinamento è costituito dalla Camera di Commercio per tutte le iniziaitive del territorio, acquistando sei giornate, una al mese, in cui verrà presentata Brescia, la provincia e le sue produzioni – ha spiegato -. La Provincia di Brescia ha strutturato una propria commissione per raccogliere tutte le richieste: oltre 80 le associazioni ascoltate che hanno presentato altrettanti progetti. La provincia è stata suddivista in sette zone e ogni zona è stata caratterizzata da un macroprogetto basato su due fili conduttori, l’acqua ed il prodotto agroalimentare. Il progetto Garda nasce dall’idea di un'unica proposta enogastronomica che si identifica attraverso i due vini simbolo della zona, il Lugana ed il Chiaretto. Ci sarà una proposta agli ospiti di Expo per una manifestazione che coinvolgerà tutto il territorio nelle serate di giovedì, inserita in un più ampio contenitore culturale nell’ambito del quale il Garda non ha nulla da inventare ma solo da valorizzare ciò che già esiste”.

Di certo c’è che l’ottava edizione di Italia in Rosa, il prossimo anno, rappresenterà l’evento di partenza delle manifestazioni del lago per Expo 2015,

per un circuito che poi legherà tutti gli eventi del bacino. Quindi una tappa fondamentale, come ricordato dal presidente della manifestazione Luigi Alberti.

“Le testimonianze e le conferme che abbiamo anche all’estero, dove Italia in Rosa viene ormai considerata come una delle più importanti manifestazioni dell’area benacense al livello della conosciutissima Centomiglia velica, ci spronano a continuare con il lavoro compiuto in questi anni – ha spiegato Alberti -. Siamo già al lavoro perché la prossima edizione possa rinnovare il profilo della manifestazione rilanciandone i presupposti vincenti sotto il profilo promozionale”.

Da Bertini anche un avvertimento sulle insidie che potrebbero in qualche modo portare a spinte contrarie rispetto alle tendenze aggregative attuali in Valtènesi, cosa che potrebbe risultare quantomeno dannosa per un territorio che, con 1,5 milioni di presenze, rappresenta il 30% del mercato turistico della sponda bresciana del Garda.

“Vanno contenute certe spinte disgregative che potrebbero far risorgere antichi e dannosi campanilismi – ha detto-. Abbiamo tra le mani un’unicità straordinaria che dobbiamo difendere fino in fondo attraverso un’unità d’intenti che deve partire dal basso”.

Particolarmente significativo, in chiusura, il messaggio inviato al pubblico del convegno dal Ministro per le politiche agricole Maurizio Martina, che avrebbe dovuto essere fra i relatori del convegno ma non ha potuto partecipare a causa di sopraggiunti impegni istituzionali.

“Vi ringrazio per il gradito invito al convegno di ‘Italia in rosa’, ‘L’importanza di chiamarsi Valtènesi’, ma purtroppo non potrò essere presente per impegni sopraggiunti – ha scritto il Ministro-. Mi dispiace molto di non essere lì con voi, ma vorrei comunque esprimerVi il mio più sincero apprezzamento per questa importante iniziativa che ha il merito di dare risalto in modo così significativo a un territorio e a una storia unici. Le attività del Consorzio per la tutela e la valorizzazione di queste pregiate produzioni vitivinicole e la promozione dell’identità della Doc Valtènesi sono fondamentali per il tessuto sociale, economico e culturale non solo di quest’area ma di tutto il Paese, che trova in questi vini un’ulteriore conferma della qualità, della peculiarità e della varietà del nostro patrimonio enologico. Una manifestazione come ‘Italia in rosa’, che costituisce ormai un punto di riferimento a livello nazionale per il mondo dei rosè, ha un ruolo davvero rilevante e sono convinto che il suo successo sia stato ottenuto proprio grazie allo straordinario impegno di tutti quelli che lavorano a questo progetto”.
Puegnago sul Garda (Brescia)
Website:www.consorziovaltenesi.it
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
FORUM BANCA MPS SUL VINO ITALIANO: EXPORT ANCORA LEVA DECISIVA PER L’ITALIA ENOICA
Ocm vino pubblicata su sito Mipaaf la graduatoria dei progetti per la promozione sui mercati dei Paesi terzi
Uma Thurman Sarà il Volto Campari 2014
Provenienza certa vini a denominazione e vantaggio competitivo
Alma e Miur insieme per la formazione
Portabottiglie in cartone ESIGO 8
In aumento lesportazione del vino italiano
Un Prosecco sorprendente nei Colli Berici: lazienda La Pria
Lorella Ansaloni: Nuova Responsabile di Donna Impresa
Pam Dona 57.000 Pasti ai Bambini del Sahel
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
MARGHERITA PELLEGRINI CANTINIERE DELLANNOConsorzio Vino Nobile di Montepulciano
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
FOOD AND WINE IN PROGRESSAlla Stazione Leopolda la Terza Edizione
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca