The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Rovereta 42, 47891 Falciano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
LE CANTINE
Condividi nei social network   

Montalcino in verticale/5: Salvioni – La Cerbaiola


pubblicato il 04/10/2012 07:00:02 nella sezione "Le cantine"


Montalcino in verticale/5: Salvioni  La Cerbaiola
di Claudio Corrieri

Per una volta proviamo a partire con l’estrema sintesi:
Produttore: Giulio Salvioni – La Cerbaiola
Zona di produzione: quadrante nord orientale della denominazione, su terreni di matrice galestrosa esposti a sud sud est in appezzamento unico, 400 metri slm.

Ettari vitati: quattro
Vinificazione ed affinamento: in acciaio con uso esclusivo di lieviti indigeni. Botti da 20 Hl in rovere di Slavonia

Bottiglie prodotte: troppo poche! 9.000 di Brunello e -quando si declassa- 3.500 di Rosso di Montalcino (peraltro squisitissimo)

Giulio Salvioni è di Montalcino. Fai presto ad accorgertene. Montalcino ce l’ha nel sangue e nelle parole. Giulio Salvioni è proprio simpatico, espressivo e irrefrenabile come i suoi vini. Non si nasconde certo dietro alchimie grammaticali, timidezze di maniera o finissime iperboli, ma come un fiume in piena ti racconta del Consorzio di Montalcino, del vicino di casa, dell’amministrazione comunale e dei suoi politici, di donne, mogli e figli, del suo incredibile amore per l’isola d’Elba (lì dove ormai conosce tutti: dai marittimi che lo salutano all’imbarco quasi fosse un residente storico, ai ristoratori che se lo combattono per passare con lui una serata al fresco dei pergolati nelle sere d’estate) e della recente gestione di un parcheggio a Capoliveri. Il tutto con consumato piglio attoriale, intervallato da punteggiature ironiche (e autoironiche) ed esplicativi “commenti” gestuali e facciali. Che personaggio!

Ma la nostra breve e piacevole visita presso la sua minuscola cantina di invecchiamento nel centro di Montalcino (una cantina da garagiste, direbbero i francesi) ci offre anche spunti di riflessione sul potenziale del sangiovese grosso. Potenziale legato alla zona di provenienza, senza alcun dubbio, ma anche alla sensibilità interpretativa del produttore. In altri termini, non tutti i terroir hanno il medesimo “coefficiente” di qualità, e la bravura del vignaiolo sta nell’interpretare al meglio annata e caratteristiche della zona al di là del rigido protocollo di un disciplinare. Non vogliamo con questo indicare la via per un nuovo disciplinare, ma abbiamo notato, nei nostri ripetuti assaggi ilcinesi, che non tutte le aree sono così intensamente vocate a Brunello, e spesso il lungo affinamento prima della messa in bottiglia, specie nei Riserva, non sempre apporta miglioramenti in termini di scorrevolezza e tonicità. Chissamai se una maggiore elasticità riguardo agli obblighi legati ai tempi minimi di affinamento in botte e un contemporaneo irrigidimento dei tempi minimi di imbottigliamento prima della commercializzazione (4/6 mesi prima della commercializzazione sono davvero pochi per un vino che intende uscire dopo 5 anni dalla vendemmia!), potrebbero ingenerare più qualità diffusa!? Certo è che alcuni territori, magari i più radicati, magari i più esplorati, dove ormai i produttori ne hanno messo a fuoco il potenziale veicolandolo grazie all’estrema capacità nella gestione delle fermentazioni e a un utilizzo ben ponderato del rovere, restano e resteranno per sempre identificativi del carattere “Montalcino”. Alla Cerbaiola ci sembra di poterne intravvedere uno. Detto questo, quando si ha a che fare con i vini di Giulio e Mirella Salvioni si comprende perché il sangiovese grosso a Montalcino abbia acquistato tanta credibilità! Il rispetto e l’amore per la vigna di questa famiglia, arricchitasi dell’apporto dei figli Alessia (il piglio deciso e fattivo della madre, il carattere estroverso del padre) e David (alla gestione agronomica), sono proverbiali, e noi non possiamo non confermare Salvioni come uno dei più accreditati ambasciatori del Brunello contemporaneo.

Il tratto distintivo dei vini dimora nella parte aromatica, dettagliata e matura, con precursori tipici come l’alloro, la terra (che diventa terra bagnata con la maturità), il sottobosco, la menta e la viola, mentre al gusto colpiscono l’energia e la progressione, il ritmo e l’intensità, e quei tannini profondi e cesellati, come incastonati nel lungo e preciso finale. La potenza espressiva di quei vini, che ha trovato nuove modulazioni dopo il parziale rinnovo del parco vigneti, col tempo va reindirizzandosi nel verso di una sintesi espressiva più equilibrata e meno irruenta, ciò che anche gli assaggi dalle botti hanno testimoniato, prodighi come sono stati di lirici accenti e vellutate trame tanniche.

Brunello di Montalcino 2010 (campione di botte) – Un potenziale bel conseguimento: colore integro e rubino; leggere riduzioni al naso, da cui emergono note di viola, rosa ma anche frutti rossi quali ribes e fragola. Tannino setoso, tattilità eccezionale, scorrevolezza straordinaria. Finale dove l’aspetto sapido–grafitoso si allea alla acidità per spingersi ancora oltre. Da attendere con fiducia.

Brunello di Montalcino 2009 (campione da botte) – Colore di minor integrità rispetto al campione precedente, da che si concede alcune sfrangiature più evolute. Naso non molto espressivo in questa fase ma presente con note di ghianda, sottobosco, terra e accenni floreali. In bocca non troppo teso, quasi scarnificato senza però essere molle. Acidità che prevale sulla polpa e finale non troppo contrastato ma di piacevole intensità.

Brunello di Montalcino 2008 (campione da botte)- Colore rubino chiaro, naso impreciso ma che si libera con l’aria. Toni “scuri”, appena evoluti nonostante la giovane età: china, corteccia, legno di rosa ma anche petali di rosa. Bocca fresca e acidità che rincalza la polpa, di media struttura ma di buona integrità. Tattilità discreta e tannini che sul finale si irrigidiscono. Ci sono e si fanno sentire!

Brunello di Montalcino 2007 (in bottiglia da Settembre ‘11) – Colore rubino ”rubicondo”. Sensazioni di calore al naso, dolcezza, maturità e suadenza. Profumi di violetta, corteccia asciutta di pino; bocca carnosa e alcolica, con una immediatezza di beva che lo fa sembrare quasi pronto. Montata tannica leggermente rugosa ma di promettente sapidità. Piacevolissimo per ritmo gustativo, nel suo insieme appare vino aggraziato.

Brunello di Montalcino 2006 – “Colore intenso e brillante, frutto maturo e timbro speziato del rovere in assorbimento. Profilo potente ancora alla ricerca della precisione dei dettagli; palato di grande spinta e profondità, ampio, caldo, fruttato, di sorprendente freschezza e progressione”. Così parlò la Guida de L’Espresso 2012. Non posso che confermare parola per parola.

Brunello di Montalcino 2005 – Annata più debole, che marca sia gli aspetti olfattivi, appena pronunciati e non perfettamente focalizzati, sia l’articolazione e l’energia gustativa, che rimangono comunque buone e rendono il vino succoso e fresco. Finale tonico e impettito. Buona prova per l’annata.

Brunello di Montalcino 2001 - Colore integro che denota una evoluzione controllata nonostante gli anni trascorsi: sembra molto più giovane dell’età che ha! China, corteccia, terra bagnata, rosa damascata, viola, alloro, lavanda ma anche agrumi realizzano un caleidoscopio di profumi affascinanti, che richiamano con grande capacità di dettaglio terroir e vitigno. Ottima spinta propulsiva al palato, succo denso, tannini felpati e avvolgenti, finale di classe, inarrivabile ai più.

Brunello di Montalcino 1997 – Annata incensata al tempo, poi alla luce dei fatti rivelatasi più debole delle attese. Non qui, a ben vedere. Al naso le note evolute e terziarie incalzano, fra spunti di cacao, tartufo, marasca sotto spirito, alloro e menta. Tannino cesellato e levigato, a chiosare uno sviluppo che non smette di spingere. Certo che si beve bene, molto bene.

Dulcis in fundo, uno straordinario Rosso di Montalcino 1988, piccolo e commovente cadeau a ricordo di un incontro intenso, cordiale e senza filtri. Come Giulio insegna.
dal sito:http://www.acquabuona.it
Website:www.acquabuona.it
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
toscana (siena) san casciano dei bagni
Alberto Ravazzi  racconta i suoi vini di Toscana a Palazzone- San Casciano dei Bagni (SI)
Donnafugata: il panettone al Kabir viene presentato al Vinitaly
toscana (siena) montepulciano
Cantine Dei Nobile Passione
toscana (grosseto) castiglione della pescaia
Cantina Le Mortelle a Castiglione della Pescaia
piemonte (cuneo) castiglione falletto
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
BARONE SERGIONero dAvola con passione
emilia-romagna (piacenza) ziano piacentino
CANTINE CASABELLAAumenta lexport in Sudamerica
ONAV Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino
toscana (siena) montalcino
BIONDI SANTI SINONIMO DI VINO DI QUALITA’Dal Brunello al Sassoalloro: Come Conquistare il Palato degli Italianie Non Solo
trentino-alto adige (bolzano - bozen) termeno sulla strada del vino - tramin an der weinstrasse
CANTINA TRAMINFondata a Termeno (BZ) dal parroco del paese
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
Le Manzane Natale 2017: il Prosecco Docg che aiuta i disabili
Enartis presenta Zenith: la rivoluzione nella stabilizzazione del vino
CONSORZIO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANOPiero di Betto nominato Presidente
SILVER COCKTAIL BRANDIMARTEAlla Loggia di Piazzale Michelangelo 92esima edizione di Pitti Immagine Uomo
MARGHERITA PELLEGRINI CANTINIERE DELLANNOConsorzio Vino Nobile di Montepulciano
Wine World
TOP WINE DALLARGENTINADa oggi in Italia su buenowine.com
OFFERTA VINI INTERNAZIONALIPromozione BuenoWine
LA PREGIATA UVA MALBECUn vitigno importante con spiccate caratteristiche
VINI UNICIBueno Wine seleziona i migliori vini dal mondo
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
#BEVISORDO A COLLISIONIIl 13 Luglio 2017
SORDO VINIGrande successo per levento I Fantastici 8 Cru di barolo 2013
CANTINE LA PERGOLA: da Moniga del Garda (BS) la sfida bio di un nuovo brand da 300 mila bottiglie
ROSE 2012 DI BARONE PIZZINIMiglior metodo classico Bio dItalia
 DI KANDINSKY LA LIMITED EDITION DE LA GROLA 2013 DI ALLEGRINIIl Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo al Vinitaly per la presentazione ufficiale
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
UVA DENTRO E FUORI LA SPAAlto Adige. Autunno in bellezza con i trattamenti all’uva di Terme Merano
VINO E BENESSERETutto il buono del vino
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
PRESENTATA A BERGAMO LA NUOVA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLILa nuova edizione della guida Oro
TUTTE LE NOVIT DELLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2016A Siena svelati i prestigiosi Sole
I SUPER TRE STELLE 2016 PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLIEcco i vini
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
Fiere & eventi
Fieragricola Enovitis in Campo fa già il Pieno di IscrizioniGrande Partecipazione ai Convegni
Main Event Cocktail Show alla sua terza edizione stupisce ancoraAl via la seconda giornata di Food&Wine in Progress
MAIN EVENT COCKTAIL SHOWIn occasione di Food&Wine in Progress a Firenze Stazione Leopolda
ORTE IN CANTINAPercorso itinerante tra specialità locali e vini di qualità
FOOD AND WINE IN PROGRESSAlla Stazione Leopolda la Terza Edizione
Ristoranti
RISTORANTE AL CAPITELLOL’eccellenza dai sapori naturali
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
PASTA FRESCA ALLE ROSOLINE DI CAMPOPerfetto abbinamento con Prosecco Superiore DOCG
BISTECCA ALLA FIORENTINA E CHIANTIUno dei piatti più famosi al mondo unito ad un grande vino
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Arte Wine
A Firenze il Chianti Classico Colle Beretoe l’EnoArte di Elisabetta Rogai brindano alla tecnologia della nuova Classe A della GMG Mercedes
ELISABETTA ROGAI A MILANORassegna Cibum Nostrum
ENOARTE E LA PUGLIAAl Gourmettino l’Osteria Contemporanea di Domenico Cilenti
QUATTRO VINI DI SIENA PER ELISABETTA ROGAIL’artista fiorentina dipinge anche con il vino del territorio senese il Drappellone del Palio dell’Assunta
DIPINGERE COL VINO?Adesso è un film-documentario su Arianna Greco
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
NOCCHINO E FOGLIA TONDA DI PODERE EMAUn viaggio fra i sapori della Toscana
IL SOLE DEI TEMPIDa Massucco un vino da provare
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Non solo vino
FENIMPRESE FIRENZE ADOTTA LA PIATTAFORMA DIGITALE FENPLACEPiattaforma digitale di comunicazione
RINASCE CON LA TERZA GENERAZIONE IL MARCHIO BRANDIMARTEGrazie alla nipote Bianca Guscelli
ACETO BALSAMICO DEL DUCA CELEBRA I 125 ANNI DI STORIABottiglia limited edition dal logo in lamina doro
RIVIERA GINDalla Romagna il primo e unico gin italiano prodotto con distillato di vino
FIRENZE ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA PUGLIAVenerdì 10 giugno al Ristorante Tosca