The wine italia, il nuovo modo di conoscere il vino. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti. TheWineItalia è un prodotto "Web Mouse Consulting Srl" Strada di Paderna, 2, 47895 Domagnano (RSM), e-mail info@thewineitalia.com
Strip Sinistra
Strip Destra
VINI ITALIANI
Condividi nei social network   

Amarone


pubblicato il 22/12/2012 12:24:02 nella sezione "Vini Italiani"


Amarone
L'Amarone della Valpolicella è un vino a DOCG prodotto in numerosi comuni della provincia di Verona.
I vitigni con cui è consentito produrlo sono Corvina veronese (40-45%), Corvinone che può sostituire il precedente nella misura massima del 50%, Rondinella dal 5 % al 30 % e altri vitigni a bacca rossa non aromatici, ammessi alla coltivazione per la provincia di Verona fino ad un massimo del 15% con un limite del 10% per ogni singolo vitigno.
Esistono anche altri vitigni classificati autoctoni italiani, a bacca rossa, ammessi alla coltivazione per la Provincia di Verona per il 10% totale. L'Amarono ha un colore rosso carico che tende, con l'invecchiamento, al granato e un sapore pieno, vellutato e caldo. La gradazione minima prevista è di 14º. Per i più corposi può raggiungere anche i 16º.Il nome di questo rosso veronese strutturato, Amarone, deriva dalla parola “amaro”, adottata per distinguerlo dal dolce del Recioto della Valpolicella da cui ebbe, seppure involontariamente, origine.

Il nuovo epiteto Amarone per indicare il Recioto Amaro o Recioto Secco nasce nella primavera del 1936 nella Cantina Sociale Valpolicella, al tempo con sede presso Villa Mosconi ad Arbizzano di Valpolicella, ad opera del capocantina Adelino Lucchese, palato e fiuto eccezionali che, grazie al fortunato ritrovamento di una botte di recioto dimenticata in cantina e spillando il Recioto Amaro dal fusto di fermentazione, uscì in una esclamazione entusiastica: “Questo non è un Amaro, è un Amarone”. Il capocantina aveva regalato alla Valpolicella la parola magica e il direttore Gaetano Dall’Ora la usò subito in etichetta. La Cantina Sociale di Negrar nell’ingresso attuale ostenta giustamente una lettera di spedizione del 1942 con descrizione di “Fiaschetti di Amarone 1938”. Praticamente il recioto, messo in botte e poi dimenticato, continuò a fermentare fino a diventare secco. Gli zuccheri si sono così trasformati tutti in alcol e hanno fatto perdere la dolcezza al vino, al quale, in contrapposizione a quello che avrebbe dovuto essere, è stato dato il nome di Amarone. Fatta la scoperta, non è che l’Amarone fu subito perfetto. Anzi, a volte veniva fuori per combinazione, per fortuna, ancora dolce ma con un sapore finale di mandorla, magari risultato di una partita di Recioto in cui la fermentazione era sfuggita al controllo del produttore.

Di "vino amaro" si parlava fin dai tempi di Catullo nel Carme n. 27 (49 circa a.C.) reclama “calices amariores” (bicchieri più amari). Ma ben altri documenti ne danno testimonianza.

Cassiodoro, nei primi anni del IV secolo, ricerca l’Acinatico della Valpolicella, rosso e bianco per la mensa del re ostrogoto Teodorico: si ritiene che fosse un "recchiotto amaro", scrive G. B. Peres nel 1900, opinione coincidente con quella del Panvinio, che nell’Acinàtico di Cassiodoro riconosce il Rètico di Augusto[2] e del Sarayna (1543) che parla dei vini della Valpolicella "neri, dolci, racenti e maturi".

Tracce della predilezione per questo vino e per le uve che lo producono si ritrova anche nell'Editto di Rotari che stabiliva pene molto severe per chi arrecava danno alle viti e multe salate per chi rubava i grappoli. Per gli anni successivi al 1000 d.C. vi è traccia di alcuni atti d'acquisto e vendita di vigneti nella zona di produzione di "Amarone della Valpolicella", anzi il vino è considerato al pari del denaro per pagare i diritti feudali. Nei secoli successivi prosegue la presenza di "Amarone della Valpolicella" nei documenti ufficiali e negli scritti degli umanisti. Un estimo del 1503 attesta che la zona di produzione di "Amarone della Valpolicella" era una valle ricca e famosa grazie ai suoi vini. Fama che è continuata sino all' epoca illuministica quando Scipione Maffei in un importante testo ha proposto la dizione "amaro" per indicare il vino «d'una grazia particolare prodotto in Valpolicella».

Ma forse più di ogni altro vale il giudizio emesso da assaggiatori francesi a Parigi nel 1845 su una partita di vino "Rosso Austero Costa Calda" di San Vito di Negrar vecchio di 11 anni: "Supremo vino d’Italia... preferibile a diversi Bordeaux ed Hermitage".

Molti altri scrittori e studiosi si sono interessati a questo vino nei secoli successivi per arrivare alle prime analisi organolettiche su questo vino riportate nel bollettino della stazione agraria sperimentale di Verona della fine del 1800. I primi esemplari di bottiglie di "Amarone" senza etichetta arrivarono solo nei primi anni del Novecento per un uso familiare o destinati agli amici.

Per trovare la prima etichetta e il primo documento di vendita dobbiamo arrivare al 1938, ma venne ufficialmente commercializzato a partire dal 1953 da parte della cantina Bolla[3], anno di messa in commercio dell'Amarone fatto per scelta e non per fortuna. Ottenne subito un grande successo, anche se presso un pubblico contenuto di appassionati come era e rimane la produzione di questo vino, che copre il 10% di tutta la produzione dei vini del territorio, dominati dal Valpolicella e dal Valpolicella Superiore, rossi giovani e profumati, spesso da bere subito, freschi e gustosi.

Nel 1968 si è giunti all'approvazione ufficiale del primo disciplinare di produzione e al riconoscimento della DOC. Allo scopo di tutelare l'identità delle diverse tipologie inserite nella denominazione "Valpolicella", "Valpolicella Ripasso", "Recioto della Valpolicella" e "Amarone della Valpolicella", il 24 marzo 2010 sono stati adottati appositi decreti ministeriali con i quali le quattro tipologie sono state rese autonome. Il successo di "Amarone della Valpolicella" ha attraversato indenne i secoli, arrivando fino ad oggi come testimoniato dall'attenzione che continuano a tributargli giornalisti ed esperti di vino, che ne riconoscono la peculiarità inserendolo nelle più importanti guide enologiche come Buoni Vini d'Italia Touring Club, Vini d'Italia Gambero Rosso, Veronelli, Luca Maroni, Espresso, Enogea, Wine Enthusiast.
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
abruzzo (pescara) spoltore
Cerasuolo D’Abruzzo DOC  La Valentina 2011
trentino-alto adige (bolzano - bozen) termeno sulla strada del vino - tramin an der weinstrasse
Pinot Nero 2012 Cantina Tramin
Vermouth
toscana (pisa) montescudaio
Il Gianfra Montescudaio Riserva Rosso DOC
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
piemonte (cuneo) treiso
Moscato d’Asti Rizzi 2012
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
Sogno di...Vino al Relais Todini da 150 Euro
Montefalco Sagrantino
Montepulciano dAbruzzo
Prenota Degustazioni
Cerca il tuo vino
per territorio, caratteristiche e prezzo

Aziende Vinicole

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News Wine
CANTINA COLUMBIA CRESTAl 1° posto come WINE OF THE YEAR.
ACQUISTARE VINO ONLINEL’ultima frontiera è il sommelier digitale
VINO E VULCANIUnaccoppiata vincente
LUNGAROTTIUn romantico bagno al vino per due
LUMBRIA INCONTRA IL KAZAKISTANL’esperienza di Cardèto
Wine World
www.buenowine.comGRAN SELEZIONE VINI INTERNAZIONALI PREMIATI NEL MONDO.
I VINI CILENI CONTINUANO A STUPIRE Amati da appassionati ed esperti di tutto il mondo
BUONE WINEMigliori vino dal mondo
LAMARONE GIRA LA SVEZIA IN MOTOMasi on the road alla scoperta di nuovi abbinamenti
I VINI ARGENTINI CRESCONO E si fanno apprezzare nel mondo
Le cantine
NURAGHE CRABIONIUn Sorso di storia per vini di qualità
CANTINE RAVAZZIUn nuovo packaging elegante e raffinato
DOUJA DOR AL LAGREIN RISERVA BARBAGOL DI LAIMBURGLOscar dei vini in Alto Adige
RITORNO AL FUTURO PER LA CANTINA BARTOLINICambio di guardia nella storica Cantina Bartolini
BIONDI SANTI SINONIMO DI VINO DI QUALITA’Dal Brunello al Sassoalloro: Come Conquistare il Palato degli Italianie Non Solo
Enologo e agronomo
Passaporto genetico dei principali vitigni autoctoni Italia
In breve:Vino In Purezza
Roberto Cipresso
Luca DAttoma
Asso Enologi
Salute e benessere
VINO & SALUTELassociazione che promuove la ricerca scientifica sugli effetti benefici del vino.
Piante Resistenti a Malattie Fungine: Meno Anticrittogamici in Vigna
Solo in Ottobre: l’Uva Fresca di Vendemmia   SCOPRI LOFFERTA
Acini per la Bellezza: Massaggio 50 Minuti   7400
Cura Idro-Energetica in Umbria da 350 Euro
Wine style
CANTINE ENOTECHE E VINERIECome risparmiare con la tipografia online
VACANZA ENOGASTRONOMIA IN UMBRIAWine Break destate a Torgiano
CONCORSO FOTOGRAFICO PIACENZA DOROLeccellenza in uno scatto
A SPASSO PER ROMAGirovagando con gusto
INTERVISTA A ALESSANDRA CONFORTIL’importanza della comunicazione nel settore vitivinicolo
Guide
LA GUIDA SUL LAMBRUSCO86 schede con i migliori vini le analisi sensoriali immagini e dati tecnici di produzione
Slow Food presenta: Il Vino Quotidiano
La Puglia e Servita
Annuario dei Migliori Vini Italiani 2013
VERONA WINE TOP
Fiere & eventi
NOBILE DI MONTEPULCIANO E MONTEPULCIANO DABRUZZO INSIEMEDue grandi vini diversi
EMOZIONE E MUSICA ALLA CANTINA ANTINORI NEL CHIANTI CLASSICOI Dire Straits Legends incantano il pubblico toscano
BANDE NERE AL MONTARQUATO SUMMER
FESTA DELLA TREBBIATURAA  Castiglione in Teverina - Viterbo
MONTARQUATO SUMMERL’ortrugo dell’estate delle Cantine Casabella
Ristoranti
A FIRENZE CUCINA ETRUSCADai lampascioni al garum
OSTERIA DE LORTOLANORicercatezza delle Materie Prime e Alta Qualità a Due Passi dal Duomo
TAVERNA ANGELICAAutenticità e Cortesia nel Cuore di Roma
TRANI LA CENA DEI COLORILa primavera servita a tavola
SAN VALENTINO 2014amoreprendimi per mano
Compro e vendo
VENDESI Azienda Gaiole in Chianti
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. PPEI000053
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. CSDT000345
VENDESI Azienda agricola Montepulciano - COD. RPDT000448
VENDESI Azienda agricola Grosseto - COD. RSDT000473
Il ricettario
VIN BRULEPreparazione e Storia
Torta Ubriaca con Cioccolata e Vino Rosso
Orzotto con pere e radicchio rosso affogato al Vino Rosso
Patatine Novelle al Vino Rosso
La Divina e LEbbro di Pulcinella
Arte Wine
UN DECANTER ROMANO AL VINEXMuseod el Vino di Firenze
LANDS PEOPLE WINELa Puglia e larte
W L’ARTE VIVAEredi Chiarini Elisabetta Rogai e Adriano BimbiLa moda incontra l’ arte
LANDS PEOPLE WINEI vignaioli pugliesi nella mostra di Claudio Brufola
MUSEO DELLA CIVILTA DEL VINO A MANDURIAQuando il Vino Diventa Cultura
Enoteche
ENOTECA PROVINCIALE DEL TRENTINODegustazione di vini salumi e formaggi
ENOTECA VINCANTO MilanoZuppa di cipolle di Isabella
ENOTECA PALAZZO PICCOLOMINI SIENANel 1987 ho ideato a Siena Le Bollicine primo bar à vin della città del Palio.
ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNAdal 1970 per difendere i vini del territorio Emiliano
ENOTECHE ITALIANE IN RETEComunicazione tra le enoteche italiane i produttori di vino ed il numeroso pubblico di internet.
Vini Italiani
IL VINO PI PREZIOSODalle Cantine Ravazzi agli amanti del buon vino
DIVINITYTutto il prestigio delle bollicine
IL BAROLOUn Nettare che Arriva dal Nebbiolo
PROSECCOUna Storia di Duemila Anni
The Wine Italia Consiglia...I Rossi Per Le Feste!!!
Non solo vino
BIRRAIO IN SALOTTOSi conclude il 1 luglio il ciclo di incontri
NASCE OLIVARTEIl giusto equilibrio tra modernità e tradizione
UMBRIA LIBRI 2014 Enrico Vaime presenta il suo ultimo libro a Perugia
IN SALOTTO CON IL BIRRAIODa Baladin Milano
VIAGGIO NEL SALENTOQuando il vino incontra i Tarallini