The wine - la rivista sul mondo del vino
Istantanee di Vino Young&Wine edition
pubblicato il 08/11/2012 11:46:18
Grazie a una iniziativa promossa dal Consorzio Tutela Vini d'Asti e del Monferrato, cinque giovani promesse della fotografia, selezionate all’interno del Corso di Formazione Avanzata in Fotografia e del Corso Triennale di Fotografia dell’Istituto Europeo di Design, hanno interpretato, secondo la propria sensibilità la Barbera d’Asti, il vino piemontese dalla grande tradizione.
Il vino, le aziende, il lavoro dell’uomo e il territorio di produzione della Barbera d’Asti D.O.C.G. , sono state il fulcro del percorso fotografico dei giovani reporter, da cui prenderà le mosse, nei prossimi mesi, un tour “eno-fotografico”. La mostra fotografica itinerante sarà ospitata nei migliori locali delle principali città italiane. Sarà l'occasione per assaggiare un calice di Barbera D'Asti DOCG e immaginarsi sul suo territorio.
L'evoluzione qualitativa
A partire dalla vendemmia 2008 i vini Barbera d’Asti possono fregiarsi della Denominazione di Origine Controllata e Garantita, a testimonianza di un percorso evolutivo che ha decisamente imboccato la strada della qualità e della totale trasparenza nei confronti dei consumatori.

L’inizio della riscossa è segnato dalle scelte di alcuni produttori che trasformano il nostro vino più tradizionale in un vino rosso corposo, morbido e stabile, come si può ottenere dalle uve Barbera quando sono perfettamente mature. Questo vitigno, in effetti, ha la capacità di fornire vini molto differenti, anche se facilmente riconducibili ad una matrice comune, a seconda del livello di maturazione raggiunto dalle uve.

Per questo è in grado di esaltare i migliori vigneti per esposizione e equilibrio fisiologico delle piante.


Da questi elementi è nata l’accelerazione che ha portato la Barbera d’Asti alla situazione attuale caratterizzata da vini che presentano acidità più moderate e una maggiore concentrazione in materia colorante, conseguenza diretta del miglioramento del livello di maturazione.

Grazie a questi cambiamenti il nostro vino ha guadagnato in immagine, cominciando ad affermarsi in mercati più lontani e più difficili di quelli tradizionali, consolidando anche l’immagine della denominazione.

Un ulteriore salto di qualità è dovuto al successo dei vini di livello Superiore prodotti da uve selezionate e con tecniche di vinificazione personalizzate che ne hanno esaltato le capacità di espressione gusto-olfattiva.
>